Come scegliere il monitor giusto per il fotoritocco

I fotografi raramente ci pensano due volte quando si tratta di acquistare costosi corpi macchina o obiettivi di fascia alta, ma spesso sembrano disposti a risparmiare su un monitor. Perché? In molti casi, è perché un monitor sembra molto simile a un altro, specialmente se acquistato su Internet, che è il numero di noi che acquistano queste cose.

Questo articolo ti aiuterà a sapere cosa dovresti cercare in un monitor e ti mostrerà come interpretare molte delle specifiche tecniche che vedrai durante gli acquisti online. Non molto tempo fa, l'acquisto di un monitor per la fotografia era un'attività costosa, ma oggi c'è più scelta disponibile ad ogni fascia di prezzo.

Tecnologia del pannello

Una delle cose a cui devi pensare quando scegli un monitor è la tecnologia del pannello. Il "pannello" è la parte principale del monitor: lo schermo. Include strati polarizzanti, substrati di vetro, uno strato a cristalli liquidi (LCD) e un filtro colorato. È un panino high-tech.

La principale differenza tra le tecnologie di monitoraggio risiede nel modo in cui i cristalli liquidi sono orientati, il che influisce fondamentalmente sul modo in cui si comporta il monitor. Ecco i tre principali tipi di pannello:

Pannelli TN (Twisted Nematic)

Questi tipi di pannelli sono spesso preferiti dai giocatori per i loro rapidi tempi di risposta, che riducono gli effetti di ghosting e sfocatura indesiderati nelle immagini in movimento. Il più grande svantaggio dei pannelli TN è che i loro angoli di visualizzazione sono notevolmente inferiori rispetto ad altri tipi di pannelli. Se ti muovi davanti allo schermo, il colore e il contrasto possono cambiare aspetto. Questo difetto varia in gravità tra i monitor.

Tieni presente che, nelle specifiche del monitor, i numeri degli angoli di visualizzazione sono altamente fuorvianti. Si basano su un test di contrasto indulgente, quindi dovresti ignorare l'affermazione comune secondo cui un pannello TN ha angoli di visualizzazione orizzontale e verticale di 170/160 °. Queste cifre hanno poca rilevanza per ciò che sperimenterai quando modifichi una foto.

I laptop sono quasi sempre realizzati con pannelli TN, il che li rende non ottimali per il fotoritocco in un mondo perfetto. Sono più utilizzabili se riesci a fissare la tua posizione davanti allo schermo e mantenere un angolo di visione costante.

Pannelli IPS (In Plane Switching)

I pannelli Plane Switching hanno un aspetto coerente da quasi tutti i possibili angoli di visualizzazione. Sotto questo aspetto, sono di gran lunga superiori alla maggior parte dei pannelli TN e migliori dei pannelli VA. I pannelli IPS sono anche preferiti per la loro riproduzione dei colori di alta qualità innata. Nella maggior parte dei casi, un monitor con un pannello IPS è migliore per il fotoritocco rispetto a uno con un pannello TN.

Uno svantaggio della tecnologia IPS è un fenomeno noto come "bagliore IPS", che è un effetto luminoso che appare su gran parte del pannello quando si visualizzano schermi scuri in condizioni di luce soffusa. Più soldi spendi per un monitor IPS, meno è probabile che tu lo incontri, ma probabilmente è giusto dire che è più problematico per i giocatori. Il bagliore IPS è diverso dall'effetto bleeding della retroilluminazione, in cui la luce sembra filtrare dai bordi dello schermo. Anche questo è più probabile nei monitor economici o di fascia media.

Esistono varie sottocategorie di pannelli IPS, tra cui S-IPS, e-IPS, H-IPS e P-IPS. I vantaggi di base di un pannello IPS si applicano a tutti loro, sebbene i diversi tipi possano variare in aree come la profondità del colore o il tempo di risposta. Un pannello e-IPS, ad esempio, è solitamente più economico perché in genere esegue una profondità di colore inferiore (ovvero 6 bit) rispetto ad altri tipi di IPS. Analizzeremo ora la profondità del colore.

Le tecnologie proprietarie che hanno un comportamento simile ai pannelli IPS sono Super PLS (Samsung) e AHVA (AUO).

Pannelli VA (allineamento verticale)

Questi tipi non sono considerati buoni come gli IPS in termini di angoli di visione o riproduzione dei colori, ma migliori dei pannelli TN sotto entrambi gli aspetti. Sono una sorta di mezzo felice. La tecnologia è relativamente rara, ma ancora utilizzata da alcuni dei principali produttori in una minoranza di display (la parola corretta per i monitor).

Un pannello VA in genere ha un rapporto di contrasto maggiore di un pannello IPS, con la capacità di visualizzare toni scuri e neri in modo molto efficace. I grandi rapporti di contrasto non sono sempre desiderabili per i fotografi come lo sono per i giocatori, tuttavia, perché rendono più difficile imitare la gamma dinamica di una stampa durante la prova video.

