La gestione del colore può essere facile

Gestione del colore è il termine amidaceo e tecnico assegnato a una serie complessa di problemi che i fotografi devono affrontare ogni giorno. Come catturare accuratamente i colori in una scena, visualizzare quegli stessi colori sul monitor di un computer e quindi stampare quei colori con successo su carta.

Sebbene questa sia una sfida molto complicata (a livello di allevamento di gatti), la risposta è molto più semplice di quanto potresti pensare.

Il problema in poche parole

La fotografia a colori è un sistema di comunicazione visiva che tenta di equalizzare le differenze tra tre tecnologie completamente diverse.

Immagina tre persone che cercano di discutere un argomento difficile mentre parlano lingue diverse. Le parole e le frasi in una lingua non hanno equivalenza nelle altre. Culture e comportamenti si scontrano quando convinzioni e significati vengono interpretati male. Il risultato è la frustrazione. Questo scenario descrive abbastanza bene le complicazioni della riproduzione del colore.

Le fotocamere registrano la luce in una lingua a colori, i monitor interpretano la stessa luce in una lingua diversa e le stampanti cercano di spiegare l'interpretazione del monitor in un'altra lingua. Tutti e tre stanno facendo del loro meglio, ma collettivamente non stanno comunicando.

C'è da meravigliarsi perché una riproduzione accurata dei colori suona più come un ossimoro che come una descrizione veritiera?

Inoltre, le fotocamere sono influenzate dal colore della luce in una scena, i colori del monitor appaiono diversi in base alle tecnologie e ai marchi e gli inchiostri da stampa e le carte alterano il modo in cui i colori vengono riprodotti. Le telecamere registrano le frequenze luminose, i monitor le traspongono in numeri e le stampanti traducono i numeri in punti e punti colorati. C'è unità ma non armonia.

Scopri di più con l'eBook sulla gestione del colore gratuito di Datacolor.

Vive la Différence

Proprio come le lingue straniere e le valute internazionali richiedono una traduzione accurata e tassi di cambio tempestivi, le fotocamere, i monitor e le stampanti interpretano i colori in modo univoco. Come le lingue parlate e le valute, la riproduzione del colore richiede una traduzione accurata dei valori.

Sarebbe meraviglioso se tutti i sistemi parlassero lo stesso linguaggio visivo, ma semplicemente non lo fanno.

La storia del mondo rileva che nel 1878 fu fatto un tentativo di unificare tutte le lingue nazionali e adottare una nuova lingua comune chiamata "Esperanto". Questa proposta è stata avviata da un oftalmologo di nome L. L. Zamenhof nel tentativo di ridurre "il tempo e il lavoro che spendiamo nell'apprendimento delle lingue straniere" e per promuovere l'armonia tra persone di paesi diversi.

Sebbene il concetto sia piuttosto nobile e sebbene il movimento esista ancora, l'impresa monumentale di ridurre tutte le lingue parlate in un'unica lingua del mondo si è dimostrata impraticabile.

Tradurre accuratamente le varie lingue del colore è una sfida, ma può essere facilmente gestita adottando un processo semplice. Questo processo è chiamato gestione del colore .

Lo standard grigio

Ogni conflitto può essere risolto quando tutte le differenze sono accuratamente riconosciute e chiaramente definite. Nel caso del colore, sono stati ora stabiliti standard definiti che allineano i processi di acquisizione, visualizzazione e stampa in modo che riconoscano e si impegnino individualmente a rispettare un unico "Grey Standard" aziendale.

Quando ogni fase del processo è stata allineata internamente a questo standard universale e tutti e tre i processi sono collegati, si ottiene la vera coerenza del colore. E 'davvero così semplice.

Tutti i problemi di colore per tutti e tre i singoli contributi alla riproduzione del colore ruotano attorno a questo unico colore di grigio neutro. L'assoluta semplicità del concetto di bilanciamento del colore si concentra sulla tonalità di grigio imparziale e "non colorata". La scienza del colore si basa sul fatto che tutte le immagini fotografiche sono registrate come tre canali di luce colorata; rosso, verde e blu.

Quando questi tre colori vengono prodotti (acquisiti, visualizzati e pubblicati) con valori uguali, il risultato è il colore combinato del grigio neutro (nessuna dominante di colore). Il grigio è lo standard del Sacro Graal di tutti i colori. Al centro della ruota dei colori, tra tutti i colori primari (RGB) e secondari (CMY) c'è il colore grigio neutro.

Quando questo equilibrio viene mantenuto in una fotografia a colori, tutti i colori rimangono “bilanciati”, l'obiettivo finale della gestione del colore. Sebbene la complessità del processo sia immensa, il controllo coinvolge solo un processo in tre fasi e il sistema stesso è piuttosto elegante e semplice.

