Come ottenere la corretta esposizione di notte con questi utili suggerimenti

Esporre correttamente le tue foto di notte può essere un po 'impegnativo e richiederà sicuramente alcuni tentativi ed errori.

Le luci colorate sul ponte Tappan Zee si riflettono nel fiume Hudson di notte. Dietro lo scatto: ISO 200, apertura f / 8, velocità otturatore 90 secondi, bilanciamento del bianco al tungsteno, obiettivo utilizzato con zoom Nikkor manuale 80-200 mm f / 4.5.

In questo articolo imparerai informazioni utili per ridurre al minimo la curva di apprendimento. Segui i suggerimenti delineati di seguito e potrai scattare fotografie notturne migliori in pochissimo tempo.

Vista notturna del Ponte Tappan Zee e del paesaggio circostante. Dietro lo scatto: ISO 400, apertura f / 8, velocità otturatore 10 secondi, bilanciamento del bianco automatico, obiettivo utilizzato 105mm f / 2.8 Nikkor.

Vista notturna del ponte Claiborne-Pell Newport e della baia di Narragansett, scattata a Jamestown, Rhode Island. Dietro lo scatto: ISO 200, apertura f / 8, velocità otturatore 25 secondi, bilanciamento del bianco fluorescente, obiettivo utilizzato 50mm f / 1.8D Nikkor.

Cose di cui avrai bisogno

Un treppiede

Se scatti di notte, le tue esposizioni saranno piuttosto lunghe (da uno a 30 secondi o più). Poiché è impossibile tenere la fotocamera perfettamente ferma per così tanto tempo, avrai bisogno di un treppiede robusto, in modo che la fotocamera non si muova affatto durante l'esposizione. Per una maggiore stabilità, puoi appendere la borsa della fotocamera (o un altro oggetto piuttosto pesante) al gancio sulla colonna centrale del treppiede. Ciò è particolarmente utile in condizioni ventose.

Lunga esposizione di piante illuminate dal lampione di notte a Nyack, New York. Dietro lo scatto: ISO 400, apertura f / 4, velocità dell'otturatore 30 secondi, bilanciamento del bianco al tungsteno, obiettivo utilizzato 50mm f / 1.8D Nikkor.

Pianta d'oro illuminata dal lampione di notte a Nyack, New York. Dietro lo scatto: ISO 400, apertura f / 4, velocità dell'otturatore 30 secondi, bilanciamento del bianco al tungsteno, obiettivo utilizzato 50mm f / 1.8D Nikkor.

Scatto remoto dell'otturatore

Con una lunga esposizione, qualsiasi movimento della fotocamera può rovinare lo scatto, rendendolo morbido o sfocato. Per assicurarti di ottenere un'immagine nitida, usa un pulsante di scatto remoto (trigger remoto). Il miglior tipo di scatto dell'otturatore da utilizzare è il tipo che funziona anche come un timer remoto. Se non disponi di un pulsante di scatto remoto, puoi utilizzare l'autoscatto della fotocamera. L'unico svantaggio dell'utilizzo dell'autoscatto è che dovrai mantenere la velocità dell'otturatore a 30 secondi o meno. Se non hai troppa luce, puoi sempre aumentare l'apertura (diminuire f-stop) o aumentare l'ISO per aumentare la velocità dell'otturatore.

Fogliame assortito illuminato da lampioni a Nyack, New York. Dietro lo scatto: ISO 200, apertura f / 5.6, velocità otturatore 30 secondi, bilanciamento del bianco fluorescente, obiettivo utilizzato 24mm f / 2.8D Nikkor.

Piante e alberi colorati a Nyack, New York. Dietro lo scatto: ISO 200, apertura f / 5.6, velocità otturatore 30 secondi, bilanciamento del bianco fluorescente, obiettivo utilizzato 24mm f / 2.8D Nikkor.