Gamma standard o ampia?

Non esiste una risposta giusta o sbagliata quando si decide se acquistare un monitor standard o wide-gamut, ma ci sono pro e contro associati a entrambe le scelte. Diamo un'occhiata ad alcuni di loro:

Monitor con gamut standard

Professionisti

  • Più economico.
  • Ampia varietà di modelli disponibili in tutte le fasce di prezzo.
  • Non necessita di calibrazione e creazione di profili immediati (un profilo del monitor del sistema operativo troncerà il colore di un monitor con un'ampia gamma di colori).
  • Non visualizzerà colori sgargianti nei programmi senza gestione del colore.
  • Meno incline alla formazione di strisce (solitamente compensato da una maggiore profondità di colore in un'ampia gamma).
  • Si sincronizza correttamente con l'output della maggior parte dei laboratori fotografici.
  • Una gamma più piccola potrebbe essere adatta ai fotografi di matrimoni o eventi, per i quali una vasta gamma di colori è meno interessante.

Contro

  • Non così buono per la stampa a getto d'inchiostro con gestione del colore, poiché la gamma del monitor non comprende l'output a colori della stampante
  • Meno attraente, soprattutto per gli appassionati di paesaggio, che perdono colore in modo significativo in particolare nei ciano e nei verdi

Monitor ad ampia gamma di colori

Professionisti

  • Ha un aspetto migliore, soprattutto cieli, mare, erba, fogliame, ecc. Dettagli più colorati e più sfumati in ciano e verde: buona scelta per i fotografi di paesaggi.
  • Molto meglio per chiunque desideri provare (in anteprima) il colore di una stampa a getto d'inchiostro, poiché la gamma del monitor coprirà l'output della maggior parte delle stampanti a getto d'inchiostro.

Contro

  • Più costoso.
  • Idealmente richiede una profilazione immediata, altrimenti il ​​colore del monitor del sistema operativo ridurrà notevolmente la gamma del monitor.
  • I colori negli ambienti senza gestione del colore appariranno sgargianti (ad esempio il desktop di Windows).
  • Più incline alla formazione di strisce, anche se questo è solitamente contrastato da una maggiore profondità del colore.

Stranamente, eseguo monitor con gamut standard e wide-gamut fianco a fianco e la differenza di colori è marcata. Tuttavia, con i monitor come con molte altre cose, l'ignoranza è una gioia, non ti perdi ciò che non hai mai avuto.

Proporzioni, risoluzione e dimensioni dello schermo

Proporzioni

Troverai che i monitor più economici hanno in genere un rapporto di aspetto 16: 9, che va bene per guardare i film, ma vale la pena puntare a un rapporto di aspetto 16:10 se te lo puoi permettere. Quest'ultimo consente un po 'più di spazio di lavoro verticale e, come osserva Wiki, si adatta meglio al classico rapporto 3: 2 utilizzato in molte foto.

Risoluzione

Per molti anni è circolato un mito che diceva che le tue foto dovevano avere una risoluzione di 72ppi per il web. In effetti, come la maggior parte di noi ora sa, lo schermo di un monitor ignora la risoluzione dell'immagine. Ciò è dimostrato, se la prova è ancora necessaria, dal fatto che la funzione "Salva per Web" di Photoshop non assegna la risoluzione alle immagini, anche se appaiono come 72ppi quando vengono riaperte.

Sebbene diversi fattori possano influenzare la nitidezza di un'immagine sullo schermo (ad es. Contrasto, filtri antiriflesso, distanza tra spettatore e schermo), l'elemento centrale che determina la nitidezza è la densità dei pixel del monitor o dot pitch. Una maggiore densità di pixel o un dot pitch più fine è indicativo di un'immagine sullo schermo più nitida, a parità di tutte le altre condizioni. Se utilizzi Google "calcolatore del passo dei punti" o "calcolatore PPI", troverai un modo semplice per calcolare la densità dei pixel di qualsiasi schermo.

Ad esempio, un monitor desktop medio potrebbe avere una densità di pixel di circa 90-100 ppi, mentre l'iMac 5K da 27 "con display Retina ha una densità di pixel di 217 ppi. È impressionante su un grande schermo.

Un pixel pitch estremamente denso tende ad avere un effetto lusinghiero sulle foto, proprio come ogni foto appare nitida su uno smartphone, ma non è una necessità per un fotoritocco efficiente.

Grandezza schermo

In questi giorni, "più grande è meglio" sembra essere il mantra quando si tratta di scegliere un monitor. Certo, è piacevole visualizzare le tue foto su un grande schermo, ma il mio consiglio è di acquistare ciò che ti puoi permettere e non dare la precedenza alle dimensioni dello schermo su altri importanti attributi. Ricorda inoltre che gli schermi grandi richiedono risoluzioni elevate per apparire nitidi come schermi più piccoli dalla stessa distanza, quindi non lasciarti ingannare dalle sole dimensioni in pixel. Esamina la densità dei pixel, come descritto sopra.

