7 consigli per fotografare musei e gallerie


Sebbene i musei e le gallerie siano luoghi meravigliosi da fotografare, possono anche essere incredibilmente impegnativi a causa della folla e delle condizioni di scarsa illuminazione. Ma quasi ogni destinazione che visiti avrà un museo di qualche tipo da fotografare. Segui questi 7 consigli per fotografare musei e gallerie per migliorare le tue fotografie di questi luoghi meravigliosi.

Segui questi 7 consigli per fotografare musei e gallerie per migliorare le tue fotografie di questi luoghi meravigliosi.

1. Controlla le regole

Inutile dire che la prima cosa che dovresti controllare è se ti è permesso di fotografare effettivamente all'interno del museo e più specificamente, quali mostre consentono la fotografia. Tieni presente che spesso la fotografia non è consentita per motivi di sicurezza e anche perché il flash (luce UV) può danneggiare le opere d'arte. Quando ho un incarico che include un museo o una galleria, controllo in anticipo le regole della fotografia (che spesso si trovano sul loro sito web) per sapere esattamente cosa è permesso. Se non riesci a trovare queste informazioni sul loro sito web, chiedi all'ingresso.

L'altro punto importante di cui essere pienamente consapevoli è che molti musei e gallerie ospitano opere soggette a copyright, quindi sebbene tu possa essere in grado di fotografare un dipinto, non sarai in grado di vendere quell'immagine per scopi commerciali (e talvolta anche per scopi editoriali sarà necessaria una licenza del museo).

2. Cosa speri di trasmettere?

È facile provare a fotografare ogni mostra, ma siamo onesti; la maggior parte delle persone si annoierebbe dopo solo poche foto di un museo. Non cercare di documentare tutto, invece, pensa davvero a ciò che stai cercando di trasmettere allo spettatore.

Stai mostrando la sala principale con tutto il suo trambusto? Stai cercando di mostrare un singolo pezzo decorato? Ogni museo è diverso e pensare agli attributi chiave può aiutare la tua narrativa fotografica. Quindi, invece di provare a fotografare tutto, pensa a due o tre scatti chiave che mostrano il luogo e le sue mostre.

3. Non dimenticare l'edificio

I musei e le gallerie sono spesso brulicanti di incredibili opere d'arte o pezzi storici ed è facile dimenticare che spesso sono anche ospitati in alcuni degli edifici più sorprendenti del mondo. Pensa al Louvre di Parigi, al Museo di storia naturale di Londra o al Guggenheim di New York. Gli edifici sono parte dell'esperienza tanto quanto le attrazioni all'interno, quindi vale la pena prestare effettivamente attenzione all'edificio stesso e dedicare anche del tempo a catturarlo.

Se fai un po 'di ricerca sull'edificio potresti scoprire che ci sono elementi specifici che sono di importanza culturale o storica. Questi piccoli dettagli spesso mancano alle persone che cercano di dirigersi verso le mostre principali.

4. Avvicinati al bicchiere

Se stai cercando di fotografare un display che si trova dietro un vetro, noterai spesso che finirai con dei riflessi nella tua immagine finale. In effetti, questa è una delle domande più comuni che mi vengono poste e c'è una soluzione semplice.

Innanzitutto, spegni il flash, poiché rimbalzerà sul vetro e creerà un bagliore bianco da qualche parte sull'immagine. Successivamente, devi investire in un paraluce o, se ne hai già uno, metterlo sull'obiettivo. Un paraluce in gomma è ottimo per queste situazioni in quanto può poggiare saldamente sul vetro e non scivolare. Devi quindi avvicinarti il ​​più possibile al bicchiere (anche appoggiandoti su di esso se ti è permesso). In questo modo la tua immagine eviterà i riflessi.

5. Luce insufficiente?

Questi luoghi a volte sono tenuti al buio per creare un'atmosfera aggiunta (e talvolta per preservare le opere), ma questo significa che non saresti in grado di utilizzare la tua solita velocità dell'otturatore con impostazioni ISO basse. Se trovi che le tue immagini sono sfocate in queste situazioni, di solito è perché la velocità dell'otturatore è troppo bassa. L'unico modo per contrastare questo problema, senza l'ausilio di un treppiede, che spesso non è consentito, è appoggiare la fotocamera su qualcosa come un tavolo o una panca o aumentare l'impostazione ISO.

La quantità di aumento dell'ISO sarà determinata da quanto è scura la scena e da quanto stabile puoi tenere una fotocamera. Alcuni potrebbero cavarsela con una velocità dell'otturatore di 1/60 di secondo, mentre per essere sicuro che le mie immagini siano nitide, tendo a mirare a circa 1/100. L'altra cosa da considerare è quanto è capace la tua fotocamera con impostazioni ISO elevate. La tecnologia delle fotocamere ha fatto molta strada e la maggior parte delle fotocamere ora può raggiungere impostazioni ISO molto elevate senza causare troppo rumore nell'immagine.

Per essere sicuri, devi testare la tua fotocamera prima di trovarti in quella situazione. Imposta uno scenario a casa in cui abbassi le luci e prova la tua fotocamera con le diverse impostazioni ISO. Quindi esaminare i risultati sul computer. Dopo questo, avrai una buona idea dei limiti e delle capacità della tua videocamera.

6. Sii creativo

Dì le parole "museo di storia naturale" a chiunque e la maggior parte delle persone penserà automaticamente alle ossa di dinosauro. I fotografi devono trovare un modo per mostrare ciò che le persone hanno già visto migliaia di volte, ma trovare una visione o una prospettiva diversa.

I musei e le gallerie non sono diversi, quindi cerca di guardare oltre la solita configurazione di fotografare una mostra. Come puoi renderlo diverso? Questo potrebbe non essere sempre possibile, ma con un po 'di creatività dovresti essere in grado di trovare nuovi modi originali per mostrare l'ovvio.

7. Ricerca e pazienza

Uno dei problemi principali quando si fotografano musei e gallerie è come evitare la folla. Dopotutto, queste sono destinazioni turistiche e come tali saranno occupate la maggior parte del tempo. Il primo modo per evitarlo è andare nei periodi in cui è meno probabile che sia occupato. Ad esempio, gallerie e musei saranno più affollati durante le vacanze scolastiche e i fine settimana.

Ma c'è di più in questo, e con un po 'di ricerca, puoi trovare sacche di tempo in cui sarà tranquillo. Ad esempio, la Basilica di Santa Sofia a Istanbul è occupata per la maggior parte della giornata, ma tra le 12:00 e le 13:30 è molto più tranquilla. Questo perché tutti i gruppi di turisti di solito pranzano. Parlare con la gente del posto a volte può darti questo tipo di informazioni.

Anche nei luoghi più trafficati, se sei abbastanza paziente, alla fine troverai una lacuna nel flusso del traffico. Ciò significa che puoi catturare lo scatto che desideri, ma devi concederti abbastanza tempo e anche essere disposto ad essere paziente e ad aspettare.

Conclusione

Il museo e le gallerie sono alcuni dei luoghi più importanti di qualsiasi destinazione e, come tali, dovrebbero essere nell'elenco delle riprese di ogni fotografo. Catturare splendide foto delle esposizioni non dovrebbe essere difficile. Con il giusto approccio e un po 'di creatività puoi catturare immagini uniche. Basta non dimenticare di controllare le regole!

Altri suggerimenti? Condividi il tuo di seguito.

Articoli interessanti...