Tutorial sulla fotografia di Star Trail

In questo articolo, dimostrerò come scattare foto di tracce stellari quando si fotografa il cielo notturno. Spiegherò quale tipo di fotocamera, obiettivo e altro equipaggiamento è fondamentale, così come l'importanza della composizione durante le notti buie; è molto importante sapere come si muovono le stelle nel cielo per poter visualizzare la composizione finale. Parlerò inoltre in dettaglio di due sfide principali: come concentrarsi nell'oscurità e come impostare la giusta esposizione. Inoltre, il processo di scatto delle foto è solo la prima metà del processo creativo: la post-elaborazione è altrettanto importante per il risultato finale. Anche se la post-elaborazione del software non sarà l'obiettivo principale di questo articolo, farò brevemente luce sui principi di base. Quindi, iniziamo in modo che tu sappia come scattare incredibili foto di tracce stellari la prossima volta che scatti foto di notte.

Star-trail-fotografia "
Continua a leggere per imparare come scattare foto di tracce stellari come questa.

Quanto è difficile fotografare tracce stellari?

Con il progresso tecnologico delle fotocamere odierne, le moderne fotocamere DSLR e mirrorless rendono molto più facile di prima catturare la bellezza del cielo notturno. Ciò che prima era possibile ottenere solo con metodi scientifici e attrezzature molto specializzate è ora alla portata dei fotografi di tutti i giorni con attrezzature adeguate. Dobbiamo essere chiari sui diversi livelli di complessità in modo che tu sappia quali foto puoi scattare e quali sono fuori dalla tua portata.

Alcuni fenomeni, come gli oggetti del cielo profondo, richiedono conoscenze, abilità e attrezzature molto elevate. Altre, come le composizioni con la Via Lattea, sono anche complicate, ma già gestibili per molti fotografi hobbisti che (nel caso ideale) possiedono una fotocamera full frame e un obiettivo grandangolare veloce, o anche coloro che possiedono fotocamere con sensore di ritaglio.

Indipendentemente dall'attrezzatura, tuttavia, è molto importante fotografare il cielo più scuro possibile senza molto inquinamento luminoso causato dall'uomo e luce lunare minima. Le prestazioni ISO elevate, la velocità dell'obiettivo (la quantità massima di luce che consente di attraversare, ovvero l'apertura) sono gli indicatori chiave del successo, soprattutto se si desidera catturare stelle nitidissime. La principale sfida da affrontare è il movimento della terra, che (dal punto di vista del fotografo) si traduce in una rotazione del cielo notturno. Puoi evitare di catturare il movimento nelle tue stelle utilizzando tempi di esposizione relativamente brevi o speciali dispositivi di tracciamento che si muovono in linea con il movimento delle stelle.

Ma se vuoi fotografare le tracce delle stelle, il movimento delle stelle non è un problema: è il tuo obiettivo! Le preoccupazioni di cui sopra contano ancora, anche se hai più flessibilità che se stessi cercando di catturare stelle nitide. Non hai bisogno di un supporto di tracciamento e, sebbene le prestazioni ISO siano ancora importanti, puoi cavartela con un sensore della fotocamera più normale con buoni risultati. Lo stesso vale per l'obiettivo; più veloce e più largo è meglio, ma anche un obiettivo kit andrà bene. Il movimento delle stelle non è una maledizione ma una benedizione. Con un'esposizione molto lunga (o, come spiegato di seguito, diverse esposizioni più brevi in ​​sequenza), utilizzerai il loro movimento per creare le tracce desiderate.

La parte più impegnativa della fotografia delle tracce stellari è sapere dove puntare la fotocamera e quali impostazioni utilizzare per catturare il movimento che desideri. È qui che questo articolo ti aiuterà.