Filtri antiriflesso

A parte gli iMac di Apple, quasi tutti i monitor desktop sono dotati di filtri antiriflesso per l'ovvio scopo di eliminare i riflessi che distraggono. Questo crea una finitura opaca sulla superficie dello schermo. Il grado in cui ciò influisce sulla nitidezza dell'immagine sullo schermo varia molto, da impercettibile ad aggiungere un evidente effetto granuloso. Potresti fare un'analogia con le stampe lucide e opache; la stampa lucida sembra in genere un po 'più nitida.

Un filtro antiriflesso non è qualcosa da evitare in un monitor (quasi impossibile, comunque), ma vale la pena ricercare quanto influisce sull'immagine nello schermo desiderato prima di acquistarlo. Idealmente, ovviamente, è una buona idea dare un'occhiata a un monitor prima di investire. Controlla sempre le recensioni negative quando acquisti online.

Profondità di colore

Passiamo a un argomento leggermente complicato, che tenteremo di mantenere semplice. La profondità del colore si riferisce al numero di colori distinti che un monitor può visualizzare.

Teoricamente, più colori può visualizzare un monitor, più facilmente può riprodurre cambiamenti graduali di tono e meno è incline a frustranti effetti di "banding" o posterizzazione (caratterizzati da brutti blocchi di colore pixelati).

La maggior parte dei monitor sul mercato ha una delle seguenti due specifiche:

  1. Colore a 8 bit (nativo)
  2. Colore a 6 bit + FRC (2 bit)

Il secondo di questi utilizza il dithering per creare colori che non ci sono, il che è teoricamente inferiore a un monitor in grado di visualizzare nativamente il colore a 8 bit. Un monitor con colori a 6 bit è più soggetto a problemi di banding, come descritto in precedenza.

Si noti che la calibrazione di un monitor aumenta la probabilità di banding, quindi una maggiore profondità di colore compensa questo valore e rende effettivamente un monitor più regolabile. Gli schermi dei laptop utilizzano quasi sempre colori a 6 bit, quindi idealmente dovrebbero essere calibrati in modo conservativo.

Potresti vedere colori a 10 bit in monitor più costosi. Questo, ancora una volta, potrebbe essere un'autentica profondità di colore a 10 bit o 8 bit + FRC. Tieni presente che un monitor a 10 bit può visualizzare i suoi 1,07 miliardi di colori solo se 10 bit è supportato dal tuo processore grafico, software e connessione video.

Calibrazione LUT hardware

La calibrazione hardware LUT è una funzionalità fantastica che troverai in alcuni monitor di fascia alta di Eizo e NEC, nonché in alcuni marchi di consumo.

Cos'è una LUT?

Una LUT è una tabella di ricerca, che mappa i segnali in ingresso dal tuo PC in, tipicamente, l'uscita a colori RGB a 8 bit dal tuo monitor LCD.

In un monitor, una maggiore profondità di colore consente transizioni tonali più uniformi e sfumate senza banding. Come un monitor, anche una LUT può variare nella sua profondità di colore; più colori può elaborare, migliore sarà il monitor nella visualizzazione di toni uniformi e colori precisi.

Quanto sopra è vero anche se l'output finale è un monitor a 8 bit, quindi una LUT a 10, 12, 14 o 16 bit produce un colore migliore in un monitor a 8 bit rispetto a una LUT a 8 bit. La differenza tra una LUT a 10 bit e una a 16 bit potrebbe essere meno apprezzabile.

Calibrazione hardware

Il tipo di calibrazione hardware in discussione qui non si riferisce all'uso di un dispositivo hardware come uno Spyder. Invece di memorizzare una LUT a 8 bit nella scheda video, come fanno la maggior parte dei monitor, i monitor grafici costosi di solito hanno una LUT ad alto bit integrata nel proprio hardware per una calibrazione più raffinata. Utilizzerai comunque un dispositivo di calibrazione per misurare il colore del monitor, ma la riproduzione del colore finale dovrebbe essere superiore.

I costosi monitor grafici spesso consentono di memorizzare e passare da un profilo di calibrazione all'altro, in modo da poter modificare le impostazioni di calibrazione con un clic del mouse utilizzando un software proprietario. Ciò è impossibile nei normali monitor, dove i dati di calibrazione vengono caricati nella scheda video LUT all'avvio e non possono essere modificati senza ricalibrare il monitor.

Un'ultima parola

Quando si sceglie un monitor per la fotografia, il tipo di pannello è il re. Se acquisti il ​​miglior monitor IPS (o equivalente) che ti puoi permettere, le altre funzionalità sono la ciliegina sulla torta. In bocca al lupo!

Articoli interessanti...