Suggerimenti per la ripresa di paesaggi con un teleobiettivo

La fotografia di paesaggio è il regno dell'obiettivo grandangolare. Giusto? Non è vero? Sono sicuro di averlo letto da qualche parte. "Quando si fotografa il paesaggio, utilizzare un obiettivo grandangolare." So di averlo sentito. Probabilmente l'abbiamo fatto tutti. Ma semplicemente non è vero. Quindi, in questo articolo, ti darò alcuni suggerimenti per riprendere paesaggi con un teleobiettivo o un obiettivo lungo.

A 100 mm, sono stato in grado di riportare i dettagli del Denali e della vicina catena montuosa dell'Alaska vista da Talkeetna, in Alaska.

Pensa oltre l'ampia visuale

Certo, gli obiettivi grandangolari sono fantastici per il paesaggio, li uso spesso. Ma non dovrebbero essere l'unico strumento nella tua scatola quando fotografi il paesaggio. In effetti, mentre sfogliavo il mio catalogo di immagini alla ricerca di immagini per questo articolo, ho scoperto che molti dei miei scatti di paesaggi preferiti sono stati realizzati con un obiettivo diverso da un grandangolo. Molti erano nella gamma 70-200 mm e alcuni erano persino realizzati con super teleobiettivi a 500 mm o 600 mm.

Se passi molto tempo a fotografare paesaggi, allora saprai che ci sono situazioni in cui un grandangolo non è all'altezza. Ecco alcune riflessioni ed esempi di quando applicare teleobiettivi di diverse lunghezze alla tua fotografia di paesaggio.

Una montagna altrimenti non descrittiva diventa un argomento interessante quando la luce del sole screziata gioca sulla tundra.

Teleobiettivo corto da 50-100 mm

Solo un gradino sopra l'obiettivo "normale" si trova il teleobiettivo corto. Molti zoom utilizzati di frequente, come le lunghezze popolari 24-70 mm e 24-105 mm, rientrano in questa categoria. Poiché le immagini realizzate in questa gamma non sono molto superiori a un obiettivo standard, condividono molte delle stesse caratteristiche.

Rimane una notevole profondità di campo, anche ad aperture abbastanza ampie, e il campo visivo è sufficientemente ampio da includere grandi elementi del paesaggio, come intere montagne o ampie anse di un fiume.

Pur mantenendo alcuni dei vantaggi di un obiettivo grandangolare o standard, anche i teleobiettivi corti mantengono alcune delle sfide. Questa gamma non è solo per i dettagli del paesaggio, piuttosto spesso sono inclusi elementi sostanziali del cielo o del primo piano, che ricordano la classica composizione del paesaggio.

Come in un paesaggio grandangolare, devi considerare i molti diversi strati di un'immagine (primo piano, metà terreno, sfondo, soggetto, ecc.). A differenza di uno scatto ampio, tuttavia, la profondità di campo è compressa, quindi quando possibile, usa un f-stop alto (come f / 11 of / 16).

Pensa a questo intervallo (50-100 mm) come uno strumento per semplificare la composizione, ma ciò non significa che sia facile far funzionare un'immagine.

Intervallo 100-200 mm

La tempesta descritta di seguito rotola sul fiume Kelly nella Noatak National Preserve dell'Alaska nord-occidentale.

Mentre sfogliavo il mio catalogo di Lightroom alla ricerca di immagini, sono rimasto sorpreso di scoprire che questa gamma di lunghezze focali (100-200 mm) è in realtà una delle mie più utilizzate. Mi aspettavo di trovare molti ritratti e scatti d'azione, ma sono rimasto sorpreso di vedere quanti paesaggi sono apparsi.

Un paio di anni fa, stavo facendo un'escursione con un gruppo di clienti su una remota montagna nell'estremo nord-ovest dell'Alaska. Era il tardo autunno, il mio ultimo viaggio della stagione. La tundra sottostante era un mosaico di rosso, giallo e arancione. Avevamo raggiunto una piccola vetta e stavamo scendendo quando nuvole minacciose apparvero sul lato opposto della valle. Dal modo in cui soffiavano le precipitazioni, potevo dire che quelle nuvole non contenevano pioggia, ma neve, e molto.

