RAW vs DNG: qual è la differenza e perché è importante?

Come fotografo, hai senza dubbio sentito persone parlare di formati di file, in particolare RAW e JPG.webp. Alcune persone scattano solo in RAW, altre come JPG.webp e molti fotografi usano entrambi. Ogni formato ha vantaggi e svantaggi, ma se desideri il massimo controllo sulle tue immagini, probabilmente scatti in RAW. Tuttavia, esiste una terza opzione che potresti non conoscere nemmeno: Digital Negative o DNG. Con questo altro formato nel mix, il problema non è tanto RAW vs JPG.webp, ma RAW vs DNG.

I DNG possono accelerare il flusso di lavoro di Lightroom, ma ci sono alcuni compromessi di cui essere consapevoli.

Capire RAW

I file RAW, a differenza dei file JPG.webp, memorizzano tutti i dati di luce e colore utilizzati per acquisire un'immagine. Ciò significa che puoi riprendere le luci spente, apportare correzioni migliori al bilanciamento del bianco e avere una grande libertà di modifica che non ottieni con JPG.webp.

Nikon, Canon, Sony e altri consentono ai fotografi di scattare in RAW, ma ciascuno dei loro file RAW è diverso. Ad esempio, l'estensione di un file RAW Nikon è NEF, Canon è CRW e Sony utilizza ARW.

Di conseguenza, le fotocamere di questi produttori elaborano e memorizzano i dati RAW in modo leggermente diverso. Il software di editing di terze parti deve interpolare e decodificare il metodo utilizzato per creare i file RAW.

Questo è ottimo per i produttori di fotocamere perché possono modificare il loro hardware e software per lavorare molto bene con i loro formati RAW. Tuttavia, non è sempre il massimo per fotografi ed editori.

I file RAW e DNG ti danno un sacco di spazio di editing che JPG.webp non offre. Nikon D500, 85mm, f / 1.8, 1/4000 di secondo, ISO 100

Negativo digitale

Adobe ha sviluppato il formato Digital Negative (DNG) nel 2004 come alternativa open source ai formati RAW proprietari utilizzati dalla maggior parte dei produttori di fotocamere.

Ciò che Adobe ha fatto è stato essenzialmente livellare il campo di gioco dando a tutti l'accesso allo stesso formato per lavorare con i file RAW.

DNG è open source, il che significa che chiunque può usarlo senza pagare costi di licenza. Alcuni produttori come Pentax e Leica supportano DNG in modo nativo. Tuttavia, per tutti gli altri, ci sono modi semplici per convertire i file RAW in DNG e ottenere tutti i vantaggi di quest'ultimo senza i problemi del primo.

DNG è particolarmente utile se utilizzi prodotti Adobe, come Lightroom e Photoshop, ma anche altri software di editing lo supportano.

Le informazioni sulla foto in ogni file sono identiche, ma potrebbero esserci dei motivi per sceglierne una rispetto all'altra.

Quando si esamina il problema RAW vs DNG, ci sono alcuni importanti vantaggi e svantaggi che potresti voler considerare prima di cambiare.

Tuttavia, non considerare il formato migliore.

Né RAW né DNG sono oggettivamente superiori; entrambi hanno vantaggi e svantaggi. Il punto è darti informazioni sufficienti per fare una scelta informata su quale formato funziona per te.

Vantaggi DNG

1. Flusso di lavoro più veloce

Il motivo principale per cui molte persone utilizzano i file DNG è correlato all'efficienza di modifica durante l'utilizzo di Lightroom. Poiché DNG e Lightroom sono entrambi realizzati da Adobe, è ovvio che funzionerebbero bene insieme.

Se hai mai trovato frustrante eseguire alcune semplici operazioni con i file RAW in Lightroom, come cambiare foto o ingrandire per controllare la messa a fuoco, rimarrai scioccato dalla velocità con cui si utilizzano file DNG.