Kost-star-trail "

Equipaggiamento necessario

  • Qualsiasi reflex digitale, qualsiasi corpo macchina mirrorless o persino una fotocamera avanzata punta e scatta. Più grande è la dimensione del sensore, meglio è, ma anche una fotocamera avanzata punta e scatta sarà in grado di catturare le tracce delle stelle, a condizione che abbia la modalità manuale. La dimensione del sensore più piccola consigliata è a mio parere un sensore da 1 pollice (come il sistema Nikon 1, serie Sony RX 100). Un telefono cellulare non darà buoni risultati (secondo me, per favore dimostrami che sbaglio se hai altra esperienza), nemmeno una fotocamera economica punta e scatta.
  • Treppiede: più è robusto, meglio è, ma ancora una volta, ad eccezione di fotografare in condizioni molto ventose, puoi comunque scattare buone foto di tracce stellari con un treppiede meno costoso.
  • Obiettivo grandangolare: la regola pratica è che gli obiettivi più larghi e più veloci sono migliori (poiché catturi più stelle). Le lenti veloci tendono ad essere costose, quindi sarai felice di sapere che anche lenti più economiche andranno bene. In altre parole, sarà sufficiente una lunghezza focale di 18 mm per gli specchi APS-C con f / 3.5 o anche f / 4.5, il che significa che un normale obiettivo da 18-55 mm ti servirà bene.
  • Remote Trigger: per esposizioni molto lunghe, ti consigliamo un telecomando esterno con una modalità bulb che può bloccarsi completamente, o una fotocamera con una modalità di esposizione "time" che ti consente di utilizzare qualsiasi velocità dell'otturatore senza problemi (e senza tenere premuto il pulsante di scatto per tutto il tempo). Per una serie di esposizioni più brevi, è possibile utilizzare un trigger remoto con un intervallometro o una fotocamera con una funzione time-lapse.
  • Capacità sufficiente della scheda di memoria e batterie completamente cariche nella fotocamera. Porta con te una batteria di riserva.
  • Lampada frontale: consigliata per una più facile manipolazione al buio, idealmente con un diodo rosso che non brilla troppo e danneggia la tua visione notturna.
  • Computer o laptop: un piccolo tablet non è abbastanza potente. Avrai anche bisogno di un buon software di modifica delle immagini; Consiglio una combinazione di Adobe Lightroom e Photoshop per questa situazione.

Star-Trails-over-Castle "

Migliori condizioni per la fotografia di Star Trail

Hai bisogno di un cielo notturno limpido senza nuvole (questa è la chiave) e senza un enorme inquinamento luminoso per scattare foto di tracce stellari della massima qualità.

A differenza di scattare foto della Via Lattea senza alcun movimento stellare, non è necessario prestare particolare attenzione alla fase lunare quando si riprendono le scie stellari. Anche con la luna piena, le stelle possono essere viste nel cielo - solo relativamente poche (la luna sta eclissando la maggior parte di esse). Più ci si avvicina alla luna piena, meno stelle ci saranno. Quando è la luna nuova, vedrai un numero maggiore di minuscole stelline e potrai fotografarle purché tu abbia l'attrezzatura giusta. Tuttavia, se la luna è nel cielo per le foto delle tracce stellari, evita che appaia nell'inquadratura. Altrimenti, avrai un grosso blob esagerato nella cornice e molto probabilmente rovinerà la tua composizione.

Composizione

Linee e forme circolari: un forte ancoraggio visivo

A volte, una fotocamera ti consente di fotografare fenomeni invisibili ai nostri occhi. La fotografia delle tracce stellari ne è un esempio. Questa è la parte intrigante: puoi divertirti a vedere qualcosa sulla foto che non puoi vedere con i tuoi occhi.

Dal punto di vista puramente fotografico, le tracce stellari sono spesso di forma circolare, il che risulta essere un elemento di composizione molto forte nella maggior parte delle fotografie. Quindi, è molto possibile ottenere composizioni attraenti, poiché le tracce stellari forniscono un motivo principale naturale nella composizione della tua fotografia. Tuttavia, ti consiglio di pensare altrettanto a come il primo piano integra il tuo cielo se vuoi catturare la migliore foto possibile.

Star-trail-Cizovka-combinato "
NIKON D5300 + 14mm f / 2.8 @ 14mm, ISO 3200, 30 secondi per foto, f / 2.8

Dove puntare la fotocamera

La forma distinta (per lo più circolare) delle scie stellari risulta dalla rotazione della Terra attorno al suo asse. L'asse di rotazione della Terra va dal polo sud al polo nord attraverso il globo. Sopra il polo nord, a una certa quota nello zodiaco, questo asse tocca un certo punto immaginario nel cielo (polo celeste). Sembra essere vicino alla stella Polaris nell'emisfero settentrionale. Quindi, dal nostro punto di vista, questa è la stella intorno alla quale tutti gli altri sembrano ruotare.

