Cinque motivi per cui finalmente sono passato alla pallottola ad Adobe Creative Cloud

Quando Adobe ha annunciato che stavano trasferendo le proprie app a un modello di abbonamento di Adobe Creative Cloud nel 2013, sono quasi caduto dalla sedia mentre stringevo la scatola di cartone per la mia copia di Lightroom 4. Mi sembrava assolutamente folle che Adobe lo chiedesse fotografi e altri professionisti creativi a spendere soldi ogni mese per abbonarsi a software che potrebbero semplicemente acquistare una volta e utilizzare per sempre.

Negli anni seguenti ho resistito al passaggio a Creative Cloud e ho continuato ad acquistare nuove versioni di Lightroom una per una fino a pochi mesi fa, quando finalmente ho morso il proiettile e mi sono iscritta. Sono stato uno dei critici più accaniti di Adobe in quegli anni intermedi e ho rifiutato fermamente di acquistare Creative Cloud per diversi motivi fino a quando non ho realizzato cinque cose importanti che alla fine mi hanno portato a passare.

Gran parte della mia esitazione a cambiare era dovuta al fatto che non capivo veramente il servizio offerto da Adobe con il loro piano Fotografia Creative Cloud. Questo è quello che ti consente di avere Lightroom e Photoshop per $ 10 al mese.

Quello che non sono riuscito a riconoscere è che Lightroom e Photoshop sono solo la punta dell'iceberg, e c'è tutta una serie di servizi Adobe aggiuntivi a cui gli utenti hanno accesso con un abbonamento CC. Nessuno di questi di per sé vale il prezzo, ma quando si esaminano tutti i vantaggi accessori che si ottengono insieme a un ottimo software, l'idea di noleggiare il software che possedevo era molto più appetibile.

Sincronizzazione tra Lightroom Classic e Lightroom CC

Quando ti iscrivi al piano Fotografia ottieni due versioni di Lightroom, ciascuna con caratteristiche e vantaggi esclusivi progettati per soddisfare tipi specifici di flussi di lavoro fotografici.

Lightroom Classic CC è il nome della tradizionale app desktop in circolazione dal 2007, ora disponibile solo tramite un abbonamento a Creative Cloud. Questo è per flussi di lavoro incentrati sul desktop in cui tutte le tue foto risiedono su un singolo computer.

Lightroom CC è una nuova versione diversa di Lightroom progettata per un flusso di lavoro incentrato sul cloud in cui tutte le tue foto risiedono nel cloud e possono essere modificate ovunque: in un browser, su un tablet, su un telefono o persino utilizzando Lightroom CC su un computer desktop.

Quello che potresti non capire è che puoi usare entrambi questi programmi insieme, con la differenza fondamentale che è la posizione in cui risiedono effettivamente le tue immagini originali. Se sei abituato a un flusso di lavoro tradizionale incentrato sul desktop, puoi utilizzare Lightroom Classic CC per sincronizzare album specifici nel cloud.

In pratica, questo carica i file di anteprima a bassa risoluzione delle tue foto sul tuo account Creative Cloud. Queste anteprime, quindi, possono essere modificate ovunque utilizzando Lightroom CC e la prossima volta che caricherai Lightroom Classic CC sul desktop tutte le tue modifiche verranno automaticamente sincronizzate con le foto originali e il file di catalogo.

Ho iniziato a modificare questa foto sul mio computer in Lightroom Classic CC. Quindi l'ho aperto nel mio browser e ho apportato ulteriori modifiche che sono state sincronizzate di nuovo sul mio desktop.

La differenza fondamentale tra entrambi i tipi di flussi di lavoro è che quando si utilizzano album pubblicati nel cloud da Lightroom Classic CC, gli originali rimangono sul desktop, il che significa che non è possibile esportare immagini ad alta risoluzione da Lightroom CC. Tuttavia, per i fotografi che desiderano modificare le proprie immagini in movimento e quindi tornare al desktop per qualsiasi modifica ed esportazione finale, questa è una soluzione eccezionale e che potrebbe fare la differenza per coloro che sono indifferenti all'abbonamento.

