7 suggerimenti per la ripresa e l'elaborazione di tracce stellari

Hai mai guardato un'immagine del cielo notturno dove le stelle lasciano lunghe scie arcuate? Queste immagini, chiamate "tracce stellari", registrano il movimento delle stelle mentre la terra gira attorno al proprio asse. Questo è un modo convincente per catturare un fenomeno non osservabile all'occhio umano.

Come con molte tecniche di fotografia creativa, può esserci una curva di apprendimento ripida per le tracce delle stelle cadenti. Una conoscenza di base del cielo notturno, la conoscenza dell'impatto della lunghezza focale e della composizione possono aiutarti a massimizzare una notte fuori con l'obiettivo di scie di stelle cadenti.

Questo scatto di tracce stellari si aggiunge all'arte nativa dell'Hoonah Tlingit.

Alcune tecniche di post-elaborazione abbastanza semplici possono aiutarti a perfezionare il tuo scatto una volta a casa. Ti guiderò attraverso la tecnica di base per fotografare le tracce stellari, ti aiuterò a pensare a come la tua attrezzatura influisce sul risultato ed evidenzierò due tecniche di post-elaborazione che trovo utili.

1 - Tecnica di base per Shooting Star Trails

Il concetto delle tracce delle stelle cadenti è in realtà piuttosto semplice. Posiziona la fotocamera su un treppiede e quindi componi lo scatto. Consiglio di disabilitare l'autofocus in questo momento. Una volta che hai la giusta compostezza, imposta l'esposizione sulla tua fotocamera. In generale, ti consigliamo di esporre lo scatto il più a lungo possibile senza sovraesposizione. Puoi controllare l'istogramma della tua immagine per decidere se è stata sovraesposta o meno.

Nelle notti buie senza luna o inquinamento luminoso, puoi iniziare in modalità manuale, ISO 800, f / 2.8 (o inferiore / più ampio) e 15 secondi. Modifica queste impostazioni per catturare al meglio la tua scena. Una volta che sei soddisfatto dell'esposizione, dovrai impostare la fotocamera per scattare foto a intervalli regolari. Puoi farlo impostando il misuratore di intervallo interno della fotocamera o collegando un intervallometro esterno.

Ogni modello di fotocamera ha connessioni di intervallometro o impostazioni interne diverse (o potrebbe non avere questa funzione), quindi consulta il manuale della tua fotocamera per impostare correttamente questa impostazione. Durante la configurazione della fotocamera, pensa al numero di scatti che desideri effettuare. Più scatti fai più le stelle si muoveranno: con molti obiettivi inizierai a catturare movimenti significativi in ​​circa 8 minuti.

Di seguito esaminerò un paio di scenari in cui meno o più scatti potrebbero essere migliori. Come regola generale, scatto per un minimo di 45 minuti e fino a diverse ore. Lascia che la tua fotocamera scatti e goditi il ​​cielo notturno!

Elaborazione o impilamento delle tracce stellari

Una volta terminato lo scatto, importo le foto in Lightroom e Photoshop (utilizzando Adobe Bridge). Ci sono altri programmi di impilamento a stella con cui puoi sperimentare, ma mi piace Photoshop per questo compito. Per importare le foto da Adobe Bridge, apri il programma e vai alla posizione in cui sono archiviate le foto. Evidenzia le foto che desideri includere nella traccia delle stelle e poi vai su Strumenti -> Photoshop -> Carica livelli in Photoshop come livelli.

Una volta che i livelli sono stati caricati in Photoshop, potresti voler utilizzare la funzione di allineamento automatico (ignoralo se sei certo che il tuo treppiede non si è spostato) evidenziando i livelli nel pannello di destra e quindi andando su Modifica -> Allineamento automatico livelli - > Auto. Il passaggio finale è utilizzare la modalità di fusione "schiarisci" nel pannello Livelli e applicarla a tutti i livelli.

La funzione Schiarisci esamina tutti i livelli sovrapposti e quindi mantiene solo il pixel più chiaro. Tienilo a mente perché puoi usarlo a tuo vantaggio (esempi di quello sotto). Per completare l'immagine esportala in un formato lossless (mi piace TIFF). Puoi quindi continuare a modificare il nuovo TIFF in Lightroom o Photoshop.