È molto utile essere in grado di dire dove si trova la stella Polaris nel cielo notturno (attenzione, Polaris non è la stella più luminosa nel cielo notturno, come comunemente si crede). C'è un modo relativamente semplice per trovarlo: individuare la famosa costellazione dell'Orsa Maggiore (nota anche come Orsa Maggiore o "Aratro" nel Regno Unito). Disegna una linea dalle stelle indicatrici (chiamate Dubhe e Merak) che delineano la parte esterna della ciotola del Grande Carro. Questa linea conduce direttamente a Polaris (a circa cinque volte la distanza Merak / Dubhe). Polaris segna la fine del manico del piccolo carro. Nel polo sud, esiste un modo simile per trovare il polo celeste meridionale conoscendo la costellazione della Croce del Sud, anche se questo richiede un po 'più di sforzo; puoi leggere un tutorial qui.

Tuttavia, conoscere la costellazione della stella non è essenziale. Dovresti sapere che è possibile creare belle tracce stellari con la vista di qualsiasi parte del cielo. È solo se vuoi una serie di cerchi che dovresti concentrarti sui poli celesti nord o sud. Oppure, allo stesso modo, durante i giorni dell'Equinozio sull'Equatore, è possibile ottenere semicerchi contemporaneamente sull'orizzonte settentrionale e su quello meridionale.

Verso Est e Ovest, semicerchi curvano ai lati opposti. Ciò costituisce anche un elemento compositivo molto interessante. Guarda la foto dello Stellisee notturno sotto il Cervino (vista sud-ovest) come esempio di come appare la parte ovest del cielo notturno:

Svycarsko-Startrails "

Flusso di lavoro passo passo

  1. Esplora il luogo: vieni presto, idealmente prima del tramonto. Se arrivi in ​​ritardo nell'oscurità, non trascurare la tua sicurezza, specialmente nei luoghi in cui possono essere presenti animali selvatici pericolosi o dove ti trovi su alcune rocce ripide o scogliere.
  2. Valutazione delle nuvole: se ci sono più nuvole di quanto ti aspetteresti, controlla i radar meteorologici disponibili e valuta se è probabile che la situazione migliori o peggiori. Le nuvole possono danneggiare in modo significativo l'immagine di una traccia stellare, anche se, se hai preso diverse esposizioni più brevi per combinarle in un composito finale, tieni presente che le nuvole possono ancora avere un bell'aspetto nella versione time-lapse delle tue immagini.
  3. Orientamento sul cielo notturno: dove sono il nord e il sud? Se ti trovi nell'emisfero settentrionale, riesci a individuare la Polare? Riesci a vedere la Via Lattea? Puoi usare la bussola del tuo cellulare o sei in grado di leggere le mappe con precisione? Sai dove sorgerà o tramonterà la luna? La risposta a queste domande può aiutarti a trovare il giusto orientamento per la tua foto anche in completa oscurità. Consiglio di prepararti accuratamente a casa utilizzando programmi desktop come Google Earth, Stellarium, le effemeridi del fotografo o varie altre applicazioni mobili come PhotoPills.
  4. Inquadrare la foto: come appare la tua composizione? Vuoi avere il cerchio nella foto e, in tal caso, è simmetrico o di lato? Quanto del primo piano includi? Sulla base di queste domande, scegli l'obiettivo appropriato, esegui lo zoom alla giusta lunghezza focale e acquisisci la messa a fuoco (vedi ulteriori dettagli di seguito).
  5. Messa a fuoco e regolazione corretta dell'esposizione: vedere di seguito in modo più dettagliato.
  6. Batteria e conservazione: ricontrolla se la batteria è carica e se la tua scheda ha una capacità sufficiente.
  7. Avvio dell'esposizione: essere consapevoli del tempo di lancio e calcolare il tempo di fine ideale. Trova un buon posto (caldo) dove puoi aspettare che la lunga esposizione sia completata.
  8. Passaggi finali: una volta a casa, inizia il processo di post-produzione.