Il passaggio da RAW a DNG ha fatto un'enorme differenza per me nell'accelerare il mio flusso di lavoro in Lightroom.

Nikon D750, 40mm, f / 1.4, ISO 360, 1/180 di secondo.

2. File di dimensioni inferiori

La dimensione del file è un'altra area in cui DNG ha un vantaggio nel dibattito RAW vs DNG. Tuttavia, potrebbe non essere così importante ora con uno spazio di archiviazione così economico rispetto a dieci o venti anni fa.

I file DNG sono in genere circa il 20% più piccoli di un file RAW, il che significa che puoi archiviarne di più sul tuo computer. Se sei limitato nello spazio di archiviazione, DNG potrebbe essere una buona opzione per te.

Ho convertito una cartella di file RAW in DNG. Entrambi contengono gli stessi identici dati per ogni foto, ma i DNG sono molto più piccoli. L'intera cartella dei file RAW è di 1,75 GB, mentre la cartella dei file DNG è di 1,5 GB.

3. Ampio supporto

Poiché DNG non richiede un algoritmo di decodifica proprietario, come fanno i file RAW dei principali produttori, c'è un supporto più ampio da una varietà di software di editing. Anche varie organizzazioni archivistiche, come la Library of Congress, utilizzano questo formato. Ciò significa che dovrebbe funzionare bene anche per la maggior parte dei fotografi. Personalmente, sapere questo mi ha aiutato a risolvere il dibattito tra RAW e DNG, ma potresti preferire un'altra soluzione.

4. Ampio supporto

Un ulteriore vantaggio di DNG ha a che fare con la modifica dei metadati e il modo in cui vengono archiviati. Lightroom non è distruttivo, il che significa che qualsiasi modifica apportata a un'immagine, è possibile modificarla in qualsiasi momento in futuro. Il file originale rimane intatto e un record delle tue modifiche viene memorizzato separatamente.

Quando si lavora con file RAW, queste modifiche vengono scritte in un file molto piccolo chiamato a sidecar. Tuttavia, se si utilizza DNG, tutte le modifiche vengono memorizzate nel file DNG stesso. La maggior parte delle persone considera questo un vantaggio poiché richiede meno file da archiviare e gestire, ma può essere uno svantaggio che esplorerò più avanti in questo articolo.

Nikon D750, 40mm, f / 1.4, ISO 1000, 1/3000 di secondo

Inconvenienti DNG

1. Conversione di file

Poiché la maggior parte delle fotocamere non riprende in modo nativo in formato DNG, è necessario convertire i file RAW se si desidera utilizzarlo.

Lightroom può farlo automaticamente durante l'importazione, ma presenta uno svantaggio che potrebbe essere significativo. A seconda della velocità del computer e del numero di file RAW importati, la conversione in DNG può richiedere da pochi minuti a poche ore.

Questo potrebbe essere problematico per alcune persone in flussi di lavoro ad alta velocità come sport e altre fotografie d'azione. Personalmente, non mi dispiace. Faccio semplicemente l'operazione di importazione / conversione prima di cena o in un altro momento in cui non ho bisogno di iniziare immediatamente la modifica.

Mi piace pensare a questo tempo di conversione iniziale come il culmine di tutti i secondi che passavo in attesa del rendering dei file RAW, ma tutto sommato in una somma forfettaria. È un compromesso che sono felice di fare, ma alcune persone potrebbero trovarlo un rompicapo e attenersi ai formati RAW tradizionali.

La conversione di molti file RAW in DNG può richiedere molto tempo. E questo è il tempo che alcuni fotografi non hanno.

2. Perdita di metadati RAW

Un altro svantaggio del formato DNG è che alcuni dei metadati RAW vengono persi durante la conversione. Tutti i soliti metadati che ti aspetteresti sono intatti come l'esposizione, le informazioni sulla fotocamera, la lunghezza focale e altro ancora. Tuttavia, alcune informazioni come i dati GPS, le informazioni sul copyright e il punto di messa a fuoco esatto non vengono sempre trasferite.

