Come fotografare i colibrì

In questo post naturalista, fotografo e informatico Steve Berardi di Naturalista fotografico condivide alcuni suggerimenti su come fotografare i colibrì.

I colibrì sono piccole creature incredibili. Sono gli unici uccelli in grado di volare all'indietro e le loro ali sbattono 15-200 volte al secondo! Tuttavia, la loro incredibile velocità e le dimensioni ridotte li rendono estremamente difficili da fotografare.

Non c'è nessun segreto, ma per fotografarli dovrai imparare le loro abitudini, avere molta pazienza e, naturalmente, sapere quali impostazioni usare sulla tua fotocamera.

Ecco alcuni suggerimenti per fotografare questi incredibili uccellini:

Conosci la tua materia

Devi conoscere il tuo soggetto per qualsiasi tipo di fotografia, ma è molto importante per la fotografia naturalistica (quando hai un soggetto completamente incontrollabile) e è assolutamente essenziale per fotografare i colibrì.

Non è necessario diventare un esperto di colibrì, ma dovrai imparare alcuni fatti di base:

  • Nome della specie che desideri fotografare
  • Dove puoi trovarli (il loro habitat)?
  • In che periodo dell'anno sono più attivi?
  • Com'è la loro dieta? Da dove prendono il loro dolce nettare?
  • Come suonano? (essere in grado di riconoscere la loro canzone e il suono di loro che sbattono le ali)

Conoscere queste informazioni ti aiuterà a trovarti nel posto giusto al momento giusto, invece di vagare senza meta sperando di incontrare un colibrì.

Essere in grado di riconoscere la loro canzone è probabilmente il consiglio più utile, perché le loro dimensioni ridotte e la velocità rapida li rendono difficili da notare se non ti concentri su un punto. Circa l'80% delle volte trovo i colibrì, è perché prima ho sentito la loro canzone e poi ho iniziato a guardarmi intorno con più attenzione.

Essere pazientare

Una volta che sai dove trovare i colibrì (in base al loro habitat, da dove prendono il nettare e al loro periodo più attivo dell'anno), dovrai posizionarti nel loro habitat e semplicemente aspettare. Trova il tipo di fiore da cui sorseggiano il nettare, installa il treppiede e attendi l'arrivo di un colibrì.

Ciò richiederà pazienza. A volte, molta pazienza.

In realtà ho avuto un po 'di fortuna nell'ottenere la fotografia sopra, di un colibrì di Anna femmina. Ma avevo ancora bisogno di un po 'di pazienza. Ero seduto su una roccia lungo uno dei miei ruscelli preferiti nelle montagne di San Gabriel, quando ho notato un gruppo di colibrì che si tuffavano verso l'acqua, bevendo un sorso veloce e poi ritirandosi su un albero vicino. Li ho guardati da una ventina di metri di distanza, e avendo solo un obiettivo da 200 mm, sapevo che dovevo avvicinarmi molto se volevo fotografare questo spettacolo incredibile.

Dato che conoscevo abbastanza bene il comportamento di questi colibrì (osservandoli da vicino), conoscevo un loro tratto chiave: inizialmente si ritireranno dall'avvicinarsi agli umani, ma se aspetti, torneranno subito.

Quindi, ho deciso di avvicinarmi a loro, a circa quattro o cinque piedi di distanza. Questo, ovviamente, all'inizio li ha spaventati tutti. Ma, dopo circa dieci o quindici minuti, tornarono e continuarono a bere dal ruscello. Quindi, ho iniziato a scattare foto.

Usa la messa a fuoco continua sulla tua fotocamera

La maggior parte delle fotocamere SLR ha un'impostazione di messa a fuoco automatica che continuerà a rimettere a fuoco l'obiettivo mentre il soggetto si muove. L'abilitazione di questa funzione aiuterà a mantenere i colibrì a fuoco nitido mentre sfrecciano nell'aria.

È anche importante impostare la fotocamera in modo che utilizzi solo il punto AF centrale e quindi mantenga sempre questo punto centrale sul colibrì. Ciò impedirà che la messa a fuoco cerchi e vada alla deriva nello sfondo.