Impostazioni della fotocamera consigliate

  1. Modalità manuale: è fondamentale: utilizza sempre la modalità manuale completa. Le modalità semiautomatiche (apertura o priorità dell'otturatore) non funzioneranno in modo affidabile (indipendentemente dalle impostazioni di misurazione dell'esposizione). Devi impostare da solo l'apertura, l'otturatore e l'ISO. Vedere il capitolo seguente per i dettagli sull'esposizione.
  2. ISO automatico disattivato. È importante disabilitare la funzione Auto ISO se la tua fotocamera ce l'ha, o la tua decisione di riprendere tutto il manuale è inutile.
  3. La sottrazione di fotogrammi scuri (riduzione del rumore su esposizioni lunghe) è disattivata. Questo è essenziale se stai scattando una serie di foto da combinare in un'unica immagine di tracce stellari. Se questa funzione è attivata, la fotocamera eseguirà un'altra esposizione dopo ogni esposizione lunga (della stessa durata) con l'otturatore spento, in modo che venga prodotta una cornice scura (cornice nera), in cui è visibile solo il motivo del disturbo . Sebbene la fotocamera possa sottrarre parte del rumore dalla lunga esposizione iniziale, è una cattiva idea lasciare questo ON per le foto delle tracce stellari. Il tempo extra necessario per una cornice scura comporterebbe lacune nelle scie. A meno che non si tratti di una linea tratteggiata, questa funzione non è desiderabile!
  4. Stabilizzazione dell'obiettivo disattivata. Dopo aver installato la fotocamera sul treppiede, non dimenticare di disattivare la stabilizzazione.
  5. Qualità dell'immagine: RAW. Se hai abbastanza spazio sulla scheda di memoria, scatta sempre in RAW. Se la tua fotocamera ha solo l'opzione JPEG.webp, scegli la massima qualità e risoluzione. Se puoi scattare solo in JPEG.webp, assicurati che la temperatura del bilanciamento del bianco sia compresa tra 4000 e 5500 K; in RAW, tuttavia, puoi correggere il bilanciamento del bianco in un secondo momento senza problemi.
  6. Messa a fuoco: utilizzando l'AF-S se ci sono oggetti abbastanza luminosi da mettere a fuoco, o la modalità manuale in combinazione con il live-view in condizioni di oscurità (vedere "sfida 1" di seguito).
  7. Esposizione: dipende dalla fase lunare - vedi "sfida 2" di seguito.

star-trail-pusinky "

Sfida 1: acquisire la messa a fuoco nitida

La messa a fuoco nell'oscurità quasi completa è la sfida più grande, poiché il processo di messa a fuoco dipende sempre dalla quantità di luce. Meno luce hai, meno affidabile è la messa a fuoco automatica. Ti consiglio di conoscere bene la fotocamera e gli obiettivi, soprattutto come mettere a fuoco manualmente prima di addentrarti nell'oscurità. Ciò include sapere dove puoi trovare i pulsanti di messa a fuoco e stabilizzazione. Tieni presente che puoi "preimpostare" la tua messa a fuoco all'infinito durante il giorno e poi mantenerla invariata fino alla notte. Ma ciò presuppone che tu conosca in anticipo la lunghezza focale e la composizione. Dal momento che molto probabilmente non è così, lascia che ti spieghi due modi per acquisire la concentrazione di notte. Abbiamo anche un articolo completo sull'acquisizione di focus per la fotografia stellare se desideri ulteriori suggerimenti.

Distinguiamo due situazioni fondamentali nell'oscurità:

  1. C'è una sorgente di luce visibile nelle vicinanze che è relativamente lontana (circa 10 m di distanza o più)
  2. Non ci sono sorgenti luminose nelle vicinanze, l'unica luce proviene dalle stelle nel cielo

Nel primo caso, la fonte di luce può essere quasi qualsiasi cosa: un lampione, una finestra illuminata o la luna. Può essere il tuo amico che si allontana un po 'con la luce del faro accesa. Tutto ciò che è luminoso (rispetto all'oscurità intorno) e non si muove troppo velocemente (le auto che passano non sono utili) aiuterà. Più luminosa è la sorgente e più lontana, meglio è. Se è abbastanza luminoso, l'autofocus potrebbe essere in grado di acquisire una messa a fuoco nitida sul soggetto. In tal caso, utilizzare sempre il punto di messa a fuoco centrale; è il più preciso. In caso contrario, potrebbe essere necessario mettere a fuoco manualmente ingrandendo l'immagine in live view e cambiando con attenzione l'anello di messa a fuoco manuale sull'obiettivo finché l'oggetto non è il più nitido possibile. È importante che la tua sorgente di luce sia abbastanza lontana da essere il più vicino possibile alla messa a fuoco "infinito". Con obiettivi grandangolari, qualsiasi sorgente più lontana di 8-15 metri funzionerà bene.