2 - Suggerimenti per lo scatto

Conosci la stella polare

Avere una conoscenza di base dell'astronomia ti aiuterà a comporre il tuo scatto. La stella polare è spesso al centro delle scie stellari perché non si muove nel cielo mentre la terra gira sul suo asse. Per trovarlo, individua l'Orsa Maggiore (ad esempio, L'Orsa Maggiore) e poi segui la linea creata dalle stelle all'estremità del mestolo per individuare la Stella Polare.

Le app Star sul tuo telefono sono anche un ottimo modo per localizzare il mestolo o la stella polare. Una volta che sai dove si trova, puoi usarlo nel tuo scatto. Spesso mi piace seppellire la stella polare dietro un pezzo di un elemento in primo piano dando all'immagine finale un effetto girandola.

Conoscere la stella polare ti aiuterà con le tue tracce stellari! In questa immagine dell'Orsa Maggiore, ho circondato le stelle della costellazione in rosso e la stella del nord in verde.

Ho seppellito la stella polare dietro questo abete nero e ho scattato per quasi tre ore per fare questo scatto. L'immagine risultante ha un effetto girandola.

Ho messo la stella polare dietro un abete Sitka e ho scattato questa immagine a 14 mm fornendo molte stelle negli scatti e un effetto girandola.

3 - Trova alcuni elementi in primo piano

Gli elementi in primo piano sono sempre importanti per la fotografia di paesaggio. Quando si riprendono le tracce delle stelle, pensa agli elementi in primo piano che catturano l'essenza della scena o che puoi posizionare in modo ben visibile e da soli.

Con questo intendo oggetti che si distinguono dallo sfondo dell'immagine. Puoi anche scegliere elementi che possono essere illuminati dalla luce della luna o usando la pittura leggera. Mi piace pensare che le tracce stellari raccontino la storia della notte e gli oggetti che includi in quella cornice ti aiuteranno in quella narrazione.

Ho scelto questo vecchio fienile perché la luce della luna ha contribuito a illuminare il suo carattere e ho sentito che ha catturato l'essenza del campo del Minnesota in cui si trova.

4 - Usa la pittura leggera

L'uso della modalità di fusione Schiarisci di Adobe Photoshop offre molte opzioni per la creatività quando si riprendono le scie stellari! Ricorda, che Schiarisci mantiene solo i pixel più chiari nell'intera pila di immagini. Quindi, usando il light painting, puoi schiarire selettivamente gli oggetti nella cornice.

Illumina il primo piano con il telefono, la lampada frontale o un'altra fonte di luce. Puoi illuminare l'intera cosa o illuminarne selettivamente gli elementi. Sperimenta con angoli di illuminazione, intensità e colori. Se non ti piace l'illuminazione di una certa esposizione, rimuovila semplicemente dai livelli che importi in Photoshop. Di solito trascorro i primi 10-20 fotogrammi illuminando il primo piano per assicurarmi di catturare l'illuminazione che desidero e poi lascio che la fotocamera esegua il resto degli scatti.

Qui ho utilizzato il light painting per illuminare questa bandiera che ho posizionato in primo piano. Ho acceso la bandiera in diversi modi e poi ho scelto la cornice migliore da includere nello scatto finale.

In questa immagine, ho usato la pittura della luce per illuminare dolcemente gli alberi innevati in primo piano di questo scatto.

5 - Scegli la lunghezza focale dell'obiettivo con saggezza

La lunghezza focale avrà un forte impatto sulla quantità di tempo necessaria alle stelle per spostarsi nel tuo scatto. Lunghezze focali più brevi (ad esempio, 14 mm) impiegheranno più tempo per le stelle ad avere scie rispetto a lunghezze focali più lunghe (ad esempio, 50 mm). Sapere questo ti aiuterà a pianificare il tuo tiro. Le tre immagini sottostanti sottolineano questo effetto.

