Smetti di dare via la tua autorità - SEI un fotografo

Recentemente ho iniziato ad allenare la squadra di flag football di mio figlio maggiore. Essendo una mamma, al contrario di un papà, questa era una situazione rara.

Essendo l'unica "Lady Coach" del campionato, non sono stata presa molto sul serio da nessuno, me compreso. Mi sono fatto avanti perché nessun altro genitore si è offerto volontario, ma una volta che tutti lo hanno visto una donna stava per insegnare a questi giovani ragazzi al successo di flag football in quinta elementare, papà è uscito dal lavoro.

Alcuni mi assistono gentilmente perché dieci ragazzi di 11 anni sono tanti, non importa chi tu sia; altri ancora hanno insistito per i loro servizi, perché cosa potevo sapere sul calcio e su un gruppo di ragazzi? Certamente non abbastanza per allenare una squadra sportiva giovanile alla vittoria incerta.

La mia svolta è arrivata durante la nostra partita settimanale domenica scorsa. Sotto più di un paio di punti in una stagione che non ha ancora fornito una vittoria, uno dei papà più gentili è venuto da me per suggerirmi una giocata per l'attacco. Quando non ho capito, ha detto: "Vuoi che lo disegni per te?" e ho detto: "No. Voglio che tu lo esegua con loro ".

Un altro papà avrebbe preso il sopravvento e avrebbe fatto esattamente questo. Questo papà no. Invece di lasciarmi dare via il mio ruolo, quello che avevo giustamente venuto e guadagnato, è andato e ha trovato i miei appunti dalla mia borsa degli allenatori molto ben preparata e l'ha tirato fuori per me per scendere in campo.

Mi piacerebbe dirti che ha funzionato ed è stato il touchdown vincente, ma non ha funzionato e non è stato così. Invece, ne ho tratto una lezione di vita estremamente preziosa: una cosa è avere qualcuno, QUALUNQUE cerchi di toglierti l'autorità guadagnata, ma è un'altra cosa consegnargliela su un piatto d'argento.

Mentre riflettevo su questo, mi sono reso conto di quanto spesso lo faccio con la fotografia. Per come temo gli scatti, si potrebbe pensare che fossi stato chiamato a eseguire da solo un intervento chirurgico al cuore sul presidente, con la mia unica (effettiva) formazione medica che consisteva nel recupero di schegge e nell'applicazione di cerotti.

Dal modo in cui prendo il feedback sulle mie immagini, sarebbe facile presumere che non avessi alcuna fiducia in me stesso. Dal modo in cui ho liquidato le mie capacità, inizieresti a chiederti se ne avessi.

Hai presente quel momento in cui i tuoi clienti ritrattisti si presentano, vestiti in modo perfetto e ti guardano adoranti, pronti per qualunque direzione tu dia loro? Il mio primo istinto è SEMPRE quello di scappare via velocemente. Da queste persone che pensano che io sappia cosa sto facendo e vogliono darmi i soldi per farlo.

In realtà, sono un bravo fotografo. Io, il più delle volte, concedo ogni desiderio del mio cliente e fornisco loro una risposta più che discutibile alla sempre domanda: "Pensi di aver ottenuto qualcosa di buono?"

Sinceramente, in realtà sono abbastanza fiducioso in molte cose, troppo fiducioso in alcune, scommetto. È quando vengo considerato un esperto che perdo l'equilibrio. È quando sento la pressione di fare qualcosa di specifico e stimolante che voglio smettere. È quando c'è un'aspettativa da un altro che corro mentalmente attraverso le mie opzioni di fuga.

Per la maggior parte di noi, è scomodo essere considerati esperti in qualsiasi cosa. Soprattutto se ciò di cui hai bisogno per eseguire il backup sono fondamentalmente solo altri scenari in cui ha funzionato a tuo favore. Sono sempre con i bambini; Lavoro con loro, faccio volontariato per loro, in realtà sono genitore di cinque di loro. Sono abbastanza a mio agio a parlare e istruire un gruppo di età più giovane su qualsiasi cosa, incluso uno sport che è considerato il gioco americano più importante da parte di uomini di mezza età che bevono birra ovunque.

Perché dovrei rinunciare al mio potere e non permettere a me stesso di essere rispettato in quanto esperto che sono? Per gli stessi motivi che mi preoccupa prima di ogni scatto, certo di essere finalmente arrivato al momento in cui la mia fortuna si è esaurita e, infatti, lo farò non ottenere qualcosa di buono questa volta. E ci sarà il Presidente degli Stati Uniti, sdraiato sul tavolo operatorio mentre io sto sopra la sua cavità toracica aperta con una pinzetta tremante e una torcia.

Proprio come non avevo mai giocato a flag football prima di pochi mesi fa, non ho frequentato una scuola di fotografia formale. In effetti, non ho nemmeno studiato fotografia. Ho studiato persone e arte, ma l'unica vera camera oscura in cui sono mai stato è stata quando sono entrato nel seminterrato di mio nonno una volta, essendo stato travolto dall'odore chimico e non ho mai più commesso quell'errore.

