Comprensione della misurazione valutativa sulla fotocamera EOS

Di Andrew S. Gibson, l'autore di Understanding Exposure: Perfect Exposure on Your EOS Camera (attualmente con uno sconto del 36% su SnapnDeals).

Immagina di essere all'inizio del 1959. L'Alaska è stata appena ammessa come il 49 ° stato degli Stati Uniti. Fidel Castro è diventato il premier di Cuba. Elvis Presley e Buddy Holly sono in classifica. E Canon lancia la Flex, la sua prima fotocamera SLR in un'epoca in cui esistevano solo altri otto modelli di fotocamera SLR.

Il Flex (nella foto sopra) era così semplice per gli standard odierni che non aveva nemmeno un esposimetro integrato. Invece, ha utilizzato una fotocellula al selenio esterna accoppiata alla ghiera dei tempi di posa per la misurazione. La maggior parte dei fotografi allora utilizzava misuratori di luce esterni e componeva le impostazioni di esposizione nelle loro fotocamere, quindi immagino che ad alcune persone anche questo sistema primitivo sembrasse magico.

La prima fotocamera Canon con misurazione TTL (through-the-lens) è arrivata nel 1965. Il Pellix aveva un solo modo di leggere i livelli di luce: un misuratore spot del 12% al centro del mirino.

La media ponderata al centro è arrivata più tardi e ha servito bene i fotografi fino a quando il sistema di misurazione valutativa che conosciamo oggi è stato inventato alla fine degli anni ottanta.

Arriva la misurazione valutativa

La prima fotocamera Canon a disporre della misurazione valutativa è stata EOS 650, rilasciata nel marzo 1987. È stata anche la prima fotocamera Canon a utilizzare l'attacco EOS di nuova concezione.

EOS 650 aveva una modalità di misurazione valutativa a sei zone. La misurazione valutativa ha fatto molta strada da allora e ora la maggior parte delle fotocamere EOS utilizza un sistema di misurazione a 63 zone e microprocessori avanzati per analizzare le informazioni raccolte.

Il sensore di esposizione automatica della EOS 60D. Nota la griglia di sette per nove quadrati neri al centro. Queste sono le 63 zone di misurazione del sistema di misurazione valutativa iFCL di EOS 60D.

Comprensione della misurazione valutativa

La misurazione valutativa è la modalità di misurazione più sofisticata sulla tua fotocamera EOS. Poiché è quello che è più probabile che utilizzi in qualsiasi momento, è utile sapere come funziona. In effetti, se utilizzi la tua fotocamera EOS in una modalità completamente automatica, è l'unica modalità di misurazione che la fotocamera ti consente di utilizzare. È possibile passare a uno degli altri solo in modalità Programma, Priorità otturatore, Priorità diaframma o Manuale.

Altre modalità di misurazione

La maggior parte delle fotocamere EOS ha quattro modalità di misurazione: misurazione valutativa, parziale, spot e ponderata centrale (le fotocamere della serie One hanno anche la misurazione multi-spot).

La misurazione parziale, spot e ponderata centrale hanno tutte un'unica caratteristica in comune: rilevano l'esposizione dal centro del mirino.

Va bene se, come nella foto sopra, è lì che si trova il tuo soggetto principale.

Ma se il soggetto è decentrato, come in questo ritratto, devi puntare il centro del mirino sul soggetto, premere il pulsante di scatto a metà per bloccare l'impostazione dell'esposizione, quindi ricomporre. Questo è un po 'una seccatura a dir poco e fa perdere tempo.

La misurazione valutativa è stata sviluppata come un modo per misurare accuratamente i soggetti fuori centro. Funziona dividendo il mirino in zone, ognuna delle quali fornisce una lettura separata che la fotocamera analizza per calcolare l'esposizione. Inoltre, collabora con il sistema di messa a fuoco automatica della fotocamera. La lettura è ponderata verso il punto di messa a fuoco automatica attiva sulla base del fatto che è molto probabile che copra l'argomento principale.

Questo è il pattern di misurazione valutativa a 35 zone utilizzato su EOS 300D, 350D, 400D, 450D, 500D, 1000D, 10D, 20D, 30D, 40D, 50D, 5D e 5D Mark II. Nota come ogni punto AF occupa un quadrato diverso.

Misurazione valutativa iFCL

Canon ha introdotto la misurazione valutativa Intelligent Focus, Color and Luminance (iFCL) su EOS 7D. Da allora è stato incluso su tutte le nuove fotocamere EOS (esclusi i modelli della serie One).

La premessa alla base di questo nuovo sistema è che gli esposimetri che reagiscono solo alla luminosità del soggetto sono più sensibili alla luce rossa dell'occhio umano. Potrebbero pensare che un soggetto di colore rosso sia più luminoso di quanto non sia in realtà e restituire una falsa lettura che sottoespone il soggetto.

Per contrastare questo problema, l'esposimetro utilizzato dalla misurazione valutativa iFCL ha due livelli. Quello superiore è sensibile alla luce verde e blu e quello inferiore a verde e rosso. Ogni livello misura i colori a cui è sensibile e la fotocamera combina le letture per calcolare le impostazioni di esposizione.

Inoltre, la misurazione iFCL utilizza le informazioni provenienti da più punti di messa a fuoco automatica. Sa quali punti AF hanno raggiunto la messa a fuoco e quali hanno quasi raggiunto la messa a fuoco e valuta la lettura dell'esposizione verso le zone in cui si trovano i punti AF sulla base che probabilmente copriranno il soggetto.

Il pattern di misurazione valutativa a 63 zone utilizzato da EOS 100D, 550D, 600D, 650D, 700D, 750D, 1100D, 60D, 7D e 6D. Tutti i modelli tranne gli ultimi due utilizzano il modello AF a 9 punti nel diagramma.

Misurazione valutativa e Speedlite

La misurazione valutativa diventa davvero unica se utilizzata insieme a un'unità flash Speedlite portatile. È importante che la fotocamera misuri la luce riflessa dal soggetto per calcolare con precisione l'esposizione richiesta dal flash. La misurazione ponderata centrale, spot o parziale può farlo solo se il soggetto si trova al centro dell'inquadratura. La misurazione valutativa può farcela indipendentemente dalla parte dell'inquadratura occupata dal soggetto.

Capire l'esposizione

Questa è una breve panoramica di come funziona la misurazione valutativa sulla tua fotocamera EOS. Spero che ti aiuti a capire come funziona il sistema di misurazione della tua fotocamera e ti aiuti a scattare foto esposte meglio.

Se desideri saperne di più su come funziona l'esposizione sulla tua fotocamera EOS, il mio ebook Understanding Exposure è ora disponibile su Snapndeals.

Articoli interessanti...