Impostazioni della fotocamera

Scatta in RAW

Tenendo presente la qualità dell'immagine, dovresti sempre sforzarti di scattare in formato RAW. Registra più informazioni sui pixel e non comprime affatto le immagini. RAW offre più opzioni di post-elaborazione, inclusa la correzione del bilanciamento del bianco. Se ti capita di sotto o sovraesporre un'immagine, puoi facilmente regolare l'esposizione se l'immagine è in formato RAW.

ISO

Quando si scattano foto con poca luce disponibile, è meglio utilizzare un ISO basso (400 e inferiore) e tempi di esposizione più lunghi. Questo è importante in modo da non ottenere troppo rumore (o granulosità) nelle immagini. Inoltre, assicurati di aver attivato la riduzione del rumore per esposizioni lunghe nelle impostazioni della fotocamera.

Albero dalle foglie gialle e nuvole in movimento di notte a Nyack, New York. Dietro lo scatto: ISO 200, apertura f / 5.6, velocità otturatore 30 secondi, bilanciamento del bianco al tungsteno, obiettivo utilizzato 50mm f / 1.8D Nikkor.

Albero nel vento di notte a Valley Cottage, New York. Dietro lo scatto: ISO 400, apertura f / 2.8, velocità dell'otturatore 30 secondi, bilanciamento del bianco al tungsteno, obiettivo utilizzato 50mm f / 1.8D Nikkor.

Usa la modalità manuale

Durante le riprese in condizioni di scarsa illuminazione, l'esposimetro della fotocamera potrebbe non leggere troppo bene la scena. La soluzione migliore è utilizzare la modalità Manuale, in cui controlli sia l'apertura che la velocità dell'otturatore. Per trovare una linea di base per l'esposizione corretta, puoi utilizzare il seguente trucco (che ho imparato in questo post del blog):

  1. Imposta la tua ISO su 6400
  2. Imposta il diaframma che desideri utilizzare
  3. Imposta la velocità dell'otturatore su un secondo

Effettua uno scatto di prova utilizzando queste impostazioni per avere un'idea di come sarà la tua immagine. Nota, queste impostazioni sono quasi equivalenti a un'esposizione di 1 minuto a ISO 100, un'esposizione di 30 secondi a ISO 200 e un'esposizione di 15 secondi a ISO 400, ecc. Se la tua scena è troppo luminosa con queste impostazioni, puoi vedere che aspetto ha un'esposizione di mezzo secondo a 6400. Ciò equivarrebbe a un'esposizione di 30 secondi a ISO 100, un'esposizione di 15 secondi a ISO 200 e un'esposizione di 8 secondi a ISO 400. Questa linea di base è un'ottima guida, puoi facilmente eseguire scatti di prova per capire a quale velocità dell'otturatore uso.

Foglie di autunno in movimento di notte a Valley Cottage, New York. Dietro lo scatto: ISO 400, apertura f13, velocità otturatore 30 secondi, bilanciamento del bianco fluorescente, obiettivo utilizzato 24mm f / 2.8D Nikkor.

Albero e nuvole in movimento di notte a Nyack, New York. Dietro lo scatto: ISO 400, apertura f / 5.6, velocità dell'otturatore 30 secondi, bilanciamento del bianco al tungsteno, obiettivo utilizzato 50mm f / 1.8 Nikkor manuale.

Se usi il trucco di cui sopra, non perderai tempo inutilmente facendo un sacco di lunghe esposizioni di prova. Così com'è, la fotografia notturna a lunga esposizione richiede molto tempo. Assicurati di riportare la tua ISO a 400, o inferiore, prima di iniziare a scattare foto che intendi conservare.

Nelle scene in cui hai una discreta quantità di luce disponibile (ad es. Luoghi con numerosi lampioni), potresti essere in grado di utilizzare la modalità Priorità di apertura invece della modalità Manuale.

In conclusione

La fotografia notturna può essere piuttosto complicata e richiede una buona quantità di pratica. Col tempo, avrai un'idea della quantità di luce in varie scene notturne e sarai in grado di capire le impostazioni accurate della fotocamera con relativa facilità. Si spera che le informazioni contenute in questo post ti aiutino a catturare fantastici scatti notturni a lunga esposizione, che non richiedono molta post-elaborazione.

Articoli interessanti...