7 situazioni in cui la messa a fuoco manuale è migliore di quella automatica

La messa a fuoco automatica è di indiscutibile vantaggio in un'ampia varietà di scenari di ripresa, ma spesso ci sono momenti in cui potrebbe essere più saggio optare per la messa a fuoco manuale. In questi scenari, che sono descritti di seguito, è giusto dire che l'autofocus non funziona altrettanto bene su alcune fotocamere, quindi ruota semplicemente il selettore della modalità di messa a fuoco su M e usa l'anello di messa a fuoco per mettere a fuoco il soggetto in vista. Vale anche la pena ricordare che in alcune situazioni può essere più semplice utilizzare il blocco della messa a fuoco, in questo caso è sufficiente mettere a fuoco un altro soggetto alla stessa distanza e quindi ricomporre l'inquadratura di conseguenza.

1. Dettagli raffinati nelle immediate vicinanze

Quando si riprende una scena che compromette centinaia di elementi, ognuno dei quali presenta una moltitudine di dettagli, potrebbe essere necessaria la messa a fuoco manuale per un controllo completo. Ciò è particolarmente necessario quando i soggetti mostrano piccole o nessuna variazione di dimensioni, forma, colore o luminosità. Ad esempio un campo di fiori, un primo piano astratto della natura, una strada trafficata piena di pedoni ecc.

2. Gli ostacoli sono sulla strada

Se il soggetto è parzialmente bloccato dietro un ostacolo che non sei in grado di spostare o che intendi mantenere (aggiungendo contesto), la messa a fuoco manuale può aiutarti a individuare il soggetto principale. Inoltre, se combini questo approccio con un'apertura ampia, puoi sfocare in modo creativo l'ostruzione alla vista. Ad esempio un animale in gabbia o rinchiuso, una persona che guarda da una finestra o si trovava dietro un cancello, ecc.

3. Confusione geometrica

Molti fotografi di architettura, specialmente quelli che prediligono il design contemporaneo, spesso preferiscono la messa a fuoco manuale rispetto all'auto. Questo perché l'architettura moderna mostra spesso motivi geometrici che possono confondere la messa a fuoco automatica della fotocamera. Ad esempio quelli mostrati sui grattacieli.

4. Alto contrasto

Quando viene presentata una scena che contiene ampie aree di luminosità fortemente contrastante, è probabile che la tua messa a fuoco automatica abbia difficoltà. Ad esempio se stai scattando un ritratto all'aperto con il soggetto in ombra, ma hai deciso di incorporare un'ampia area di luce adiacente.

5. Nessun contrasto

Come per le aree ad alto contrasto, i fotografi potrebbero scoprire che le scene senza contrasto presentano gli stessi problemi di messa a fuoco, ovvero il soggetto principale dell'immagine mostra gli stessi toni e colori dello sfondo. Un esempio comune di questo è un pupazzo di neve appena costruito in un campo di neve bianca e frizzante.

6. Caratteristiche dominanti

Anche le composizioni che contengono oggetti più grandi o più audaci del soggetto desiderato potrebbero compromettere la messa a fuoco automatica. Ad esempio, una persona rimpicciolita di fronte a un paesaggio urbano minaccioso potrebbe perdersi utilizzando l'autofocus, passare al manuale per una soluzione rapida ed efficace.

7. Notte

In situazioni in cui desideri scattare in completa oscurità, potresti scoprire che la messa a fuoco manuale è la tua unica opzione. Esempi di quando questo può essere vero includono: prove con stelle cadenti, aurora boreale o creazione di graffiti luminosi. Spesso la messa a fuoco notturna è un caso di tentativi ed errori, quindi esamina i risultati ingrandendo le immagini presentate sul tuo LCD e regola di conseguenza.

Articoli interessanti...