Dovresti vedere cosa ti manca: svantaggi dello scatto di file JPG.webp

In questo articolo, scopri alcuni degli svantaggi dello scatto di JPG.webp. È facile vedere i problemi quando sono in bella vista, ma è molto più difficile vedere le cose quando sono nascoste. Questa situazione si applica alle immagini fotografiche contenenti ombre profonde e luci luminose.

Quando l'equilibrio tonale di una scena è sbilanciato, alcuni dei dettagli critici e persino l'emozione della foto possono perdersi nel processo. Il bilanciamento e la distinzione di tutte e cinque le zone di tonalità (alte luci, quarto, medio, tre quarti e ombra) sono fondamentali per la chiarezza dell'immagine.

Dettaglio

Lo scatto sopra è stato catturato a Dresda in Germania mentre la mia fotocamera era in modalità manuale (tutte le impostazioni devono essere bilanciate manualmente). Ovviamente, la mia scelta delle impostazioni di esposizione era orribilmente sbagliata. Per questo, non offro scuse.

Quando accade qualcosa del genere e non hai la possibilità di riprendere l'immagine, puoi comunque salvare la maggior parte dei colori e dei toni se la tua fotocamera è stata impostata per acquisire immagini RAW. Quindi puoi regolare con giudizio le impostazioni tonali nel software interprete RAW (puoi vedere le mie regolazioni per quell'immagine sotto).

La mia modalità di scatto normale è catturare sia immagini JPEG.webp che RAW proprio per questo motivo. Se avessi catturato solo il file JPEG.webp, i tentativi di ripristino sarebbero stati brutti. I file RAW catturano una latitudine di toni ben oltre la gamma limitata di JPEG.webp.

Chiarezza

Immagina di provare a raderti o truccarti davanti a uno specchio appannato. Questa sarebbe una ricetta per il disastro. Finché le goccioline d'acqua rimangono sullo specchio, le onde luminose vengono interrotte e la chiarezza viene diffusa. Gli specchi, come le buone foto, fanno affidamento sulla chiarezza. E in fotografia, la chiarezza è sempre un prodotto di contrasto.

Quando non sono presenti chiare distinzioni nella gamma tonale, i dettagli si perdono. In questo caso, sia la luce che l'ombra sono indistinte. Non c'è una chiara distinzione tra le luci (la zona più chiara dell'immagine) e le ombre (la zona più scura dell'immagine).

Scene ad alto contrasto

Questa rievocazione storica del Macbeth di Shakespeare al Renaissance Festival di Atlanta ha avuto luogo a mezzogiorno in una giornata molto luminosa e soleggiata (immagini sotto.

Immagine originale

Mentre la fotocamera registrava correttamente sia le alte luci che le ombre profonde, il contrasto era così intenso che i dettagli andavano persi sia nelle aree luminose che in quelle in ombra dell'immagine. Le scene ad alto contrasto si verificano spesso durante le ore diurne con cieli senza nuvole o addirittura parzialmente nuvolosi.

La luce del sole era così intensa che intere aree dell'immagine sono illuminate intensamente mentre altre sono abbastanza scarsamente illuminate. Mentre i nostri occhi possono adattarsi a un'ampia gamma di luce, il sensore della fotocamera digitale non può regolare contemporaneamente entrambi gli estremi.

Dopo la modifica

Mentre il dettaglio è il prodotto del contrasto; Non sto parlando del contrasto generale, ma del contrasto della zona tonale interna. Affinché un'immagine a gamma completa possa visualizzare i dettagli, deve esserci una chiara separazione di queste cinque zone.

"Tone-zone" è un termine che uso per descrivere i cinque toni facilmente identificabili in una fotografia digitale. Quasi tutte le foto contengono tutte e cinque le zone. Le uniche eccezioni sono le foto estremamente alte e estremamente basse.

La stessa mancanza di dettagli può essere osservata in scene ad alto contrasto; quelli la cui gamma di illuminazione copre tutto, dal nero al bianco. La foto sotto mostra una scena che si trova tipicamente in situazioni di forte luce solare. La drammaticità del contrasto rende sicuramente l'immagine attraente, ma mancano dettagli significativi e mancano in pieno giorno.

Lost in the Shadows

Nell'immagine in basso a sinistra, l'impostazione dell'esposizione della fotocamera ha calcolato la media dell'esposizione tra i valori più scuri e più chiari nella scena. Sfortunatamente, la forte luce solare proiettava ombre scure sotto i passaggi pedonali e il sensore di immagine non aveva modo di distinguere questi toni. L'immagine a destra è dopo l'elaborazione.

La sfida più comune che tutti noi affrontiamo è quando un'immagine è immersa nella luce ed è perfettamente esposta, ma le aree di ombra profonda nascondono i dettagli. La fotocamera ha calcolato la media di tutta la luce nella scena ma non è riuscita a compensare le ombre forti. Il sensore di immagine cattura l'intera gamma di luce tra luci e ombre. Ma non può alterare il contrasto interno dell'intera gamma, in quanto non può discernere ciò che la vista umana percepisce come illuminazione “bilanciata”.

