Mirini ottici e mirini elettronici: qual è il migliore per te?

In questo articolo daremo un'occhiata ai mirini ottici rispetto a quelli elettronici in modo da poter ottenere una migliore comprensione delle differenze, dei punti di forza e dei punti deboli di ciascuno.

Coca-Cola contro Pepsi, Star Wars contro Star Trek, calcio contro futbol. Il mondo è pieno di grandi rivalità e la fotografia non fa eccezione. A parte la semplice fedeltà al marchio e la preferenza per l'obiettivo, ci sono dozzine, forse centinaia, di altri strumenti, caratteristiche e opzioni su cui i fotografi devono discutere. Uno dei più recenti ma più pronunciati ha a che fare con il modo in cui vedi il mondo davanti al tuo obiettivo.

Alcune fotocamere hanno mirini ottici, mentre altre sfoggiano versioni tecnologicamente più avanzate chiamate mirini elettronici. Altre fotocamere hanno anche opzioni ibride che tentano di combinare il meglio di entrambi i mondi. Allora qual è il migliore? Proprio come la maggior parte delle rivalità, a questa domanda è impossibile rispondere, ma vale la pena esplorare alcuni dei loro punti di forza e di debolezza individuali per aiutarti a sapere quale potrebbe essere giusto per te.

Vedere la scena

Un mirino è uno degli elementi più basilari di qualsiasi fotocamera; è ciò che usi per guardare ciò che fotograferai. Quando tieni la fotocamera davanti agli occhi, che tu stia scattando una reflex digitale o una mirrorless, il minuscolo foro attraverso il quale guardi è ciò che è noto come mirino. Questo è ciò che usi per comporre i tuoi scatti.

Alcune fotocamere rinunciano del tutto al mirino e hanno solo uno schermo LCD gigante sul retro, che è il modo in cui funzionano tutti i telefoni cellulari. Ma non è raro che molte fotocamere includano un mirino insieme allo schermo posteriore.

Non è solo un residuo dei tempi passati, e anche nel frenetico mondo tech-centric di oggi, ci sono una miriade di ragioni per cui molti fotografi preferiscono comporre i loro scatti con il mirino invece che con lo schermo LCD posteriore.

  • La scena appare molto più grande quando viene portata all'occhio, il che ti dà un'idea migliore di come apparirà la tua immagine.
  • Tenere la fotocamera davanti al viso ha anche il vantaggio piuttosto pratico di rendere le cose più stabilizzate.
  • I mirini nelle fotocamere DSLR (e più mirrorless) spesso contengono una fila di numeri e indicatori nella parte inferiore che mostrano cose come l'apertura, la velocità dell'otturatore, la modalità di misurazione, gli scatti rimanenti e altro ancora.

I mirini ottici hanno una riga di informazioni sull'esposizione e sulla foto in basso per aiutarti mentre scatti le foto.

Mirini ottici

Nonostante siano una tecnologia vecchia di decenni, i mirini ottici hanno ancora molti convinti sostenitori della fotografia oggi, con buone ragioni. Il loro vantaggio più importante, e il motivo per cui molti fotografi li preferiscono, è che presentano una vista non filtrata e inalterata della scena di fronte a te mentre stai componendo lo scatto.

Guardare attraverso un mirino ottico, o OVF, non è diverso da guardare attraverso una finestra: nulla viene modificato in alcun modo, forma o forma. Ciò ti consente di vedere esattamente come sarà il tuo scatto e la vista non dipende da alcun tipo di tecnologia di fantasia per funzionare.

I mirini ottici funzionano anche se la fotocamera è spenta, più o meno allo stesso modo in cui guardare attraverso un binocolo, un telescopio o persino un rotolo di carta assorbente non richiede una batteria. Gli OVF non hanno problemi con una resa cromatica accurata o con frequenze di aggiornamento dello schermo e funzionano allo stesso modo in condizioni di luce intensa come in condizioni di scarsa illuminazione.

La maggior parte dei mirini ottici dispone anche di indicatori per mostrare elementi come punti di messa a fuoco e guide per l'inquadratura. Quando premi a metà il pulsante di scatto per mettere a fuoco la fotocamera, un piccolo punto o quadrato verrà visualizzato nell'OVF della fotocamera per farti sapere dove sarà il punto di messa a fuoco e puoi utilizzare un quadrante o una manopola sulla fotocamera per cambiare questo se preferisci.