Una volta che la fotocamera riconosce il grigio neutro, tutti gli altri colori nello spettro visibile verranno registrati accuratamente. Quando viene insegnato al monitor del computer come visualizzare lo stesso grigio neutro (oltre a una gamma estesa di colori primari e secondari), verrà visualizzata l'intera gamma di colori spettrali.

Mentre la miriade di tecnologie di stampa, inchiostri e carte disponibili oggi è sbalorditiva, è possibile insegnare a tutti i dispositivi di stampa a produrre risultati abbastanza coerenti e piacevoli, il tutto incentrato sulla stampa di una patch di inchiostri a colori che appaiono incolori.

Ecco come funziona tutto.

Acquisizione della fotocamera

Il primo comandamento della fotografia a colori:

Catturerai fedelmente un'illuminazione equilibrata.

La luce bilanciata è tutta una questione di neutralità; rispettando il non colore. Quando la fotocamera riconosce il grigio, orienta automaticamente tutti gli altri colori nella scena. Il colore obbedisce sempre al grigio. Oggetti come pneumatici per automobili e ombre proiettate su edifici bianchi sono esempi di colori neutri in modo affidabile.

Tutte le fotocamere digitali sono predisposte per vedere i colori con precisione durante le condizioni di luce diurna, generalmente tra le 9:00 e le 16:00. Sotto questa illuminazione, tutti gli oggetti di colore neutro vengono registrati fedelmente.

La luce che illumina ogni scena influenza i colori catturati dalla fotocamera. Ma la luce cambia sempre. Anche la luce solare naturale cambia costantemente la temperatura (colore).

Ogni volta che le nuvole passano sopra la nostra testa, il colore della luce diurna di 5500 ° K - 6500 ° K cambia leggermente. Quando vengono utilizzate sorgenti luminose alternative (incandescente, fluorescente, alogena, ecc.), I colori possono cambiare drasticamente, variando da 2500 ° K a 6500 ° K. Queste misurazioni vengono registrate come gradi di Kelvin (K), con i numeri più alti che registrano una luce più bianca.

Esistono diversi modi per garantire che i colori vengano catturati accuratamente nella fotocamera. È possibile utilizzare le preimpostazioni della fotocamera (luce diurna, cielo coperto, nuvoloso, incandescente, flash, fluorescente, ecc.), Includere una "scheda grigia" di riferimento in una ripresa mirata per stabilire il bilanciamento del colore in post-elaborazione o stabilire un bilanciamento del colore personalizzato ( anche utilizzando una scheda di riferimento grigia).

Monitorare la profilazione

I monitor dei computer, come i televisori, hanno una mente propria. Esistono numerose tecnologie video che utilizzano pixel RGB ultra-mini nei display a schermo piatto LCD (display a cristalli liquidi), plasma, LED (diodo a emissione di luce) e OLED (diodo a emissione di luce organica). Ogni tecnologia fornisce luce e colore in modo univoco e ha le proprie qualità spettrali.

Oltre ai sistemi di consegna, i singoli monitor della stessa tecnologia possono visualizzare i colori in modo leggermente diverso. Semplicemente non c'è alcuna garanzia che il monitor del tuo computer fornisca automaticamente un colore accurato appena estratto dalla scatola, e ancor meno dopo che è invecchiato un po '.

Ma c'è un modo infallibile per mettere a punto ciascuno di questi display in modo che producano colori accurati. La messa a punto prevede un dispositivo colorimetro monitor; uno strumento delle dimensioni di un mouse che analizza il colore della luce mentre fornisce al monitor un esame visivo.

Questo colorimetro penzola davanti al monitor mentre un software speciale fa lampeggiare sul monitor dozzine di variazioni di luce RGB sullo schermo. Il dispositivo legge la temperatura del colore e l'intensità di ciascuno di questi lampi mentre registra lo spettacolo di luci di tre minuti.

Dopo lo spettacolo, il software confronta automaticamente i risultati delle prestazioni del monitor con una tabella di riferimento di letture ideali. Questo confronto rivela la differenza tra ciò che il monitor dovrebbe fornire e ciò che viene effettivamente consegnato. I due elenchi vengono giustapposti e viene generata una personalità cromatica visiva o "profilo" del monitor.

Questo profilo contiene regolazioni di precisione alla normale uscita del monitor e regola i segnali di visualizzazione del monitor per compensare eventuali anomalie. Le "pistole" di colore del monitor vengono monitorate e regolate al volo per fornire al display segnali con colori precisi. Quello che una volta sembrava carino ora sembra piuttosto accurato. È piuttosto ingegnoso!

