Come eseguire il reverse engineering di una foto

Anche se suona come un termine altamente tecnico, "reverse engineering" è qualcosa che hai fatto molte volte. Ogni volta che hai posto domande come "Con quale fotocamera l'hai scattata?", "Quali impostazioni hai usato?" o "Dove è stata scattata?", hai tentato di decodificare una fotografia.

Abbiamo guardato tutti una foto e abbiamo cercato di capire come è stata creata. Lo faccio tutti i giorni. Che tu ne sia consapevole o meno, quando vedi una foto che ammiri cerchi di analizzarla. Stai chiedendo: "Come faccio a scattare foto in questo modo?"

La verità è che se chiedi al fotografo informazioni sulla sua fotocamera o sulle impostazioni, stai facendo le domande sbagliate. Con tutti i mezzi, fai domande. Dopotutto, è così che impariamo. Ma puoi anche imparare molto dallo studio di un'immagine - Se sai cosa cercare. Quando puoi decostruire visivamente un'immagine, sei più vicino alla possibilità di creare qualcosa di simile.

Questa non è una lezione di plagio. È semplicemente un modo per imparare da altri fotografi di cui ammiri il lavoro. Nessun artista di successo sarebbe dove si trova oggi senza imparare dalle opere degli altri a cui guarda.

Luce e ombra

La lezione fotografica più importante che abbia mai imparato è che è tutta una questione di luce. Le foto di reverse engineering non sono diverse. Analizzare la luce in un'immagine è il modo più semplice ed efficace per imparare come è stata realizzata una foto.

Quando guardi l'immagine, poniti alcune domande.

  • Da quale direzione proviene la luce?
  • C'è più di una fonte di luce?
  • La luce è dura o morbida?
  • C'è luce riflessa nella foto?
  • E la temperatura del colore? È caldo o freddo?

A volte le risposte saranno ovvie. A volte sarà impossibile rispondere. Ma più spesso glielo chiedi, meglio riuscirai a rispondere.

Se stai guardando una foto di paesaggio, puoi quasi sempre presumere che ci sia una sola fonte di luce: il sole. Ma questo non significa che non puoi decostruire la luce. La direzione, la durezza e la temperatura della luce ti diranno molto sulle condizioni in cui è stata scattata la foto. Anche se la bella illuminazione del paesaggio non è tecnica come l'illuminazione del ritratto o del prodotto, puoi comunque imparare molto dall'analisi.

Il sole che colpisce questo paesaggio, insieme alla luce calda sul lato destro dell'immagine, mostra chiaramente da dove proviene la luce.

Se stai decodificando un ritratto, è più probabile che abbia più di una fonte di luce, oltre alla luce riflessa. Quando un fotografo inizia a bilanciare più sorgenti luminose, il reverse engineering di una foto può diventare più difficile. Ma ci sono ancora modi per analizzare la luce se sai cosa cercare.

Inizia chiedendoti: "Dove sono le ombre?" Può sembrare un po 'al contrario, ma uno dei modi migliori per analizzare la luce è guardare le parti più scure dell'immagine. Dove non c'è luce? Vedi delle ombre dure? Ci sono aree in cui puoi vedere la luce che si abbassa gradualmente? Studiare le ombre ti dirà la direzione della luce e quanto è grande rispetto al soggetto.

La pelliccia illuminata intorno all'esterno dell'orso mostra che questa immagine era in controluce. E la sua ombra sul terreno mostra la direzione esatta da cui proveniva la luce.

Interpretare la luce di una fotografia diventa più difficile man mano che l'illuminazione diventa più complessa. Man mano che vengono aggiunte più sorgenti luminose o riflettori, le ombre diventano meno evidenti. Se le ombre sono molto chiare o inesistenti, probabilmente significa che la luce è molto diffusa e rimbalza dappertutto o che ci sono più fonti di luce.

Se sei fortunato, a volte puoi vedere esattamente quale fonte di luce è stata utilizzata cercando i riflessi. Guarda gli occhi, gli occhiali, le finestre, le superfici dell'acqua e tutto ciò che riflette la luce. A volte puoi vedere un riflesso perfetto della fonte di luce, ma almeno sarai in grado di vedere la sua direzione.

La luce soffusa sul soggetto, unita al riflesso dei suoi occhiali, mostra la finestra come fonte di luce. Le ombre molto scure ci dicono che non ci sono altre fonti di luce.

Attrezzatura e impostazioni

In molti casi, non è necessario chiedere quale attrezzatura o impostazioni sono state utilizzate per creare una foto. Con la pratica, puoi imparare a stimare i dettagli tecnici come la lunghezza focale, l'apertura e la velocità dell'otturatore.

Capire quale lunghezza focale è stata utilizzata non è troppo difficile una volta che sai come la lunghezza focale influisce su una foto. Come regola generale, minore è la lunghezza focale (angolo più ampio), maggiore sarà la distorsione che vedrai e più una scena si adatterà al fotogramma. Man mano che la lunghezza focale si allunga (normale o teleobiettivo), vedrai più compressione nell'immagine e meno scena nel fotogramma.

Solo un obiettivo grandangolare può catturare tutto in una scena come questa dal suolo al cielo. La distorsione dell'obiettivo fa sembrare gli oggetti più vicini come questa macchina molto più grandi.

Anche se questo non ti dirà la lunghezza focale esatta utilizzata, ti darà una figura da ballpark. Con la pratica, sarai in grado di capire se una foto è stata scattata con un obiettivo grandangolare (85 mm). Il numero esatto non ha importanza. Che cosa fa la materia sta ottenendo un'idea approssimativa di dove deve essere la tua lunghezza focale per creare lo stesso aspetto.

