Esplorazione delle modalità di misurazione

Nel mio ultimo articolo ho esaminato il motivo fondamentale per cui l'esposimetro della tua fotocamera a volte sbaglia l'esposizione. I misuratori della fotocamera misurano la luce riflessa e forniranno una lettura dell'esposizione errata se il soggetto è più chiaro o più scuro della media (puoi leggere di nuovo l'articolo per un riepilogo completo).

Ma c'è un altro motivo per cui l'esposimetro della tua fotocamera potrebbe sbagliare l'esposizione e ha a che fare con le modalità di misurazione della tua fotocamera. La maggior parte delle fotocamere ha diverse modalità di esposizione (la mia fotocamera Canon ne ha quattro). Ogni modalità di esposizione è progettata per uno scopo diverso e funziona in modo specifico. Se stai lottando con l'esposizione, potrebbe essere perché non comprendi appieno il modo in cui funziona la modalità di misurazione che stai utilizzando.

La maggior parte delle reflex digitali ha le seguenti modalità di esposizione:

Misurazione ponderata centrale

Questa modalità pesa l'esposizione verso il centro del mirino, come da diagramma sopra.

La misurazione ponderata centrale funziona bene se il soggetto è al centro dell'inquadratura. In caso contrario, è necessario puntare il centro del mirino sul soggetto, tenere premuto a metà il pulsante di scatto per bloccare l'esposizione, quindi riformulare.

La misurazione ponderata centrale esiste da molto tempo: se possiedi una vecchia fotocamera a pellicola, potrebbe essere l'unica modalità di misurazione che ha. È prevedibile e facile da usare una volta capito che la fotocamera sta misurando dal centro del mirino.

Misurazione spot

La fotocamera acquisisce una lettura dell'esposizione da un cerchio al centro del mirino. Il diagramma sopra mostra il cerchio di misurazione spot nel mirino di EOS 5D Mark II.

La misurazione spot richiede pratica. Ricorda nell'ultima lezione che abbiamo imparato che le fotocamere misurano la luce riflessa e che la fotocamera si aspetta i toni all'interno del file area misurata mediamente grigio medio? Se punti il ​​cerchio di misurazione spot su una tonalità più chiara o più scura del grigio medio, la fotocamera fornirà una lettura dell'esposizione errata.

Un modo per utilizzare il misuratore spot della fotocamera è puntarlo su qualcosa nella scena di tono medio-grigio. L'erba è un buon esempio e un approccio alla misurazione consiste nell'usare semplicemente il misuratore spot e leggere l'erba o la vegetazione nella scena.

Un'altra tecnica consiste nell'utilizzare una carta grigia al 18% (puoi acquistarli dai rivenditori di foto). Ho visto questi usati dai fotografi ritrattisti. Chiedono al soggetto di tenere la scheda sollevata, prendere una lettura dalla scheda, quindi metterla via, impostare la fotocamera in modalità manuale e utilizzare quelle impostazioni. Devono solo ricalibrare se la luce cambia.

Un'altra situazione in cui la misurazione spot è utile è quando hai un soggetto luminoso su uno sfondo scuro. Questo può accadere durante uno spettacolo teatrale o un concerto. Puoi prendere una lettura dal soggetto e la fotocamera ignorerà lo sfondo.

Misurazione parziale

Funziona proprio come la misurazione spot ma con un cerchio più grande. Come la misurazione spot, funziona bene per misurare soggetti ben illuminati su sfondi scuri. È possibile utilizzare la misurazione parziale per eseguire una lettura da una parte più ampia del soggetto rispetto all'esposimetro spot.

Misurazione valutativa

Nota: la misurazione valutativa è il termine di Canon e quello che userò in questo articolo. Nikon utilizza la misurazione matrix e Pentax e Sony utilizzano la misurazione multisegmento.

La misurazione ponderata centrale, spot e parziale acquisisce una lettura dell'esposizione dal centro del fotogramma. Dato che la maggior parte dei fotografi preferisce posizionare il soggetto principale fuori centro per motivi di composizione, ciò significa che acquisire una lettura dell'esposizione con una di queste modalità non è sempre il modo più semplice di lavorare.

La misurazione valutativa è stata sviluppata dai produttori di fotocamere per semplificare la misurazione dell'esposizione con soggetti decentrati. La fotocamera divide il mirino in zone e confronta le letture dell'esposizione da ciascuna zona per ottenere un'impostazione di esposizione suggerita. Il diagramma sopra mostra il modo in cui il mirino è suddiviso in 63 zone su alcune fotocamere EOS.

La fotocamera pesa la lettura dell'esposizione verso il punto (o i punti) dell'autofocus attivo poiché è probabile che coprano il soggetto principale. Prende in considerazione le letture delle zone vicine e analizza il contrasto della scena per ottenere un'impostazione dell'esposizione.

Ogni produttore di fotocamere utilizza un processo leggermente diverso nelle modalità di misurazione valutativa. Sebbene i produttori non rilascino dettagli precisi su come le loro fotocamere calcolano l'esposizione in modalità di misurazione valutativa, ci sarà una guida nel manuale di istruzioni. Vale la pena leggerlo per capire come funziona sulla tua fotocamera.

Il mio modo preferito di lavorare è usare la misurazione valutativa, scattare una foto, guardare l'istogramma e quindi regolare l'esposizione se necessario. Per me questo è il modo più semplice per ottenere l'esposizione ottimale. Tuttavia, tutti lavorano in modo diverso e una volta capito come funzionano le altre modalità di misurazione della fotocamera, potresti scoprire che una delle altre è la migliore per te.

Compensazione dell'esposizione

Ora che hai capito di più sulle modalità di esposizione della tua fotocamera e sul motivo per cui potrebbero ottenere un'esposizione sbagliata, devi sapere cosa fare quando l'esposizione non è corretta.

Se utilizzi una modalità di esposizione automatica, il modo più semplice è utilizzare la funzione di compensazione dell'esposizione della fotocamera.

Se non sei sicuro di come impostare la compensazione dell'esposizione, controlla il manuale della fotocamera: ogni fotocamera è diversa. Sul mio, ruoto semplicemente la ghiera di controllo rapido (cerchiata sopra) sul retro della fotocamera con il pollice. Mi piace questo modo di lavorare perché posso comporre la compensazione dell'esposizione mentre guardo nel mirino.

Se la foto è sottoesposta, utilizzare la compensazione dell'esposizione per aumentare l'esposizione di uno o due stop. Quindi controlla l'istogramma per vedere se l'esposizione è corretta (se non sei sicuro di come leggere l'istogramma, leggi questo eccellente articolo).

Se la foto è sovraesposta, è possibile utilizzare la compensazione dell'esposizione per ridurre l'esposizione.

La quantità di compensazione dell'esposizione applicata dovrebbe essere visualizzata nel mirino. Di nuovo, controlla il tuo manuale. Sulle mie fotocamere Canon il display assomiglia ai diagrammi sopra. Il display superiore mostra la compensazione dell'esposizione zero, il display centrale mostra la compensazione dell'esposizione +1 stop e il display inferiore mostra la compensazione dell'esposizione -1 stop.

La prossima lezione è l'ultima della serie. Darò un'occhiata alla modalità manuale, ti mostrerò come usarla e, cosa più importante, spiegherò perché dovresti usarla.

Articoli interessanti...