Fotografia macro per principianti (+ esempi macro)

L'avvento della fotografia digitale ha spazzato via uno dei problemi più impegnativi nell'acquisizione di immagini: come scattare macro senza un mucchio di attrezzi specializzati. Ora puoi scendere, sporcare e chiudere nel settore dell'acquisizione di immagini e creare macro in modo digitale con una percentuale di successo del 100%.

In questi giorni, il digitale lo fa con un pizzico! Con una fotocamera digitale - compatta, mirrorless o DSLR - anche i neofiti sono sorpresi da quanto sia facile catturare scatti davvero, davvero grandi di piccoli soggetti.

In verità, puoi rendere la fotografia macro digitale semplice o complessa come desideri. Anche con una fotocamera economica, puoi catturare immagini del minuscolo mondo davanti a te, soggetti piccoli come una scatola di fiammiferi, una testa di fiammiferi o anche più piccoli. Le fotocamere digitali compatte più costose possono farlo ancora meglio, alcune offrono riprese macro con un potente obiettivo zoom, quindi puoi stare un po 'indietro.

L'altro approccio è utilizzare una DSLR o un modello mirrorless; è sorprendente quanto possa diventare potente una fotocamera macro di circa $ 1200 USD.

Cos'è la macrofotografia?

Innanzitutto, una nota esplicativa per tutti coloro che hanno un minimo di storia fotografica e basi tecnologiche: il termine macro utilizzato per riferirsi alla cattura di un insetto o qualsiasi altra cosa che ha portato a un'immagine sul fotogramma della pellicola 35 mm (24x36 mm) che variava da 1:10 a 1: 1 delle dimensioni del soggetto originale. Il termine micro riferito a un'immagine su pellicola più grande di 1: 1; la micro fotografia potrebbe facilmente darti un'immagine da pellicola 35 mm di una formica che era essa stessa più grande della formica originale.

Un sensore CCD o CMOS può essere piccolo quanto 3x4 mm, quindi qualsiasi termine di definizione applicato ai tempi del cinema è ora obsoleto. Ma le regole che si applicano per realizzare una fotografia macro di successo e soddisfacente sono ancora valide.

La fotografia normale funziona utilizzando una fotocamera per registrare un'immagine nitida regolando la distanza dall'obiettivo al sensore per ottenere una messa a fuoco precisa. Per soggetti distanti all'infinito, come i paesaggi, l'obiettivo è posizionato a una distanza minima obiettivo-sensore; per catturare immagini nitide di soggetti più vicini, come le persone, la lente-sensore è aumentata.

Nella fotografia macro, un'immagine nitida di un oggetto minuscolo richiede che l'obiettivo sia posizionato molto più vicino, con l'obiettivo spostato ancora più lontano rispetto alla fotografia normale.

Quasi tutte le fotocamere compatte e alcune reflex digitali hanno una modalità macro selezionabile. In alcune fotocamere è possibile selezionare la modalità macro tramite un controllo esterno, mentre in altre è necessario selezionarla nel menu interno.

Pensaci: niente lenti extra, niente tubi macro o soffietti, niente lenti speciali. Che mondo meraviglioso in cui scattare macro!

Suggerimenti per i principianti della fotografia macro

Essendo curioso di sapere come le fotocamere digitali possano catturare macro così facilmente, ho studiato l'argomento. Ecco le mie scoperte, ottenute chattando con l'esperto di tecnologia di un'importante azienda di fotocamere.

Attiva la modalità macro su una fotocamera digitale e il sistema regola gli elementi dell'obiettivo per riorganizzarli in una matrice che meglio si adatta alla messa a fuoco ravvicinata. Una vera impresa, poiché anche i semplici obiettivi della fotocamera hanno un numero sorprendente di elementi dell'obiettivo con cui destreggiarsi.

Sfortunatamente, attivando la modalità macro con la stragrande maggioranza delle fotocamere, perdi il controllo sia dell'apertura dell'obiettivo (f-stop) che della velocità dell'otturatore.

Perché è così importante?

La migliore fotografia macro, indipendentemente dalla fotocamera, richiede di utilizzare l'apertura dell'obiettivo più piccola per ottenere una nitidezza dell'immagine e una profondità di campo ottimali. L'uso di una piccola apertura dell'obiettivo significa che hai bisogno di più luce, quindi è necessario estendere il tempo di esposizione per fare una fotografia esposta correttamente.

Quindi non puoi ridurre l'apertura dell'obiettivo a un'impostazione più piccola e più favorevole, né puoi rallentare la velocità dell'otturatore per consentire l'uso di un'apertura dell'obiettivo più piccola.

Per gli appassionati di macro, ho scoperto alcune fotocamere digitali che consentono l'uso della modalità macro e lente e regolazione della velocità dell'otturatore.

Con le fotocamere DSLR, l'operazione macro è leggermente diversa. Seleziona una modalità macro e attivi una diversa catena di eventi: con qualsiasi obiettivo fissato alla fotocamera, l'attivazione della modalità macro sulla fotocamera comanda l'apertura dell'obiettivo al minimo, estendendo quindi la profondità di campo e permettendoti di avvicinarti a il soggetto.

Scattare macro con una fotocamera compatta è facile, ma devi rinunciare a un bel po 'di controllo e devi capire che le esigenze di un dilettante per quanto riguarda risoluzione e qualità del colore sono meno rigorose rispetto ai professionisti.

L'approccio professionale sarebbe quello di utilizzare un obiettivo macro appositamente costruito su una fotocamera DSLR o mirrorless. Gli obiettivi macro dedicati non sono economici, ma sono ottimizzati per operare a distanze più ravvicinate rispetto a quelle normali. Con gli obiettivi macro, è improbabile che si verifichino problemi come frange di colore e distorsione ottica; molti obiettivi macro compensano anche l'esposizione aggiuntiva necessaria quando si estrae l'obiettivo a distanze molto diverse da quelle utilizzate nella normale fotografia.

Articoli interessanti...