Come con la lunghezza focale, puoi capire approssimativamente quale apertura è stata utilizzata capendo come influisce su un'immagine. Quando l'apertura dell'obiettivo si apre e si chiude, la profondità di campo (DOF) dell'immagine cambia. Più ampia è l'apertura (numero f più piccolo), più stretta è la DOF.

Ancora una volta, il numero esatto non ha importanza. Ciò che conta è capire come l'apertura influisce sulla DOF e come interpretare la DOF di una foto. Se l'immagine è nitida e a fuoco dal primo piano fino allo sfondo, probabilmente è stata utilizzata un'apertura più piccola (f / 11-22). Se tutto tranne il soggetto è morbido e fuori fuoco, probabilmente è stata utilizzata un'apertura maggiore (f / 1.4-5.6). Se il DOF è da qualche parte nel mezzo, l'apertura è probabilmente intorno a f5.6-11.

Infine, questi principi possono essere applicati anche alla velocità dell'otturatore. Probabilmente sai che la velocità dell'otturatore influisce sul modo in cui il movimento appare in un'immagine. Se gli oggetti che ti aspetteresti di vedere in movimento sono immobili, sai che è stata utilizzata una velocità dell'otturatore più elevata. Se c'è un po 'di sfocatura di movimento nell'immagine, sai che la velocità dell'otturatore era più lenta.

Puoi vedere che qui è stata utilizzata una velocità dell'otturatore più lunga per creare l'effetto acqua lattiginosa, comune con la fotografia a lunga esposizione.

Con una foto di paesaggio, ogni volta che vedi acqua liscia come la seta o nuvole comuni con lunghe esposizioni, sai che ha una velocità dell'otturatore di almeno pochi secondi. Se vedi del movimento, è più probabile che sia inferiore a un secondo. Per congelare il movimento, dovresti aspettarti velocità dell'otturatore di almeno 1/100 di secondo.

Sono necessari tempi di posa molto brevi per catturare l'acqua in movimento, come in questa foto di paesaggio marino.

Se la foto non include oggetti in movimento, è molto più difficile capire la velocità dell'otturatore utilizzata. Ma se non c'è movimento, la velocità dell'otturatore non ha molta importanza. Deve solo essere abbastanza veloce da evitare qualsiasi sfocatura causata dal movimento della fotocamera per garantire un'immagine nitida.

Post produzione

Il reverse engineering della post-produzione applicata a un'immagine è la parte più complicata. Non c'è quasi limite a ciò che può essere fatto in Photoshop oggi, il che rende difficile capire come è stata elaborata una foto.

Puoi avere un'idea approssimativa di quanta post-elaborazione è stata applicata guardando la foto. Sembra realistico? I colori e i toni appaiono come ti aspetteresti nella vita reale? L'intera immagine è ben esposta dalle ombre più scure alle luci più luminose? La luce e le ombre sono coerenti nell'immagine come ti aspetteresti? Le persone sembrano reali o incredibilmente perfette?

Fare questo tipo di domande ti aiuterà a sapere cosa cercare. È facile guardare l'immagine nel suo insieme e sentirsi frustrati nel provare ad analizzarla. Man mano che lo scomponi e guardi i singoli dettagli di una foto, diventa più facile vedere le modifiche che sono state applicate.

Devo ammettere che questo non è esattamente il mio punto forte, essere daltonico. Scegliere la gradazione del colore o gli effetti applicati non è mai facile per me. Ma con la pratica sono diventato molto meglio. E se posso farlo, puoi farlo anche tu.

Puoi vedere guardando la chiesa che il calore extra è stato aggiunto in post-produzione per enfatizzare il caldo sole del tardo pomeriggio.

Tieni presente che i fotografi e i ritoccatori altamente qualificati in Photoshop sono molto bravi a rendere le loro immagini naturali e inedite. Solo perché un'immagine sembra reale non significa che lo sia. Una foto modificata da un ninja di Photoshop sarà molto difficile da decodificare.

Dati Exif

Quando tutto il resto fallisce e desideri disperatamente conoscere le impostazioni utilizzate per scattare una foto, potresti essere in grado di accedere ai dati exif dell'immagine. Quando viene creata una fotografia digitale, nel file viene incorporata una serie di dati. Ciò include la lunghezza focale, la velocità dell'otturatore, l'apertura, il modello della fotocamera e spesso molte altre informazioni.

I dati exif di una foto vengono spesso eliminati dal fotografo o dal sito web su cui vengono caricati. Ma se non è stato rimosso, puoi accedere facilmente ai dati in uno dei seguenti modi:

  • scaricando l'immagine e leggendo i dati sul tuo computer
  • utilizzando uno dei tanti siti web che analizzeranno i dati exif di una foto per te.

Alcuni siti web, come exifdata.com, possono persino analizzare una foto dall'URL dell'immagine.

L'ombra dell'albero mostra chiaramente la direzione del sole, mentre la luce riflessa sul cemento ha riempito le ombre del soggetto.

Usa i tuoi nuovi poteri con saggezza

Ora che sai come decodificare una foto, vai e fai pratica. Più lo fai, più facile diventerà. Come fotografo, essere in grado di analizzare e decostruire una foto è un'abilità incredibilmente preziosa. In questo modo puoi imparare moltissimo da altri fotografi.

Ma ancora una volta, questa non è una lezione di plagio. Si tratta di crescere come fotografo imparando dalle foto di altre persone, non ricreandole o clonandole.

Ora vai a trovare alcune foto che ami e decostruiscile usando i tuoi nuovi poteri.

Articoli interessanti...