Non appena acquisisci la messa a fuoco, disabilita l'autofocus portando la ghiera sull'obiettivo in modalità manuale. Assicurati che sia impossibile per la fotocamera avviare la messa a fuoco automatica, altrimenti rovinerà la tua messa a fuoco di precisione!

Tracce-stellari-con-costruzione-in primo piano "
In questo caso, mi sono concentrato sulla luce intensa dell'edificio.

Nel secondo caso sei in una situazione difficile. L'unica fonte di luce sono le stelle, quindi dovrai usarne una per acquisire la messa a fuoco. Qui, l'unica scelta è passare alla modalità di messa a fuoco manuale. La maggior parte degli obiettivi oggi può mettere a fuoco oltre l'infinito, quindi sfortunatamente non puoi semplicemente ruotare l'obiettivo alla distanza di messa a fuoco più lontana. Allo stesso tempo, anche se l'obiettivo ha un simbolo di infinito sulla scala della distanza, è probabile che sia troppo grande, quindi non puoi essere veramente sicuro che l'anello sia impostato nella posizione corretta. Ma consiglio comunque di mettere l'anello di messa a fuoco al centro del segno di infinito come posizione di partenza per il tweaking manuale.

Usa Live View, seleziona l'ISO più alto possibile (non preoccuparti del rumore, lo usi solo per la messa a fuoco) e il diaframma più aperto (numero f più basso possibile). Non dimenticare che la lunghezza focale dell'obiettivo deve essere impostata sul valore desiderato. Non dovresti ripetere lo zoom dopo questo punto, altrimenti il ​​processo di messa a fuoco dovrà essere ripetuto.

Quindi cerca le stelle sul display. A seconda della lunghezza focale, le stelle potrebbero essere troppo piccole. Se non ne vedi, usa l'ingrandimento del display. Non appena pensi di vedere un punto luminoso, ingrandisci il live view (non con l'obiettivo!), Magari fino all'ingrandimento 1: 1. Quindi, devi verificare se ciò che hai visto è una stella o solo un pixel luminoso, noto anche come pixel caldo. Spostare leggermente l'anello di messa a fuoco, solo un po 'in entrambe le direzioni. Se le dimensioni dei bordi non cambiano (diventano sfocati e meno sfocati una volta modificata la direzione della messa a fuoco), viene visualizzato un pixel caldo. Se il punto cambia di dimensione, stai guardando una stella o un pianeta, che è il tuo obiettivo. Personalmente, identificare una stella a volte mi richiede anche diversi minuti, quindi sii paziente.

Trosky-star-trail "
Non c'erano luci intense su cui concentrarsi per questa foto, quindi ho dovuto usare il metodo sopra per concentrarmi direttamente sulle stelle.

Dopo aver inchiodato la messa a fuoco, è necessario riportare l'ISO al valore ideale (più su quello sotto) date le condizioni. Inoltre, cerca di ricordare la posizione dell'anello di messa a fuoco (se l'obiettivo ha la scala): tornerà utile la prossima volta che farai fotografie notturne. Fai attenzione a non ruotare nessuno degli anelli sull'obiettivo, altrimenti dovrai ripetere l'intero processo.

Il focus stacking potrebbe essere necessario se il tuo primo piano è relativamente vicino e se vuoi avere sia prove stellari nitide che in primo piano. Fai prima la foto focalizzata in primo piano, quindi procedi con le foto delle stelle. Dai un'occhiata al nostro articolo su come ottenere una profondità di campo sufficiente per la fotografia stellare, dove la trattiamo in modo più approfondito.

Se ti senti intimidito dalla crescente complessità del processo, tieni presente che la nitidezza dell'elemento in primo piano potrebbe essere più importante della nitidezza delle scie stellari (queste sono "solo" le linee comunque, se le hai meno nitide lo faranno " solo "diventano leggermente più spessi). D'altra parte, è necessaria solo una foto nitida a fuoco del primo piano e concentrarsi su di essa è relativamente facile anche nell'oscurità totale poiché è possibile utilizzare la lampada frontale per schiarirla mentre si acquisisce la messa a fuoco.