Il grandangolo del mio obiettivo grandangolare da 14 mm mi ha permesso di catturare la stella polare e un paesaggio di montagna distante, ma sono rimasto lì per tre ore per ottenere la quantità di movimento nelle stelle che volevo. Il secondo scatto è stato effettuato a 50 mm e sono trascorsi solo 45 minuti prima che si verificasse un movimento significativo nelle stelle. Il terzo scatto è un esempio estremo, girato a 300 mm. La striscia verde è la cometa Lovejoy e mostra solo un paio di minuti di movimento.

Questa immagine è stata scattata a 14 mm, full frame e cattura circa tre ore di movimento delle stelle.

Scattata a 50 mm, questa immagine ha impiegato 45 minuti per catturare il movimento della stella.

Questa immagine è stata acquisita a 300 mm su un sensore di ritaglio (600 mm effettivi) e mostra solo un paio di minuti di movimento. La serie verde è la cometa Lovejoy.

6 - Gioca con i tempi di esposizione

La lunghezza della tua esposizione influenzerà fortemente l'immagine finale che creerai. Non ci sono linee guida su quale sia la lunghezza giusta, invece, dovresti essere guidato da ciò che ti sta bene. Un suggerimento: puoi sempre scegliere di utilizzare meno scatti di quelli catturati, quindi per impostazione predefinita prenderei tutte le immagini che ritieni necessarie e quindi modificherei la quantità una volta importate in Photoshop.

Quale delle immagini sottostanti ti piace di più? L'esposizione più lunga o quella più breve?

Questa immagine cattura circa 45 minuti di tracce stellari a 50 mm e mi piace il modo in cui l'arco cadente delle stelle conduce il mio sguardo verso le montagne sottili sullo sfondo.

Questa immagine cattura 30 minuti di tracce stellari a 24 mm. Ho sentito che includere altre stelle avrebbe portato via dal molo in primo piano.

7 - Suggerimenti per la composizione

Photoshop ti offre molta flessibilità per mascherare e preservare o rimuovere elementi dello scatto. Poiché gli scatti delle tracce stellari sono immagini composite e quindi arte, non mi preoccupo di queste alterazioni da un punto di vista etico. Le due tecniche seguenti possono aiutarti a migliorare lo scatto finale. Presumono che tu abbia familiarità con il mascheramento e la correzione in Adobe Photoshop. In caso contrario, troverai utili gli articoli collegati!

Mascherare un primo piano

Una volta compilate le immagini, potresti trovare elementi che distolgono lo sguardo dal fenomeno che stai cercando di catturare. Poiché l'orizzonte e il primo piano sono gli stessi per tutte le immagini, puoi scegliere quale primo piano ti sembra migliore. Usa quel primo piano per creare una selezione e convertire la selezione in una maschera.

Puoi usare quella maschera e il file TIFF esportato per mantenere il primo piano che ti piace. Nelle immagini sottostanti, volevo rimuovere gli escursionisti che si sono avvicinati alle colate di lava nel Parco Nazionale dei Vulcani e le luci luminose della lava che sono diventate sovraesposte quando la lava si è spostata. Ho usato una maschera per preservare gli elementi in primo piano che mi piacevano.

Modifica di aerei e satelliti

Quasi tutte le notti buie avranno un aereo o un satellite che attraversa la tua cornice. Fortunatamente, questi sono molto facili da rimuovere! Usa lo strumento Pennello correttivo e imposta lo strumento per sostituire e riconoscere il contenuto. È possibile disegnare una linea lineare con lo strumento sulla traccia del satellite o dell'aereo. Ecco! La traccia incriminata scomparirà.

Ho usato il pennello correttivo per rimuovere i satelliti e gli aerei dall'immagine finale sopra. Puoi dire la differenza?

Sommario

Quindi eccoti! Spero che questo articolo possa aiutarti a uscire dalla tua prima notte di scia di stelle cadenti. Ricorda, conoscere le tue stelle, scegliere un primo piano e giocare con la lunghezza dell'esposizione contribuirà a portare lo scatto che immagini alla realtà.

Una volta elaborate le immagini impilate, hai molta flessibilità in Photoshop per correggere le parti che non ti piacciono. Come dico sempre, i pixel sono economici. Quindi creane tanti mentre impari a riprendere ed elaborare le scie stellari.

Articoli interessanti...