Un'ultima nota su questo: Il piano fotografico da $ 9,99 include 20 GB di spazio di archiviazione nel cloud, ma gli album che pubblichi nel cloud da Lightroom Classic non contano per quei 20 GB. Questo perché usano anteprime a bassa risoluzione invece delle tue immagini reali, il che va bene per il contrassegno, il ritaglio, l'inserimento di parole chiave, la correzione del colore e la maggior parte delle altre regolazioni che vorresti apportare su un dispositivo mobile.

Avere accesso alle mie foto su dispositivi mobili ha accelerato enormemente il mio processo di selezione. È molto più veloce per me segnalare, rifiutare e valutare le foto sul mio iPad e i risultati vengono sincronizzati di nuovo sul mio iMac in Lightroom Classic CC.

Photoshop è incluso

Sarò il primo ad ammettere che, anche se mi definisco un fotografo, uso raramente Adobe Photoshop e invece eseguo la maggior parte della post-elaborazione in Lightroom. Tuttavia, ho una vecchia copia di Photoshop CS5 che ho acquistato circa otto anni fa e che utilizzo quando ho davvero bisogno di eseguire elaborazioni pesanti.

Ma è lento, manca di molte funzionalità moderne e ha un'interfaccia e un layout che creano confusione, per non dire altro. Inoltre si blocca molto su di me, il che non aiuta esattamente le cose ogni volta che ho bisogno di usarlo.

Nonostante questi problemi, il fatto che Photoshop sia incluso non ha fatto molto per influenzare inizialmente il mio barometro quando si trattava di sborsare $ 9,99 ogni mese per il piano Fotografia Creative Cloud. Mi sono sforzato di cavarmela con quello che avevo anche se non era più adatto alle mie esigenze.

Ma più pensavo di iscrivermi a Creative Cloud e più mi rendevo conto di quanto sarebbe stato bello avere la versione completa di Photoshop pronta quando ne avevo bisogno.

Non c'è bisogno di pensare all'acquisto, all'aggiornamento o al capire se la versione che avevo sarebbe stata davvero attuale con gli ultimi tutorial online. Ha appena iniziato ad avere senso per un fotografo di piccole dimensioni come me pagare quello che in realtà è un modesto canone mensile per avere gli strumenti più recenti e migliori a mia disposizione per quando ne avevo bisogno.

Dal momento che non uso Photoshop così spesso, non varrebbe il prezzo di un piano Creative Cloud da solo, ma combinato con tutto il resto aveva sicuramente molto senso.

Condividi gli album pubblicamente

Scatto molte foto di familiari, amici ed eventi solo per uso personale e, come la maggior parte delle persone, mi piace condividere queste immagini con gli altri. Fino alla registrazione ad Adobe Creative Cloud, il mio flusso di lavoro per questo tipo di condivisione era alquanto complicato e comportava l'esportazione di immagini di piccole dimensioni da Lightroom, il salvataggio in una cartella condivisa di Dropbox, la generazione di un collegamento pubblico e l'invio ad altri.

Non potevo fare molto per limitare i privilegi di accesso e, nel frattempo, le immagini occupavano spazio nel mio account Dropbox che è comunque sempre vicino al limite.

Ora il mio processo è molto più semplice, molto più efficiente e si traduce in un maggiore grado di controllo su ciò che posso effettivamente lasciare che altre persone facciano con le mie immagini. Dopo aver pubblicato un album nel cloud da Lightroom Classic CC, puoi accedere a Lightroom sul Web, su dispositivo mobile o semplicemente caricare Lightroom CC e generare un collegamento pubblico per qualsiasi album sincronizzato.

Inoltre, puoi ottenere un codice di incorporamento, scegliere di consentire i download e mostrare i metadati e persino consentire alle persone di filtrare le foto in base allo stato della bandiera.