Sfida 2: impostare i giusti valori di esposizione

Cominciamo ora con un compito più semplice: scegliere il diaframma. A differenza della fotografia della Via Lattea in cui desideri stelle nitide, l'impostazione del diaframma non è così cruciale. Scegli tra f / 2.8 - f / 5.6, a seconda di quanto è veloce l'obiettivo, quanto è nitido l'obiettivo, quanto vicino al primo piano hai (nel qual caso un'apertura chiusa ti aiuterà a mantenere una profondità di campo sufficiente).

Quanto dura un'esposizione abbastanza lunga?

Quanto tempo dovrebbe essere la tua esposizione se vuoi ottenere una forma circolare nell'immagine? L'intuizione ci dice che abbiamo bisogno di un tempo di otturazione molto lungo (tempo in cui l'otturatore è aperto). In teoria, per ottenere una perfetta foto delle tracce stellari in cui ogni singola stella disegna un cerchio completo, la terra dovrebbe compiere un giro completo durante l'esposizione. Ma aspetta, il giro completo della terra richiede … sì, ci vogliono 24 ore!

Fortunatamente, non è necessario esporsi così a lungo.Inoltre, esporre il cielo notturno per 24 ore è comunque impossibile, a meno che non si scattino foto durante l'inverno nell'Artico o in Antartide. Poiché il numero di stelle nel cielo è abbastanza alto e i loro percorsi circolari immaginari si sovrappongono, l'illusione di tracce stellari circolari si verificherà con esposizioni molto più brevi. Tuttavia, 60-90 minuti è il tempo minimo che consiglio di esporre per catturare tracce stellari molto chiare. Se l'esposizione è più lunga, il cerchio sarà un po 'più pieno e completo, ma, per una buona impressione, dovresti stare bene con qualcosa nell'intervallo di 90-120 minuti. Inoltre, tieni presente: maggiore è la lunghezza focale, maggiore è il tempo necessario per l'illusione circolare (e viceversa: è necessario relativamente meno tempo per lunghe focali).

Unire più foto rispetto allo scatto di un'esposizione lunghissima

Quando si mira a esposizioni estremamente lunghe, in teoria ci sono due opzioni: una esposizione molto lunga o prendere più esposizioni parziali che vengono successivamente miscelate e sovrapposte in post-elaborazione (il che significa praticamente che si stanno sommando i tempi di ogni singola esposizione insieme ).

La singola esposizione lunga può sembrare più semplice, ed è forse fattibile con le fotocamere a pellicola, ma è poco pratica per la fotografia digitale per diversi motivi. Innanzitutto, immagina di aspettare un'ora per un'esposizione e solo allora ti rendi conto che la tua messa a fuoco o esposizione non è corretta. Spesso il primo piano (paesaggio) è più illuminato del cielo, anche se i nostri occhi non lo riconoscono a prima vista. Dopo un'esposizione molto lunga potresti scoprire che il cielo è esposto correttamente, ma il primo piano è completamente bruciato. Inoltre, l'intensità dell'illuminazione è spesso incoerente (ad esempio a causa di un po 'di traffico). Una singola macchina che passa alla fine di un'ora di esposizione prolungata può ostacolare l'intero processo. Frustrante, vero? Ma questo non è nemmeno il problema principale.

Nella fotografia digitale, il rumore è il più grande nemico. Supponiamo che l'esposizione corretta per un singolo scatto durante una luna nuova sia qualcosa come 64 minuti, f / 5.6 e ISO 100 (che è equivalente in luminosità a 30 secondi af / 2.8 a ISO 3200). Anche in questo caso, non dovresti aspettarti di ottenere un basso livello di rumore a causa dell'ISO di base. Non appena il sensore viene esposto per più di pochi minuti, inizia a surriscaldarsi gravemente. Il calore porta a un falso segnale, che si traduce in rumore. Questo è il motivo per cui una singola esposizione super lunga non è adatta per la fotografia di tracce stellari, a parte le configurazioni speciali della fotocamera con sistemi di raffreddamento.

Pertanto, consiglio il secondo metodo: impilare insieme tempi di esposizione più brevi. In questo caso, non è possibile ottenere l'immagine finale nella fotocamera; dovrai post-elaborare le foto e comporle (impilarle) nell'immagine finale. Sebbene questo metodo richieda più tempo, consente molto più controllo e leva nella post-elaborazione. Come bonus, puoi anche utilizzare in seguito i singoli fotogrammi per creare un'immagine in movimento (un video time-lapse o un'animazione GIF).