Profili della stampante

Le stampanti devono affrontare una moltitudine di variabili basate su tre fattori: tecnologie di stampa, marche di inchiostri e superfici della carta. Ciascuno di questi fattori ha un effetto significativo sul modo in cui i colori vengono stampati.

Attualmente esistono tre tipi distinti di stampanti a colori in grado di fornire risultati di qualità fotografica; getto d'inchiostro, stampanti laser e sublimazione del colore. Ciascuna di queste tecnologie si occupa di "inchiostro" davvero unico. Uso la parola inchiostro in modo approssimativo perché solo uno di questi utilizza effettivamente inchiostro, come lo conosciamo.

Punti geometrici basati su toner per la stampa laser (a sinistra) rispetto a motivi a inchiostro liquido in stile stocastico a getto d'inchiostro (a destra).

Le stampanti laser si occupano del toner, che è una polvere colorata che viene fusa nella carta. La sublimazione del colore copre fogli asciutti di colorante colorato a densità variabile che vengono cotti uno sopra l'altro. Le stampanti a getto d'inchiostro sono le uniche stampanti che effettivamente spruzzano particelle microscopiche di inchiostro liquido multicolore sulla carta.

I coloranti (inchiostri) utilizzati da ciascuno di questi dispositivi di stampa possono essere acquistati da più fornitori e quindi la coerenza del colore da un lotto all'altro è un problema. Anche le sfumature e le superfici della carta influiscono sull'aspetto dei colori stampati su di esse. L'inchiostro tende a depositarsi sulla carta patinata ma si assorbe nelle fibre della carta non patinata, il che cambia il modo in cui la luce si riflette dalla superficie e cambia i valori di saturazione del colore.

Per questo motivo, i produttori di stampanti di solito forniscono "profili stampante" incorporati nei driver della stampante (il software che controlla la stampante quando i file vengono inviati dal computer).

Vista laterale delle superfici in carta. I due punti in alto illustrati qui dimostrano come si comportano diversamente gli inchiostri a getto d'inchiostro quando vengono stampati su carta non patinata (superiore) e patinata (centrale). Il punto inferiore mostra che le particelle di toner laser sono "cotte" su ogni superficie della carta.

I profili della stampante sono "prescrizioni" per la correzione del colore per combinazioni di carta e inchiostro specifiche. Poiché la creazione di profili di stampanti è un processo molto specializzato che richiede apparecchiature specializzate, i produttori di solito forniscono profili individuali per la propria marca di carta e inchiostri.

Testano l'accuratezza della riproduzione di ciascuna carta e inchiostri e poi ti forniscono i file di correzione del colore "prescrizione" per quelle carte. Quando si seleziona la carta con il profilo corretto dal driver di stampa, la stampante generalmente fornisce colori accurati.

Ecco come funziona il processo di profilazione

Un file speciale viene inviato alla stampante contenente migliaia di campioni di colore molto specifici che vengono stampati su una carta specifica. Un dispositivo molto specializzato chiamato spettrofotometro legge quindi le patch sul file di test. Analizza i campioni di colore e confronta i risultati con i valori di colore effettivi.

Il software di profilazione utilizza quindi la differenza tra le due letture per creare un profilo; una serie di istruzioni che indicano alla stampante come correggere il colore di qualsiasi file di immagine stampato su quella carta.

Gestione del colore semplificata

Quindi ecco la linea di fondo per controllare (gestire) i colori nel tuo processo fotografico.

  1. Telecamera - Prendi nota del colore della luce che illumina la tua scena fotografica e imposta la fotocamera di conseguenza.
  2. Tenere sotto controllo - Acquista un dispositivo colorimetro poco costoso ed esegui un processo di ottimizzazione di 3 minuti ogni 60 giorni sul monitor del tuo computer.
  3. Stampante - Prendi nota della carta che carichi nella stampante e scegli il profilo corretto quando stampi le foto.

La gestione del colore è una scienza molto complicata, ma grazie ad alcuni ottimi prodotti e informazioni di Datacolor, controllare questa scienza è piuttosto semplice. Tutto ciò che serve è una consapevolezza dei problemi e tre semplici azioni.

Non lasciarti intimidire dalle informazioni tecniche: impara tutto ciò che devi sapere dall'eBook sulla gestione del colore di Datacolor. Iscriviti per scaricare l'eBook gratuito qui. Ogni lettore dPS che si iscrive all'eBook Datacolor FREE riceverà un capitolo al mese e sarà iscritto alla newsletter informativa Datacolor.

Disclaimer: Datacolor è un partner a pagamento di dPS

Articoli interessanti...