Come fotografare i fiocchi di neve con una DSLR

Di Don Komarechka

I mesi invernali sono in genere poco interessanti per i fotografi macro. Fiori, insetti e piccoli dettagli in natura scompaiono quasi del tutto. Un solo soggetto fedele è rimasto in abbondanza: il minuscolo fiocco di neve.

Per fortuna, "abbondanza" è un eufemismo. Per quasi metà dell'anno, ne troverai innumerevoli trilioni a pochi metri dal calore e dal comfort di casa. Quindi come inizi? Come catturi uno di questi minuscoli soggetti cristallini e riempi la cornice dietro l'obiettivo?

L'ingranaggio:

La prima cosa di cui avrai bisogno è un vecchio guanto.

Tuttavia, ti servirà di più. Il fiocco di neve medio è di circa 2-5 mm di diametro, quindi riempire la cornice con uno di questi cristalli richiederà un potente ingrandimento e una buona illuminazione. Qualsiasi telecamera andrà bene, purché tu possa avvicinarti abbastanza. Per la fotografia con i fiocchi di neve, dovrai approfondire il mondo oltre l'ingrandimento 1: 1 a grandezza naturale.

1: 1 a grandezza naturale è la scala di ingrandimento più alta che la maggior parte degli obiettivi macro è in grado di raggiungere. Su un sensore full frame, un fiocco di neve da 4 mm riempirà solo circa il 2% dell'immagine: dobbiamo avvicinarci.

L'aggiunta di un set di tubi di prolunga al tuo obiettivo macro ti porterà spesso vicino a 2: 1 a grandezza naturale e Kenko è un ottimo set. Si tratta di tubi cavi che si trovano tra la fotocamera e l'obiettivo, consentendo efficacemente alla fotocamera di mettere a fuoco più vicino al suo elemento anteriore. Questo è il modo più conveniente per aumentare l'ingrandimento, ma i filtri ravvicinati sono un'altra buona opzione.

I filtri ravvicinati sono fondamentalmente occhiali da lettura per la tua fotocamera. Agiscono come una lente d'ingrandimento e più possono essere impilati insieme per un maggiore effetto. Causano la distorsione dei bordi della cornice, ma quando si fotografano i fiocchi di neve probabilmente ritaglierai comunque i bordi. I filtri ravvicinati interferiscono anche con le capacità di messa a fuoco automatica della maggior parte delle reflex digitali, ma per questo soggetto riprenderemo la messa a fuoco manuale.

Accendere un fiocco di neve può sembrare una sfida, ma è abbastanza semplice: usa un flash anulare. I flash anulari potrebbero non essere preferiti in tutte le aree della macrofotografia perché creano un riflesso che distrae nelle goccioline d'acqua e in alcuni occhi di insetti. Tuttavia, è la soluzione perfetta per i fiocchi di neve e rende un po 'più facile catturarli. La maggior parte dei flash anulari (io uso una Canon MR-14EX) ti consente di controllare due banchi di luce e renderne uno più luminoso dell'altro. Spengo quasi completamente un banco e uso metà del flash e cerco l'angolazione perfetta.

Ottenere la giusta angolazione può cambiare drasticamente il risultato. L'immagine sopra è fotografata a due angoli diversi a pochi gradi l'uno dall'altro. Ci vuole un sacco di esperimenti sul campo per trovare questi angoli e di tanto in tanto userò un piccolo pennello per spingere il fiocco di neve all'angolazione corretta. Lo evito a meno che non sia necessario, perché i cristalli spesso si frantumano se manipolati troppo.

Quindi abbiamo una lente, una luce e ora abbiamo bisogno di un palcoscenico. Tutte le mie fotografie di fiocchi di neve sono fatte con lo stesso vecchio guanto nero. È una componente essenziale delle mie immagini e ci sono molti motivi per cui:

  • Sfondo scuro: il guanto crea uno sfondo più scuro per il fiocco di neve e consente dei bei contrasti. Scegli un altro colore oltre al nero per dare una sensazione diversa alle tue immagini, ma tienilo più scuro per un buon contrasto.
  • Isolamento: Se il fiocco di neve cadesse su una superficie metallica piatta e quella superficie trasferisse anche la minima quantità di calore, il fiocco di neve sarebbe una goccia d'acqua abbastanza rapidamente. Con il guanto, il ghiaccio si impiglia nelle fibre e crea solo pochi punti di contatto con la superficie, mantenendola isolata dal calore.
  • Soggetto isolamento: Ogni ripresa avrà un certo numero di fibre di lana presenti, ma queste sono molto più facili da modificare rispetto a una superficie piatta e dettagliata come il feltro o una copertura per barbecue nel tuo giardino.