In teoria, ciò che conta è il tempo totale aggiunto, non il numero individuale di foto che scatti. Quindi, non dovrebbe importare se esegui 100 esposizioni di 30 secondi ciascuna, 50 esposizioni di 60 secondi ciascuna o 3000 esposizioni di un secondo ciascuna. La lunghezza totale delle esposizioni è identica e la foto risultante sarà essenzialmente la stessa. In pratica, tuttavia, ha senso ridurre il numero di esposizioni se possibile, poiché ciò prolunga la durata della fotocamera (attivazione dell'otturatore). Inoltre, rendi la fase di post-elaborazione meno impegnativa per il tuo computer utilizzando meno foto di origine e risparmi anche molto spazio di archiviazione.

Star-trail-Cizovka-D750 "
NIKON D750 + Tokina AT-X 16-28 F2.8 PRO FX @ 16mm, ISO 4000, 25 secondi per esposizione, f / 2.8

Valori di esposizione specifici raccomandati

Le impostazioni di esposizione consigliate dipendono dal fatto che si stia fotografando un cielo scuro senza la luna o che si scatti in condizioni più luminose. Ecco i valori esatti che suggerisco come regola pratica per iniziare:

Cielo scuro (senza luna o con luna fino al primo quarto): 30 secondi, f / 2.8, ISO 3200

Se l'obiettivo non consente un'apertura di f / 2.8, regola l'ISO per compensare, ad esempio 30 secondi, f / 4 e ISO 6400. Oppure, se non vuoi aumentare l'ISO, puoi mantenerlo allo stesso livello. Il cielo sarà meno colorato e più scuro, con poche stelle visibili, ma come risultato puoi comunque ottenere una buona immagine.

Cielo illuminato dalla luna piena: 30 secondi, f / 2.8, ISO tra 100-400

La situazione cambia con la luna piena, poiché l'intensità della luce del cielo è di circa 4-5 EV più luminosa di un cielo con sole stelle.

Non pensarci troppo, però. Raccomando il metodo di prova ed errore. Assicurati che la tua esposizione includa abbastanza stelle da essere soddisfatto e che il tuo primo piano abbia la giusta luminosità, non sovraesposta o sottoesposta. Questo è qualcosa che puoi ricontrollare con l'istogramma, anche se tieni presente che di notte è normale avere un istogramma molto scuro.

Come eseguire una sequenza di esposizioni lunghe

Esistono due metodi principali:

  1. Innanzitutto, puoi utilizzare un intervallometro, integrato nella fotocamera o esterno, per impostare una serie di foto da scattare. Tutto quello che devi fare è impostare la durata dell'esposizione a 30 secondi, quindi scegliere il ritardo minimo possibile, idealmente un secondo o anche 0,5 secondi. Quindi imposta il numero totale di esposizioni, che è abbastanza facile con esposizioni di mezzo minuto. Calcola solo quanti minuti vuoi sparare, quindi moltiplicalo per due. Quindi, se vuoi scattare per 90 minuti con esposizioni di 30 secondi, imposta l'intervallometro per scattare 180 foto. L'intervallometro di ogni fotocamera è diverso (e non tutte le fotocamere ne hanno uno), e lo ammetto: ero ripetutamente frustrato dal fatto di avere l'intervallometro giusto su Nikon DSLRS (D5300, D7100 e D750). Dopo tre tentativi falliti, ho optato per il metodo 2:
  2. Utilizzare un trigger remoto (wireless o cablato) che abbia un blocco (ovvero l'effetto di un grilletto premuto in modo permanente). Seleziona lo scatto continuo sulla fotocamera. Dopo aver premuto il pulsante di scatto sul telecomando esterno e averlo bloccato, la fotocamera inizia a scattare una serie di foto con un ritardo minimo tra le esposizioni. Continua a scattare finché il grilletto è premuto e bloccato. Se non la spegni, la fotocamera si fermerà solo quando la scheda è piena o la batteria è scarica, quindi assicurati di impostare un timer sul telefono per ricordarti quando interrompere l'esposizione manualmente.
Ondrejov-star-trail "
NIKON D7100 + 11-16mm f / 2.8 @ 11mm, ISO 3200, 30 secondi per esposizione, f / 2.8

Post produzione

Ora che la tua scheda è piena di dozzine o addirittura centinaia di foto notturne, è tempo di post-elaborarle.