Inoltre, l'anteprima JPG.webp incorporata viene scartata a favore di un'anteprima più piccola, che è un altro trucco che Adobe utilizza per ridurre le dimensioni dei file DNG.

Se queste informazioni sono importanti dipende da te. Personalmente, non trovo che nessuno dei metadati persi sia un rompicapo.

3. Editor multipli

Un altro problema che potresti prendere in considerazione è se il tuo flusso di lavoro prevede che più editor lavorino sullo stesso file RAW.

In tal caso, la mancanza di un file collaterale potrebbe essere problematica. In sostanza, il sidecar funge da armadietto per tutte le tue modifiche. Il file RAW è intatto, ma il sidecar memorizza un record delle tue modifiche. Ciò significa che se hai due persone che lavorano sullo stesso file RAW, puoi condividere le tue modifiche semplicemente copiando i file collaterali.

Le modifiche alle immagini RAW vengono archiviate come file collaterali. Puoi inviare questi file collaterali ad altri editor per condividere le tue modifiche RAW (purché abbiano i file RAW originali).

Se utilizzi DNG, devi condividere tutti i file DNG, il che può essere problematico rispetto alla facilità di copiare un piccolo file collaterale.

Per la maggior parte delle persone, questo probabilmente non avrà importanza, ma per coloro che lavorano in sale di montaggio o case di produzione che si affidano a file collaterali per memorizzare le modifiche, DNG potrebbe non essere l'opzione migliore.

Infine, se studi questo problema abbastanza a lungo, sentirai una certa trepidazione sulla longevità di DNG poiché i più grandi produttori di fotocamere, come Canon, Nikon e Sony, non lo supportano ufficialmente. Personalmente, non sono troppo preoccupato per questo dato che DNG è uno standard del settore ampiamente adottato e se è abbastanza buono per la Biblioteca del Congresso, allora è abbastanza buono per me.

Come utilizzare DNG

Se vuoi provare DNG, puoi iniziare convertendo alcuni dei tuoi file RAW esistenti. Nel modulo Libreria di Lightroom, seleziona i file RAW che desideri convertire, quindi scegli Foto-> Converti foto in DNG.

Ti consiglio di controllare i valori che vedi qui, anche se se sei pronto per andare all-in, puoi anche selezionare l'opzione per eliminare gli originali. L'opzione "Incorpora dati di caricamento rapido" è ciò che accelera davvero le cose in Lightroom.

Deseleziona l'opzione per utilizzare la compressione con perdita se desideri conservare tutti i dati del file RAW invece di lasciare che Lightroom ne lanci alcuni a favore di un file di dimensioni inferiori. Inoltre, non è necessario incorporare il file RAW poiché così facendo si raddoppierà la dimensione del file del DNG.
Un'altra opzione è utilizzare l'impostazione Copia come DNG durante l'importazione di foto dalla scheda di memoria. Ciò aggiungerà molto tempo durante il processo di importazione poiché Lightroom converte tutti i tuoi file RAW in DNG.

Tuttavia, per me, vale la pena fare un compromesso poiché i DNG sono molto più veloci da lavorare in Lightroom rispetto ai tradizionali file RAW.

Conclusione

Come per molti aspetti della fotografia, la risposta qui non è in bianco e nero e non esiste una soluzione valida per tutti. La questione tra RAW e DNG non riguarda quale formato sia migliore, ma quale formato si adatta alle tue esigenze.

Non si verifica alcuna perdita di dati quando si lavora con DNG, ma ci sono alcuni problemi rispetto ai file RAW ed è importante che tu faccia una scelta informata.

Se hai esperienza con i file DNG e vorresti condividere i tuoi pensieri, mi piacerebbe averli nei commenti qui sotto!

Articoli interessanti...