Come superare la paura nella fotografia

Paura. È un'emozione a cui tutti possiamo relazionarci. Fortunatamente, il nervosismo o la paura nella fotografia possono essere superati con la pratica e la pazienza. Dopo aver parlato con alcuni colleghi fotografi e aver preso in prestito le mie esperienze, ho elencato alcune paure condivise tra i fotografi e i modi in cui puoi imparare a superarle.

1. La paura: ho paura di non sapere cosa sto facendo.

Ogni fotografo a un certo punto si sente un po 'fuori dalla loro profondità quando incontra una nuova situazione o problema. Che si tratti di imparare a usare una nuova attrezzatura, di un problema di illuminazione o semplicemente di commettere un errore distratto durante una ripresa, tutti noi possiamo sentirci un po 'persi di tanto in tanto. Questo è particolarmente vero quando una persona inizia per la prima volta a imparare l'arte. Ci sono molte informazioni un po 'tecniche da assorbire e può essere frustrante capire cose nuove. Ricordo di aver girato il mio primo grande matrimonio. Ero così nervoso che stavo sudando più dello sposo. Ci sono stati dei singhiozzi, ma nel complesso le riprese sono andate bene e il cliente è rimasto soddisfatto.

Come batterlo:

Accettazione. Questo è il modo migliore per superare la tua paura di essere inesperto. La cosa più efficace che puoi fare come aspirante fotografo è ricordare costantemente a te stesso che iniziamo tutti da qualche parte. Ad un certo punto, anche il più celebre dei fotografi non sapeva nemmeno come far funzionare una fotocamera. Imparerai mentre procedi e commetterai errori. Avrai anche dei successi. La chiave per sconfiggere la paura è la determinazione ad andare avanti.

2. La paura: temo che alle persone non piacerà il mio lavoro.

La paura del rifiuto è un problema. Tutti lo sentiamo in una certa misura e lottiamo tutti con il fatto che ad alcune persone semplicemente non piacerà il lavoro che produciamo. Questa è la bellezza e la rovina di qualsiasi forma d'arte. L'arte, per sua stessa natura, è estremamente soggettiva. Ogni persona vedrà un pezzo con i propri occhi e formulerà giudizi in base alle proprie esperienze.

Ecco una delle mie immagini personali preferite e una delle meno apprezzate dal pubblico.

Come batterlo:

Quando ho iniziato il mio viaggio fotografico per la prima volta mi sono facilmente scoraggiato. Sembrava che per ogni rullino che usavo ci fossero solo una o due esposizioni decenti. Sarei diventato così frustrato da indicare che avrei semplicemente messo giù la mia macchina fotografica. Fortunatamente per me, mi sono imbattuto in questa citazione di Ansel Adams:

"Dodici fotografie significative in un anno è un buon raccolto."

Quella frase mi ha colpito duramente. Mi sono reso conto che se uno dei fotografi americani più influenti di tutti i tempi fosse contento di dodici buone immagini in un anno intero, allora sarei stato entusiasta dei progressi che stavo facendo! Per quanto doloroso possa essere, il fallimento è uno strumento di apprendimento essenziale. Raramente acquisiamo nuove conoscenze solo dal nostro successo. Fai il tuo lavoro nel miglior modo possibile e mostralo al mondo. Il resto è fuori dal tuo controllo.

3. La paura: ho paura di fotografare le persone.

Fare foto di persone può essere paragonato a parlare in pubblico. Pochissime persone (non ne ho incontrate nessuna) sono in grado di colpire il terreno con successo quando si tratta di fotografia di strada o di eventi. Semplicemente non è facile. L'ansia è una costante, almeno lo era per me. Mi preoccuperei di come il soggetto potrebbe reagire all'essere fotografato o se sembrassi strano fotografando uno sconosciuto per strada. Anche l'atto di portare in giro la mia reflex in pubblico mi ha fatto sentire fuori posto.

Come batterlo:

La risposta breve: fallo e basta. Esci e affronta la tua paura. A volte aiuta a iniziare in un luogo in cui altre persone probabilmente porteranno telecamere come un parco pubblico, un mercato agricolo o un altro grande raduno. Ti sentirai più a tuo agio sapendo che non sei l'unico a fare foto. Man mano che diventi più rilassato, inizia a portare con te la fotocamera ogni giorno.

Pratica brevi escursioni nella tua strada o nel tuo quartiere e abituati a stare con le persone mentre usi la fotocamera. Più fai qualcosa, meno probabilmente diventerà spaventoso.

Prima che tu te ne accorga, sarai in grado di affrontare le situazioni pubbliche con sicurezza.

4. La paura: temo che la mia attrezzatura non sia abbastanza buona.

Invidia dell'ingranaggio. Quella nozione fastidiosa che se avessi solo questo obiettivo o quel filtro o se potessi permetterti il ​​più nuovo qualunque - lo sperimentiamo tutti in una certa misura. È una condizione fondamentale degli esseri umani desiderare ciò che non abbiamo e i fotografi (la maggior parte, non tutti) sono noti per non averne mai abbastanza. A volte possiamo farci temere che la nostra attrezzatura non sia all'altezza del compito e convincerci che tutto ciò di cui abbiamo bisogno è un'attrezzatura migliore e di più.

Come batterlo:

Il modo migliore per superare la paura dell'inadeguatezza dell'attrezzatura è capire che non avrai mai l'attrezzatura migliore perché l'attrezzatura migliore non è stata ancora realizzata. Tutto si sta evolvendo e devi solo fare una rapida ricerca su Internet per realizzare la maggior parte degli aggiornamenti dell'attrezzatura della fotocamera ogni due anni. Smetti di concentrarti su ciò che non hai. Invece, impara a sfruttare al massimo ciò che hai. Studia le capacità della tua attrezzatura e scopri cosa può fare. Ancora più importante, capire cosa non può fare. Vedo costantemente fotografi entusiasti delusi e scoraggiati perché le loro aspettative sopraffanno grossolanamente le capacità del loro equipaggiamento. Se hai aspettative realistiche, non sarai così incline a fare la cosa peggiore che un fotografo possa fare, il che è smettere.

Soffri di qualcuna di queste paure? Hai altri non elencati qui? Condividi con noi nei commenti: siamo tutti amici qui e ci sosteniamo a vicenda per superare le nostre paure.

Articoli interessanti...