È meglio sottoesporre o sovraesporre?

Un lettore mi ha inviato un'e-mail questa settimana dicendomi che avevano alcuni problemi con i livelli di esposizione nei loro scatti. Il loro schermo LCD era piccolo, il che non aiutava ad analizzare gli scatti e tornavano costantemente al PC per scoprire di aver sovraesposto gli scatti.

Sebbene sia difficile dare consigli senza vedere le immagini o conoscere le impostazioni, la mia riflessione era che se avessi potuto scegliere tra immagini costantemente sovra o sottoesposte probabilmente preferirei sottoesporre.

Se ti trovi in ​​una situazione difficile e sospetti che la tua esposizione possa essere fuori uso, ti consiglio di fare un bracketing dei tuoi scatti (la maggior parte delle fotocamere ha una funzione che lo farà per te, scattando rapidamente scatti in successione con esposizioni leggermente diverse).

Tuttavia, se il bracketing non fosse un'opzione, sceglierei un leggermente scatto sottoesposto piuttosto che sovraesposto.

La ragione di ciò è che è più facile regolare uno scatto sottoesposto in un software di fotoritocco che regolare uno sovraesposto. Gli scatti sotto esposti registrano ancora la maggior parte (se non tutti) i dettagli del tuo scatto (anche se non puoi sempre vederli) e con un piccolo ritocco in Photoshop puoi metterli in evidenza.

D'altra parte, gli scatti sovraesposti tendono a registrare meno dettagli e si finisce per avere meno con cui lavorare nella post-elaborazione delle immagini.

Ovviamente, alla fine, preferiresti ottenere l'esposizione giusta quando scatti effettivamente la foto, ma se hai accesso ad alcuni software di fotoritocco per apportare alcune modifiche in seguito, la sottoesposizione nella maggior parte dei casi sarà più facile da correggere.

Articoli interessanti...