La mia mente ha preso due direzioni contemporaneamente. La guida che è in me, orientata alla sicurezza e avversa al rischio, mi ha detto che dovevo scendere dalla montagna con i miei clienti e velocemente. Avevamo ancora duemila piedi di discesa, più tre o quattro miglia da percorrere per raggiungere la sicurezza del campo.

Il fotografo che è in me, invece, voleva lasciare lo zaino, tirare fuori la macchina fotografica e mettersi al lavoro. Sono sceso a compromessi, fermandomi regolarmente per girare mentre scendevamo con cautela. Ho fatto molto affidamento su un teleobiettivo di fascia media, allungando la mano con il mio obiettivo per trovare i modelli nella tundra, la tempesta ondeggiante e la spazzata del fiume.

I teleobiettivi ti consentono di giocare con i modelli. Qui ho lavorato con un torrente che scorre attraverso la tundra autunnale nel Denali National Park, in Alaska.

Poiché quella lunghezza focale era troppo lunga per mostrare un ampio campo visivo, ho isolato i componenti che raccontavano la storia. Ho ignorato il primo piano, ritagliandolo (nella fotocamera) completamente fuori dalla composizione. Dal mio trespolo in alto sopra il fiume, tutto nell'inquadratura era lontano, massimizzando la profondità di campo e sollevando qualsiasi necessità di scegliere un punto focale. UN

È qui che prospera questa gamma di teleobiettivi: elementi del paesaggio distanti possono essere visualizzati nel contesto, nitidi dalla parte anteriore a quella posteriore.

Teleobiettivo lungo 200-400 mm

A 300 mm, un dettaglio può diventare un soggetto, o qualcosa di completamente astratto, come queste montagne lontane riflesse all'alba nel Salar de Uyuni, in Bolivia.

In alto sull'Himalaya del Bhutan, mi alzai prima dell'alba e camminai per un quarto di miglio fino a una collinetta della media valle. A 15.000 piedi anche quel piccolo sforzo mi ha stancato. Mi ripresi, ansimando, e osservai un denso banco di nebbia scorrere nella luce grigiastra.

All'alba del mattino, la nebbia iniziò a rompersi, rivelando e nascondendo alternativamente vedute strette delle cime circostanti. Le rocce e i ghiacciai delle montagne in alto sopra lo strato di nebbia erano illuminati dal sole mattutino, mentre io rabbrividivo nella nebbia umida.

Attraverso l'obiettivo da 24 mm della mia fotocamera, ho visto poco ma grigio. Frustrato, ho tolto l'obiettivo e l'ho sostituito con un lungo teleobiettivo zoom. Quando una finestra si è aperta nella nebbia, l'ho seguita con la mia macchina fotografica in attesa che apparisse qualcosa. Lasciando che le nuvole facessero la mia composizione per me, ho scattato delle immagini: un ghiacciaio, una cresta frastagliata, una punta di lancia.

Un fianco di Jhomolhari, un picco himalayano, appare attraverso un buco nelle nuvole. Con un grandangolo, questo sarebbe stato un piccolo frammento di un'immagine grigia.

Quando le circostanze sono giuste, un lungo teleobiettivo può essere uno strumento di salvataggio del viaggio per un fotografo di paesaggi. La mattina sopra descritta è stata l'unica possibilità che avevo per fare delle immagini da quel campo in cima alle montagne. Senza una lunga lente, quella dolce luce che toccava le montagne soprastanti sarebbe apparsa come un minuscolo puntino in un mare grigio.

Raramente c'è molta profondità nelle immagini realizzate in questa gamma focale. La profondità di campo è ridotta alla maggior parte delle aperture e può essere difficile o impossibile mantenere la messa a fuoco in tutti gli strati dell'immagine. Quindi seleziona attentamente il tuo punto focale e poi componi la tua immagine per adattarla alla storia che vuoi raccontare. La lunghezza focale può ridurre il paesaggio in parti più piccole, ma ciò non rende la tua composizione meno importante.