Consiglio di utilizzare un software che consenta l'elaborazione in batch (come Lightroom, Photoshop, Zoner Studio e così via).

Il primo passo è modificare la prima immagine nella sequenza. Ottimizza la temperatura del colore, regola le ombre e le luci e così via. Potresti anche voler aggiungere chiarezza o eseguire un po 'di riduzione del rumore; dipende dal tuo gusto personale. Quindi, seleziona tutte le tue immagini e applica queste regolazioni in gruppo a ogni singola foto. Tieni d'occhio se c'è qualche valore anomalo nella sequenza, come una foto influenzata dal passaggio di auto. Considera l'idea di rimuoverlo dal resto del gruppo.

Quindi, considera la potenza di calcolo del tuo computer e pensa all'uso previsto per l'output finale. È molto impegnativo per la capacità della RAM e la potenza di elaborazione della CPU e della scheda grafica (e persino dello spazio di archiviazione) unire una serie di foto come questa, in particolare se si utilizzano foto RAW originali per farlo. Personalmente, non impilo i file RAW modificati; Esporto i file RAW in JPEG.webp. Potrei persino ridimensionarli se so che non stamperò il risultato finale, ma lo utilizzerò solo per il web o i social media.

A questo punto, devi impilare le foto. Personalmente, carico tutti i file in Photoshop in File> Script> Statistiche. Quindi, puoi dire a Photoshop di impilare le immagini usando il metodo "massimo". Ciò confronta efficacemente ogni foto con quella successiva e mantiene i pixel che cambiano. Ciò si traduce nella crescita delle tracce stellari.

C'è però uno svantaggio: questo metodo evidenzia anche il rumore nell'immagine (che è casuale e quindi foto diversa dalla foto), danneggiando in modo significativo il primo piano. Per questo motivo, consiglio di copiare di nuovo il livello in pila e di applicare un metodo di impilamento diverso: medio o mediano. Questo strato sarà quindi molto pulito con pochissimo rumore, ma anche senza stelle (o solo deboli accenni di tracce stellari). È quindi possibile fondere entrambi i livelli mascherandoli o utilizzando diverse opzioni di fusione dei livelli (come lo schermo o la sovrapposizione in Photoshop). Uso sia la fusione dei livelli che il mascheramento.

Si noti che un software di astrofotografia specializzato può affrontare questo compromesso estraendo le stelle dall'immagine e lavorando solo con le stelle luminose per massimizzare le loro scie e ridurre al minimo il rumore. Tuttavia, anche il metodo descritto sopra può darti immagini di altissima qualità.

Se sei soddisfatto del risultato finale e non vuoi modificarlo in seguito, puoi appiattire l'immagine e avere il risultato finale. Se desideri modificare l'immagine in pila in un secondo momento, dovresti salvarla come file TIFF o PSD (ma questo non è consigliato nella maggior parte dei casi, poiché la dimensione del file sarà enorme, probabilmente diversi gigabyte).

Tracce stellari-Prachov "

Conclusione

In questo articolo, ho cercato di spiegare come scattare foto di tracce stellari di alta qualità sia sul campo che in post-elaborazione, in particolare utilizzando il metodo di impilare più foto su un lungo intervallo di tempo. Anche se il processo sembra difficile sulla carta, è il genere di cose che diventano molto più facili con la pratica. La parte più impegnativa è pianificare la composizione senza essere in grado di vedere tu stesso la rotazione della stella sul campo, ma è qualcosa che diventerai più bravo a visualizzare nel tempo. Sebbene la messa a fuoco dovrebbe essere quanto più accurata possibile, le differenze di esposizione sono ok, alcune imprecisioni possono essere compensate in seguito nella post-elaborazione. Le tracce stellari sono più indulgenti delle foto con la Via Lattea il più nitida possibile.

Inoltre, la curva di apprendimento della fotografia delle tracce stellari è molto rapida. Non scoraggiarti se i tuoi primi tentativi non sono ancora "stellari". Ho ottenuto buoni risultati solo al terzo o quarto tentativo. Da allora, il processo sembra molto automatico.

Spero che ti senti ispirato a provarlo da solo. Fai attenzione al cielo limpido e scuro e divertiti a catturare l'affascinante abbondanza di stelle luminose nell'universo.

Articoli interessanti...