Limitazioni degli OVF

Tuttavia, non tutto è rose e fiori nella terra dei mirini ottici. Hanno alcune limitazioni significative che potrebbero essere un fattore a seconda del tipo di fotografie che scatti.

Uno dei più importanti è che non puoi vedere la tua immagine quando scatti una foto, un fenomeno noto come blackout del mirino. Quando si preme il pulsante di scatto, lo specchio di una fotocamera DSLR si solleva e si allontana per far passare la luce al sensore di immagine, il che significa che l'OVF diventa completamente scuro.

Questo non è molto evidente quando si utilizzano velocità dell'otturatore elevate, ma se si scatta a circa 1/30 di secondo o più lentamente vedrai una grande casella vuota di nulla per un breve momento ogni volta che scatti una foto. Nella maggior parte delle situazioni, questo periodo di blackout non creerà o distruggerà la fotografia, ma può causare problemi se si riprendono soggetti in rapido movimento. In questi casi, il breve lasso di tempo in cui l'OVF è vuoto è sufficiente perché l'oggetto che stai fotografando si muova un po 'e può richiedere un po' di pratica per abituarsi a questo tipo di ripresa.

Svantaggio

Un altro svantaggio dei mirini ottici è che ti mostrano il mondo intorno a te così com'è, non come apparirà nella tua fotografia digitale. L'OVF vede ciò che vedono i tuoi occhi, che non è necessariamente lo stesso di ciò che vede il sensore di immagine della tua fotocamera.

A meno che tu non abbia una solida conoscenza delle modalità di misurazione e del modo in cui influenzano la tua esposizione, potresti ritrovarti con immagini troppo luminose o troppo scure, specialmente se c'è molta luce e ombra nella scena stessa. Guardando attraverso l'OVF potresti pensare che le tue foto andranno bene solo per rendersi conto in seguito che sono sotto o sovraesposte. A meno che non scatti in RAW, potrebbe non esserci molto che puoi fare al riguardo.

Mirini elettronici

Alcuni anni fa, questa discussione sui mirini ottici rispetto a quelli elettronici sarebbe stata più un esercizio accademico senza un intero valore pratico perché gli EVF semplicemente non potevano competere con le loro controparti analogiche in termini pratici. Il loro elenco di svantaggi era lungo quanto un obiettivo da 70-200 mm e, a parte alcuni vantaggi chiave, non c'erano molti motivi per utilizzare un EVF rispetto a un OVF.

Tuttavia, con il passare del tempo e la tecnologia migliora sempre di più, i mirini elettronici hanno ormai quasi raggiunto la parità con i mirini ottici. Non sono solo un'opzione praticabile, ma in alcuni casi sono superiori per alcuni fotografi.

Differenza principale

La differenza più evidente con i mirini elettronici è che proprio come guardando lo schermo LCD sul retro della fotocamera, vedete una rappresentazione digitale del mondo davanti alla fotocamera invece del mondo reale che vede il vostro occhio. Un EVF è un minuscolo schermo ad alta risoluzione che tieni a meno di un pollice dall'occhio. Poiché è interamente digitale, può mostrarti una grande quantità di informazioni e dati che semplicemente non puoi ottenere con un mirino ottico.

Vantaggi e bonus degli EVF

Mentre i mirini ottici hanno sovrapposizioni statiche con guide per l'inquadratura e punti di messa a fuoco distribuiti in tutto il campo visivo, i mirini elettronici possono mostrare tutti i tipi di informazioni che sono molto utili quando si scattano fotografie. Puoi vedere cose come un istogramma in tempo reale e un livello digitale insieme alla solita raccolta di informazioni su esposizione e misurazione. Ma l'asso nella manica di qualsiasi OVF è la sua capacità di mostrarti esattamente come sarà la tua fotografia, non come appare il mondo davanti all'obiettivo.

I mirini elettronici ti permetteranno di vedere istantaneamente, in tempo reale, se il tuo scatto è esposto correttamente. Ciò consente di effettuare rapidamente le regolazioni non basate su un misuratore di luce (anche se è certamente possibile) ma sull'immagine finale e su come si desidera che appaia.