Super teleobiettivi da 400 mm e superiori

Non sono molti i fotografi che spendono migliaia di dollari per un obiettivo da 500 mm o 600 mm f / 4 per riprendere il paesaggio. Eppure i super teleobiettivi sono in grado di catturare paesaggi sorprendenti e unici.

Sarò onesto. Il mio bicchiere grande rimane a casa a meno che non mi aspetto di vedere la fauna selvatica. In backcountry, dove scatto molto, il mio 500mm f / 4 è troppo grande per essere portato in giro. Tuttavia, in diverse occasioni, si è rivelato utile per realizzare alcune immagini atipiche del paesaggio.

Un equivalente di 600 mm mi ha permesso di portare una cresta del Denali nel Denali National Park, in Alaska, e di mostrare dettagli ravvicinati.

Diversi anni fa stavo guidando alcuni fotografi di uccelli in un viaggio nella pianura costiera dell'Arctic National Wildlife Refuge. Eravamo accampati vicino alla costa, sul delta di un fiume a poca distanza dall'Oceano Artico. Avevamo esplorato felicemente la tundra, fotografando gli uccelli in abbondanza e prestando raramente attenzione al paesaggio.

Ma una sera (in realtà a tarda notte), il sole che non tramontava mai al minimo e irradiava una luce dorata sulla distesa di tundra tra noi e le montagne. Era cristallino, ogni dettaglio visibile nelle vette lontane. Il 500 mm montato su treppiede appoggiato sulla mia spalla contusa era lo strumento perfetto.

La grande distanza dalle montagne consentiva a vaste aree della pianura costiera e delle colline pedemontane di mantenere la concentrazione. Tutto era compresso, facendo apparire gli elementi che si trovavano a miglia di distanza l'uno vicino all'altro. Ho giocato con la luce sulle montagne, esplorando la Brooks Range con la mia macchina fotografica da 50 miglia di distanza.

Il lontano Brooks Range incombe sulla pianura costiera dell'Arctic National Wildlife Refuge, un luogo dove almeno per ora i caribù vagano ancora selvaggi.

La mattina dopo, era ancora chiaro quando un branco di caribù (sopra), forte di circa diecimila, passò a poche centinaia di metri dal nostro accampamento. Il lungo vetro combinato con gli animali erano la combinazione perfetta per mostrare che luogo drammatico e selvaggio è l'Artico Refuge. Il campo compresso ha fatto apparire le montagne lontane vicine fornendo più contesto per il caribù in primo piano.

I super teleobiettivi riguardano la compressione e l'isolamento. Il paesaggio attraverso un lungo vetro non assomiglia per niente all'occhio umano. Gli elementi distanti si avvicinano e, a meno che il punto focale non sia in lontananza, la profondità di campo viene compressa a pochi piedi. Queste lenti sono uno strumento per isolare i modelli, comprimere le distanze ed esagerare le dimensioni.

Conclusione

L'obiettivo da 500 mm con un moltiplicatore di focale 1.4x mi ha permesso di fornire un'immagine ravvicinata della luna piena che sorge sulle Ande della Bolivia, proprio mentre l'ultimo bagliore alpino ha toccato il vulcano.
Le lenti lunghe ti permettono di giocare con i dettagli. Qui, il sole che cade tra le nuvole nel sud-est dell'Alaska rende una composizione semplice.

Quando si tratta di fotografia di paesaggi, i teleobiettivi vengono spesso dimenticati. Scivolano in fondo agli imballaggi o vengono semplicemente lasciati a casa.

La tua borsa o l'armadio sono posti brutti per i teleobiettivi. Dovrebbero essere accessibili, pronti ad aiutarti a vedere il tuo paesaggio in un modo nuovo e stimolante. Quindi tira fuori il tuo obiettivo lungo, fai clic sulla fotocamera ed esplora il modo in cui l'obiettivo cambia la tua prospettiva del paesaggio.

Articoli interessanti...