Il ponte nella foto sopra è un ottimo esempio di fotocamera che incontra troppa luce o gamma dinamica.

Notare che entrambe le luci (in alto a sinistra) sono completamente spente e anche le ombre più scure (all'interno del tunnel sotto il ponte) sono tappate. Questa situazione richiede l'intervento umano. Accurate regolazioni di ombre e luci tramite la finestra di dialogo Luci / Ombre di Photoshop hanno ripristinato i dettagli. Ho convertito l'immagine in scala di grigi in RGB e ho aggiunto l'aspetto seppia tramite la finestra di dialogo Tonalità / Saturazione.

La tua fotocamera e i tuoi occhi vedono in modo diverso

Il problema della tonalità deriva dal fatto che i tuoi occhi possono vedere e la tua mente può elaborare un'illuminazione molto più dinamica di quanto la tua fotocamera sia in grado di fare. La stessa scena che la tua mente ha immaginato prima di scattare la foto è apparsa molto più dettagliata di quella mostrata sul tuo monitor. Allora cosa è successo e perché?

Ogni volta che focalizzi gli occhi su un soggetto, l'occhio si adatta all'illuminazione nella parte della scena che desideri vedere. La pupilla dell'occhio si apre per vedere i dettagli nelle aree più scure e si chiude (come l'apertura dell'obiettivo) verso il basso per filtrare la luce estremamente intensa. Il tuo occhio ha un netto vantaggio rispetto a una fotocamera digitale, perché si adatta all'illuminazione in ogni parte della scena quasi istantaneamente.

Quando la tua attenzione si sposta leggermente, l'occhio si adatta per riprodurre perfettamente l'illuminazione. Bene, quasi perfettamente. Hai ancora dei limiti come non puoi fissare direttamente il sole e vedere i dettagli e non puoi distinguere i dettagli seri sotto la luce della luna, ma hai l'idea.

Questo acclimatamento visivo avviene costantemente e in modo abbastanza automatico perché i tuoi occhi vedono la vita reale più o meno allo stesso modo in cui un video cattura il movimento; decine di singoli scatti "fissi" proiettati nella tua mente ogni secondo. Appaiono e vengono regolati dalla tua mente così rapidamente che non ti accorgi nemmeno che accade.

La tua fotocamera è in svantaggio

La tua fotocamera, d'altra parte, cattura un momento di tempo congelato per ogni immagine. E poiché la fotocamera non è in grado di adattarsi individualmente a diverse aree della scena, l'impostazione di esposizione corrente cattura solo la gamma di luce possibile all'interno di un singolo scatto. I limiti della tua fotocamera sono determinati in gran parte dalle impostazioni ISO, velocità dell'otturatore e apertura che hai impostato al momento dello scatto.

Questo è in aggiunta agli svantaggi di scattare JPG.webp.

Sebbene la tua fotocamera abbia dei limiti, ci sono regolazioni che puoi apportare sia al contrasto interno che a quello generale di ciascuna immagine. Effettuare queste regolazioni porterà le tue foto molto più vicine nell'aspetto a ciò che la tua mente ha percepito quando hai fatto clic sull'otturatore.

Basso contrasto e cattivo bilanciamento del colore

Non importa quanto sia avanzata la tua fotocamera o quanto esperto sia un fotografo, a volte ti ritroverai con un problema di esposizione come questo. Se il soggetto è abbastanza importante, devi trovare un modo per salvare e ripristinare l'immagine alla sua gamma tonale completa, bilanciamento del colore e dettagli. L'illuminazione interna di questa secolare cappella del castello era mista e buia.

Le cattive condizioni di illuminazione all'interno di questa cappella rappresentavano una seria sfida per l'illuminazione.Fortunatamente, i dati dell'immagine in questa acquisizione RAW potrebbero essere reinseriti e modellati nella vita reale.

Le tue regolazioni principali sono Tonalità, Saturazione e Luminanza. Per sfruttare al meglio questi strumenti ti consiglio caldamente di catturare le tue immagini in formato RAW e di regolarle in un interprete RAW (Lightroom, Camera Raw, Exposure X-3, ON1 Photo Raw, ecc.). I controlli principali sono molto simili in ciascuno di questi pacchetti.

Conclusione

Quindi non accontentarti mai di ciò che appare per la prima volta sul tuo monitor. Se hai catturato l'immagine in formato RAW, hai registrato tutte le informazioni possibili su colore e luce. D'altra parte, se hai salvato solo un file JPEG.webp, le tue regolazioni saranno piuttosto limitate. Impara a spostare colori e toni nelle tue immagini RAW per vedere cosa ti manca.

Spingi i pixel in giro e rimani concentrato.

Articoli interessanti...