Un'introduzione all'apertura in fotografia

Un esempio di un'immagine scattata con una grande apertura (f1,8) che sfoca lo sfondo. Immagine di Miguel Runa

Recentemente ho scritto una serie sugli elementi che i fotografi devono imparare per uscire dalla modalità Auto e scattare immagini ben esposte.

Mi sono concentrato principalmente su tre elementi del "triangolo di esposizione": ISO, velocità dell'otturatore e Apertura.

Ho già scritto dei primi due e oggi vorrei rivolgere la nostra attenzione a Apertura.

Prima di iniziare con le spiegazioni lasciatemi dire questo. Se riesci a padroneggiare l'apertura, metti alla tua portata un vero controllo creativo sulla tua fotocamera.

Secondo me, il diaframma è il luogo in cui avviene la magia nella fotografia. Essere in grado di controllare l'apertura può fare la differenza tra scatti monodimensionali e multidimensionali.

Cos'è Aperture?

In parole povere - L'apertura è "l'apertura nell'obiettivo".

Quando premi il pulsante di scatto della fotocamera, si apre un foro che consente al sensore di immagine della fotocamera di intravedere la scena che stai catturando. L'apertura impostata influisce sulle dimensioni di quel foro.

Più grande è il foro, maggiore è la luce che entra - più piccolo è il foro, minore è la luce.

L'apertura viene misurata in "f-stop"

Vedrai spesso f-stop indicati alla Digital Photography School come numeri f /. Ad esempio f / 2.8, f / 4, f / 5.6, f / 8, f / 22 ecc.

Passare da un f-stop al successivo raddoppia o dimezza la dimensione dell'apertura dell'obiettivo (e la quantità di luce che passa).

Tieni presente che un cambiamento nella velocità dell'otturatore da uno stop al successivo raddoppia o dimezza anche la quantità di luce che entra. Ciò significa che se aumenti uno e diminuisci l'altro, fai entrare la stessa quantità di luce.

Una cosa che causa confusione a molti nuovi fotografi è che alle grandi aperture (dove passa molta luce) vengono assegnati numeri f / stop più piccoli e alle aperture più piccole (dove passa meno luce) hanno numeri f-stop più grandi.

Quindi f / 2.8 è in realtà un'apertura molto più grande di f / 22. Sembra il modo sbagliato quando lo ascolti per la prima volta, ma capirai bene.

Questa immagine di paesaggio di Kalen Emsley è stata scattata a f22, come una grande profondità di campo con sia il primo piano che lo sfondo nitidi.

Profondità di campo e apertura

Ci sono una serie di risultati nel cambiare l'apertura dei tuoi scatti che vorrai tenere a mente mentre consideri la tua impostazione, ma il più evidente sarà la profondità di campo che il tuo scatto avrà.

La profondità di campo (DOF) è la quantità di inquadratura che sarà a fuoco.

Grande profondità di campo significa che la maggior parte della tua immagine sarà a fuoco sia che si trovi vicino alla tua fotocamera che lontano.

Ad esempio, il paesaggio ripreso in alto ha un'apertura di f / 22 e il risultato è che sia la montagna sullo sfondo che gli alberi in primo piano rimangono a fuoco.

Una profondità di campo ridotta (o ridotta) significa che solo una parte dell'immagine sarà a fuoco e il resto sarà sfocato (come nel ritratto del gentiluomo della Papua Nuova Guinea qui sotto.

Vedrai che gli occhi del soggetto sono a fuoco ma lo sfondo è sfocato. Anche i suoi capelli che sono solo un po 'dietro i suoi occhi e il suo naso che è solo un po' davanti ai suoi occhi sono sfocati.

Questa è una profondità di campo molto ridotta ed è stata scattata con un'apertura di f2.8).

Apertura f2.8. Immagine di Trevor Cole.

Ecco un altro esempio con un'apertura ancora più ampia di f1.4 che lascia il fiore a fuoco ma tutto il resto è sfocato.

L'apertura ha un grande impatto sulla profondità di campo. Una grande apertura (ricorda che è un numero più piccolo) diminuirà la profondità di campo mentre una piccola apertura (numeri più grandi) ti darà una maggiore profondità di campo.

All'inizio può creare un po 'di confusione, ma il modo in cui ricordo è che numeri piccoli significano DOF piccolo e numeri grandi significano DOF grande.

Un altro esempio di apertura grande e piccola

Lasciatemi illustrare questo con due foto che ho scattato all'inizio di questa settimana nel mio giardino di due fiori.

La prima foto a sinistra è stata scattata con un'apertura di f / 22 e la seconda è stata scattata af / 2.8. La differenza è abbastanza evidente. L'immagine f / 22 ha sia il fiore che il bocciolo a fuoco e puoi distinguere la forma della staccionata e delle foglie sullo sfondo.

Lo scatto f / 2.8 a destra ha il fiore sinistro a fuoco (o parti di esso) ma la profondità di campo è molto ridotta e lo sfondo è fuori fuoco e anche il bocciolo a destra del fiore è meno a fuoco perché è leggermente più distante dalla fotocamera quando è stata scattata la foto.

Il modo migliore per comprendere questo argomento è tirare fuori la fotocamera e fare alcuni esperimenti.

Esci e trova un punto in cui hai oggetti vicini e lontani e scatta una serie di scatti con impostazioni diverse, dalla più piccola alla più grande.

Vedrai rapidamente l'impatto che può avere e l'utilità di poter controllare l'apertura.

Alcuni stili di fotografia richiedono grandi profondità di campo (e piccole aperture)

Ad esempio, nella maggior parte delle fotografie di paesaggi vedrai impostazioni di apertura ridotte (numeri grandi) selezionate dai fotografi. Ciò garantisce che dal primo piano all'orizzonte sia relativamente a fuoco.

D'altra parte, nella fotografia di ritratto, può essere molto utile avere il soggetto perfettamente a fuoco ma avere un bel sfondo sfocato per garantire che il soggetto sia il punto focale principale e che gli altri elementi nello scatto non distraggano .

Quindi, per i ritratti, sceglierai spesso un'apertura grande (numero piccolo) per garantire una profondità di campo ridotta.

I fotografi macro tendono ad essere grandi utenti di grandi aperture per garantire che l'elemento del loro soggetto su cui si stanno concentrando catturi totalmente l'attenzione di chi guarda le loro immagini mentre il resto dell'immagine è completamente fuori fuoco.

Spero che tu l'abbia trovato introduzione ad Aperture in Photography utile. Assicurati di controllare anche la nostra introduzione alla velocità dell'otturatore e l'introduzione all'ISO.

Ecco alcuni altri post correlati che potrebbero piacerti:

  • Disattivazione automatica: spiegazione delle modalità Manuale, Apertura e Priorità otturatore
  • Vedere in profondità di campo: una semplice comprensione dell'apertura
  • Comprensione della profondità di campo - Per principianti

Ti piace questo post? Iscriviti a dPS per ricevere una newsletter settimanale con tutti i nostri ultimi tutorial: è tutto completamente gratuito.

Articoli interessanti...