Utilizzare una velocità dell'otturatore elevata

Poiché i colibrì sbattono le ali così rapidamente, dovrai utilizzare una velocità dell'otturatore estremamente elevata per "congelare" l'azione delle loro ali (la velocità più bassa con cui puoi farla franca in una giornata di sole è di 1/800 di secondo). Ecco alcuni suggerimenti per ottenere un otturatore più veloce:

  • Usa un ISO più alto (prova 400 o 800, qualsiasi cosa più alta avrà troppo rumore)
  • Usa un'apertura più ampia (fintanto che riesci ancora a tenere a fuoco l'intero uccello)
  • Sottoesponi il tuo scatto (funziona bene solo se scatti in RAW)
  • Usa un flash esterno (questo è l'unico modo per congelare veramente l'azione delle loro ali)

Come esempio di quanto sia importante la velocità dell'otturatore, ecco una foto che ho scattato a 1/800 di secondo:

Nota come le ali siano ancora un po 'sfocate, anche con una velocità dell'otturatore così elevata. Se vuoi davvero congelare completamente le loro ali, dovrai utilizzare un'unità flash esterna. Personalmente, preferisco un po 'di sfocatura per mostrare il movimento.

Aiuterà anche se sai quanto velocemente la particolare specie di colibrì può sbattere le ali. Questo varia da 15 a 200 volte al secondo, quindi per quelli più lenti non avrai bisogno di un otturatore così veloce.

Scatta molte fotografie

Quando si riprendono animali selvatici o qualsiasi tipo di soggetto in rapido movimento, l'unico modo per ottenere una bella fotografia nitida è semplicemente fare molti, molti scatti.

Ho scattato oltre 400 foto in dieci minuti per ottenere le tre foto in questo articolo. Erano le uniche foto nitide delle quattrocento che ho scattato! I colibrì si muovono così velocemente che la maggior parte dei miei scatti erano sfocati o non avevano nemmeno un colibrì nell'inquadratura!

Di tanto in tanto, però, farai stare fermo un colibrì per una frazione di secondo, ed è così che ho ottenuto questa foto:

Potresti anche prendere in considerazione la possibilità di scattare in JPEG.webp, invece che in RAW. Con RAW, sarai fortemente limitato al numero di foto che puoi scattare in una raffica (una subito dopo l'altra), ma con JPEG.webp puoi solitamente raddoppiare la quantità di foto che puoi scattare in una raffica prima che la fotocamera debba mettere in pausa e scrivere le foto sulla scheda di memoria.

Usa una testa a sfera con il tuo treppiede. Non avrai tempo per bloccare la testa a sfera per ogni scatto, ma puoi comunque utilizzare il treppiede per fornire un piccolo supporto per la tua fotocamera. Basta impostare il treppiede e mantenere la testa a sfera moderatamente allentata. In questo modo, avrai la libertà di seguire il colibrì con la tua fotocamera, ricevendo comunque un qualche tipo di supporto.

Se il tuo obiettivo ha una sorta di funzione di stabilizzazione dell'immagine, ti consiglio comunque di accenderlo, anche se spesso si dice che lo disabiliti quando si utilizza un treppiede. Poiché in realtà non stai utilizzando completamente il treppiede (non bloccando la testa a sfera), la stabilizzazione dell'immagine aiuterà a mantenere la fotocamera ancora più stabile.

Sommario

La fotografia naturalistica non è facile: coinvolge un soggetto incontrollabile che si muove quasi costantemente. Questo è particolarmente difficile quando si fotografano i colibrì, poiché sono così piccoli e così veloci. Tuttavia, se conosci le abitudini dei colibrì e hai un po 'di pazienza, sarai sulla buona strada per fotografare questi incredibili uccellini.

Circa l'autore : Steve Berardi è un naturalista, fotografo e scienziato informatico. Di solito puoi trovarlo mentre fa escursioni nelle montagne di San Gabriel o nel deserto del Mojave, entrambi situati nello splendido stato della California. Puoi leggere altri suoi articoli sulla fotografia naturalistica al Naturalista fotografico .

Articoli interessanti...