Cose che OVF non può fornire

Se stai scattando in modalità bianco e nero, questo è esattamente ciò che vedrai mentre guardi attraverso l'EVF per comporre la tua immagine. Vedrai anche la profondità di campo riflessa esattamente come apparirà l'immagine finale e potrai vederla cambiare in tempo reale mentre regoli il punto di messa a fuoco o l'apertura.

Per dirla semplicemente, gli EVF rimuovono gran parte delle supposizioni inerenti agli OVF. In molti casi, questo rende l'atto di scattare foto molto più facile, soprattutto per i nuovi fotografi.

Ottenere l'esposizione corretta in questo scatto è stato più facile grazie al mirino elettronico della mia Fuji X100F.

A causa della loro natura elettronica, gli EVF ti offrono opzioni che un OVF è semplicemente incapace di fare. Molte fotocamere con EVF ti consentono di controllare la messa a fuoco ingrandendo una parte dell'immagine in modo che riempia lo schermo e spesso puoi ottenere aiuti visivi come il picco di messa a fuoco anche nell'EVF. Puoi utilizzare un EVF per scorrere i menu, rivedere le immagini e persino registrare e rivedere i filmati che hai catturato con la tua fotocamera, tutte cose che sono impossibili con un OVF.

Inconvenienti degli EVF

Ci sono, come ci si potrebbe aspettare, alcuni importanti svantaggi degli EVF, non ultimo dei quali è il consumo di energia. I mirini ottici funzionano senza batterie, mentre i mirini elettronici richiedono un'alimentazione costante per funzionare. Non è raro che le fotocamere che si affidano a mirini elettronici abbiano una durata della batteria molto più breve rispetto alle loro controparti ottiche e molti fotografi che utilizzano queste fotocamere hanno l'abitudine di portare batterie di riserva per un giorno di riprese.

I mirini elettronici soffrono anche di problemi di frequenza di aggiornamento dello schermo, il che significa che possono essere difficili da usare in situazioni con molte azioni in rapido movimento. Alcuni EVF hanno un grande ritardo, il che significa che l'immagine che vedi è leggermente indietro rispetto a ciò che sta effettivamente accadendo. Sebbene siano sicuramente migliorati negli ultimi anni, non sono ancora del tutto alla pari con i mirini ottici in questo senso (secondo me).

Infine, anche se i mirini elettronici ti mostrano una buona rappresentazione di come apparirà la tua immagine finale, non hanno la stessa gamma di colori e risoluzione di quelli che vedrai nelle tue fotografie. Anche i migliori EVF raggiungono i 3 megapixel con la maggior parte che si aggira intorno a 1-2, il che significa che stai guardando una versione a risoluzione molto più bassa di ciò che vedrai nelle tue immagini.

Allora qual è il migliore?

Come molti aspetti della fotografia, questo problema non riguarda se un mirino ottico o elettronico sia migliore, ma quale si adatta a te e alle tue esigenze di fotografo. Alcune persone preferiscono la precisione analogica di un mirino ottico, mentre ad altri piacciono le funzionalità high-tech offerte dai mirini elettronici. Alla fine della giornata, ciò che conta davvero è che tu abbia lo strumento giusto per il lavoro. Quindi, se tendi a preferire uno di questi rispetto all'altro, allora, con tutti i mezzi, vai avanti e usalo.

Vorrei aggiungere un avvertimento a tutto questo, ovvero se non hai usato un EVF in pochi anni potresti provarlo. Le carenze degli EVF vengono rapidamente affrontate da molti produttori di fotocamere oggi e gli EVF dei tempi passati sono stati eclissati molte volte dalle loro controparti moderne. Potrebbe valere la pena andare al tuo negozio di fotocamere locale e dare un'occhiata a uno dei modelli più recenti con un EVF integrato e vedere cosa ne pensi, solo così puoi prendere una decisione informata quando scegli la tua prossima fotocamera.

E tu? Preferisci mirini ottici o elettronici? Lascia i tuoi pensieri qui sotto. Mi piacerebbe ricevere notizie dalla comunità di dPS su tutto questo e sono sicuro che altri lettori vorrebbero avere i tuoi pensieri come un modo per saperne di più su questo problema.

Articoli interessanti...