Sebbene le immagini visualizzabili pubblicamente utilizzando questo metodo siano le anteprime a bassa risoluzione e non le immagini a grandezza naturale per la stampa, sono più che sufficienti per la maggior parte delle persone.

Il compromesso in termini di semplicità generale e facilità d'uso è più che valsa la pena per me e non sto occupando spazio prezioso nel mio account Dropbox o in altri servizi di condivisione di file.

Portafoglio Adobe

Questo potrebbe non essere utile per alcuni fotografi, ma ho trovato Adobe Portfolio una risorsa incredibile come abbonato a Creative Cloud ed è stato davvero uno dei motivi principali per cui alla fine ho scelto di eseguire l'upgrade. In precedenza pagavo un servizio di quasi $ 100 all'anno per il mio sito web di fotografia. Ma quando ho capito che Adobe Portfolio poteva fare tutto ciò di cui avevo bisogno ed era incluso con un abbonamento a Creative Cloud, ho annullato il mio altro servizio di hosting e ho spostato tutto su Adobe.

Adobe Portfolio non ti darà il sito web più fantastico del mondo, ma potrebbe benissimo portare a termine il lavoro per te a non molto di più di quello che stai pagando per un sito web ora.

Tutti gli abbonati a Creative Cloud hanno accesso ad Adobe Portfolio che, sebbene non completo come alcuni degli altri provider di hosting, è più che sufficiente per le mie esigenze e forse anche per le tue. Come bonus aggiuntivo, si sincronizza con Lightroom così posso creare album sul mio computer e sincronizzarli automaticamente con il mio sito web. Qualcosa che non era affatto possibile con la mia precedente società di hosting.

Se sei interessato a Creative Cloud ma non sei sicuro del canone mensile di $ 9,99, ti consiglio di guardare la tua attuale soluzione di hosting di siti Web e confrontarla con Adobe Portfolio. È molto probabile che quest'ultimo possa soddisfare le tue esigenze e finire per costarti solo un po 'di più di quello che stai già pagando per un sito web.

Adobe Portfolio non ha l'ampiezza di funzionalità offerte da altre piattaforme di siti Web, ma ha una buona selezione di temi e alcune solide opzioni per i fotografi che desiderano un modo semplice ed efficace per mostrare il proprio lavoro online.

Il prezzo era giusto

Mentre guardavo tutte le funzionalità offerte da Adobe Creative Cloud ho continuato a tornare al canone mensile, e per anni non sono riuscito a conciliare l'idea di essere bloccato in un contratto perpetuo solo per utilizzare software che potevo uscire e compra una volta ma usa per sempre. Tuttavia, continuavo a tornare ad altri software che avevo acquistato come Aperture, Final Cut Express e persino altre app Adobe come Fireworks che semplicemente non funzionavano più sul mio computer.

Certo, avevo acquistato queste app, ma con il passare del tempo l'unico modo per usarle era acquistare comunque nuove versioni. Nel frattempo, non aggiornando, stavo perdendo le correzioni di bug, le funzionalità aggiunte e i miglioramenti generali della velocità offerti dalle loro controparti più recenti. In alcuni casi, come Final Cut Express, le app sono state semplicemente deprecate dai loro sviluppatori, lasciandomi senza altra scelta che aggiornare comunque.

Ho pagato centinaia di dollari nel corso degli anni per software che non posso più utilizzare o che non potrò più utilizzare nel prossimo futuro perché è stato ritirato dai suoi sviluppatori.

Non mi piace ancora l'idea di essere bloccato in una tariffa mensile per il software, ma quando ho considerato tutti i vantaggi che derivavano da quello che era davvero un prezzo modesto (solo circa $ 30 in più di quanto stavo pagando solo per il mio sito web) la scelta è diventata chiaro. Non sto dicendo che Creative Cloud sia giusto per tutti, ma è stata sicuramente la scelta giusta per me e, a seconda delle tue esigenze, potrebbe essere giusta anche per te.

Articoli interessanti...