Il processo:

Posiziona il guanto durante una nevicata e attendi che i fiocchi di neve si posino (suggerimento: non dovresti indossare il guanto). Dai un'occhiata da vicino e vedi se i fiocchi di neve sono della varietà "bella". Vedrai comunemente palline di ghiaccio o cristalli ricoperti di goccioline d'acqua ghiacciata (chiamate "brina"). Potrebbero essere necessarie alcune nevicate prima di vedere i migliori cristalli per fotografare: fiocchi di neve grandi e puliti con molti rami:

È molto importante fotografare i fiocchi di neve durante una nevicata. Non appena un'ora dopo, i cristalli inizieranno a sciogliersi o sublimare (evaporare senza sciogliersi prima) e presto i bordi taglienti dei cristalli scompariranno. Se ti sei appena perso la nevicata, prova a posizionare il guanto sulla neve appena caduta e raccoglilo di nuovo: le fibre cattureranno i fiocchi di neve caduti come il velcro e avrai la possibilità di fotografarne alcuni prima che si deteriorino troppo.

Tutti i miei fiocchi di neve sono concentrati. Ciò significa che scatto più fotogrammi dello stesso fiocco di neve in molti punti di messa a fuoco diversi; Lo faccio spostando fisicamente la fotocamera in avanti e indietro attraverso il piano di messa a fuoco del cristallo, scattando continuamente per tutto il tempo. Questo processo è necessario perché spesso vengono fotografati da un angolo, dando solo un piccolo frammento di messa a fuoco. Li fotografo su un angolo per far risaltare i riflessi della superficie, i colori prismatici e persino i colori centrali vibranti a causa dell'interferenza ottica:

Tuttavia, non è così che l'immagine esce dalla fotocamera. L'immagine sotto è una delle 33 immagini utilizzate nella composizione finale. Il processo di combinazione dei fotogrammi è lungo, in parte perché ogni immagine è realizzata senza treppiede: sono tutte tenute a mano. Poiché tengo in mano queste immagini, ho bisogno di scattare molti più fotogrammi di quelli che userò effettivamente (eseguo lo scatto per assicurarmi di coprire ogni punto). I 33 fotogrammi che ho usato in questa immagine sono stati selezionati su 112 in totale.

Spesso mi viene chiesto perché non uso un treppiede per queste fotografie. Ottenere un treppiede impostato esattamente alla giusta angolazione e regolare una guida di messa a fuoco per ottenere tutto perfettamente impostato richiederebbe una notevole quantità di tempo. Trovo il fiocco di neve a mano libera e aggiusto l'angolazione della fotocamera per ottenere il riflesso desiderato effettuando scatti di prova, qualcosa di molto più dispendioso in termini di tempo se si utilizza un treppiede. Il tempo non può essere impiegato per allineare un treppiede in questo modo: devo muovermi rapidamente per assicurarmi che il fiocco di neve non si sciolga, non soffi via o venga soffocato da altra neve che cade. Photoshop fa un ottimo lavoro riallineare le immagini, a patto che il tuo angolo non si discosti troppo.

Fiocchi di neve che misurano circa 0,4 mm di diametro, fotografati con un ingrandimento di 6: 1 e tagliati in modo significativo

Il processo di editing e focus-stacking sarà discusso in un prossimo articolo.

Il libro:

Se il tutorial di cui sopra ti interessa, sarà spiegato più dettagliatamente nel mio prossimo libro, "Sky Crystals: Unraveling the Mysteries of Snowflakes". Il libro è attualmente finanziato in massa su indiegogo e con un contributo di $ 35 riceverai una copia quando sarà pubblicato nell'ottobre 2013. Sostieni il progetto e aiuta il libro a essere pubblicato!

Il libro sarà di 300 pagine, con copertina rigida e dettagli su tutte le tecniche fotografiche, scienza e fisica, e persino la psicologia e la filosofia del perché troviamo bellissimi i fiocchi di neve. La campagna termina il 30 aprile 2013.

Articoli interessanti...