Non ho scattato foto per il mio annuario delle superiori. Non ho mai lavorato per un giornale del college. Non porto la mia fotocamera con me ovunque (è pesante e si intromette davvero).

Detto questo, quando qualcuno mi chiede cosa faccio per vivere, rispondo: "Sono un fotografo". (Indica le dichiarazioni entusiaste sul glamour e le domande sulle celebrità.)

Sono arrivato qui diversamente da te. Sei arrivato qui in modo diverso da ogni altro fotografo che conosci. Probabilmente l'unica cosa che abbiamo tutti in comune è occasionalmente (o forse più spesso) dubitare di noi stessi e non apprezzare aspetti del nostro lavoro, proprio come la maggior parte degli altri sul pianeta.

Siamo così veloci a spostare i pensieri negativi da parte perché: quanto siamo fortunati? Questo deve essere il nostro primo, ultimo e unico pensiero, giusto? Che facciamo qualcosa di così divertente. Così affascinante. Così creativo. Così speciale. E se dovessimo cambiare idea o cadere con la faccia a terra, c'è una fila di persone lunga un miglio dietro di noi, felice di calpestare i nostri corpi umiliati per arrivare in prima linea a The Photographer Line.

In quel momento sul campo di calcio in cui non mi era permesso di cedere la mia esperienza e autorità a qualcun altro, ho giurato di fare dei cambiamenti anche in altre parti della mia vita. Beh, non in quel momento esatto, ma più tardi quel giorno, quando stavo ghiacciando tutto il mio corpo perché camminare avanti e indietro, rigidamente perché sei terrorizzato che qualcuno si faccia male a qualcosa - orgoglio o altro - è più un allenamento di quanto pensi.

Ho deciso che non ho intenzione di fotografare con lo zucchero così facile e, soprattutto, non mi licenzierò più. La fotografia non è solo un'abilità casuale che ho imparato a una festa da qualche parte, come aprire una bottiglia di champagne con un coltello. La fotografia è difficile.

È estenuante e pieno di pressione, e a volte … non mi piace affatto. La necessità di rimanere rilevante e al top del mio gioco è più stancante che camminare per 50 yard più e più volte sotto il sole cocente. L'idea che a volte alle persone non piaccia il mio lavoro, non sanno che ho fatto del mio meglio, non si rendono conto di quanto ho lavorato duramente per arrivare qui, o che mi piacerebbe davvero che esegua la chirurgia plastica con Photoshop è spesso frustrante e triste.

Il nervosismo che provo prima di ogni scatto è energia sufficiente per alimentare la mia fotocamera senza batterie, se riuscissi a capire come convertirla.

Ma io sono davvero bravo, e lo sei anche tu.

E si scopre che vi sentite tutti allo stesso modo. O almeno alcuni di voi lo fanno. Lo so perché questa mattina quando ho pubblicato questo articolo sulla mia pagina Facebook di fotografia: Non mi piace modificare, inviare email o programmare. Odio la pressione per assicurarmi di "avere qualcosa di buono" ad ogni ripresa e odio stare fuori al sole caldo o al freddo pungente quando scatto.

Mi innervosisco incontrare nuove persone e ho paura di cercare di conoscerle e di essere dalla loro parte buona in pochi minuti. - Nel giro di un'ora, è stato apprezzato da molti e commentato in apprezzamento per "essere onesto" e mostrare quanto lavoro mentale ed emotivo sia spesso la fotografia.

Lo faccio da 10 anni e ho visto molti fotografi ritrattisti avviare la propria attività. Alcuni sono ancora in circolazione e alcuni sono svaniti rapidamente. In passato li ho visti come una concorrenza, ma la verità è che non lo sono. Non solo ci sono abbastanza affari per tutti noi, ma più scelta ha un cliente, più affari viene creato e generato. Non sono il fotografo ritrattista per tutti. Neanche tu.

Ma tu siamo un esperto. Possiedi un'abilità che pochi hanno e una visione tutta tua. Il tuo livello di abilità potrebbe essere nelle fasi iniziali o potrebbe essere molto avanzato. Puoi scegliere di essere nervoso prima delle riprese. Puoi disprezzare pezzi del tuo lavoro di fotografo. Ma smettila di dare via il tuo potere. Smetti di essere così umile che la tua esperienza è in palio. Non ridurre la tua autorità su un argomento in cui stai marinando per quanto tempo.

Abbi fiducia nel tuo pezzo della torta del fotografo, non importa quanto piccolo sia quel pezzo.

Ad un certo punto fallirai. Brillantemente, brillantemente fallire. Ti presenterai senza le tue schede di memoria, o sparerai alla spazzatura assoluta, o chiederai a qualcuno di posare in un modo che li metta al pronto soccorso (è la mia più grande paura).

Ma proprio come ci sono 10 ragazzi che non sanno niente di meglio che pensare che io possa portarli a una certa vittoria di flag football, c'è una manciata di persone in questo mondo che ti considerano prima un esperto di fotografia - e è qualcosa che non dovresti mai, mai, dare via.

Articoli interessanti...