5 consigli per quando ti senti inadeguato come fotografo

Frustrante non è vero? Non importa quello che fai, alcuni giorni semplicemente non lo fai sentire come un fotografo. Hai voglia di riagganciare per sempre la videocamera perché ti chiedi, qual è il punto di tutto questo? In altre parole, ti dispiace per te stesso perché ti senti inadeguato anche solo definendoti un fotografo. Bene, la buona notizia è che non sei solo anche se sembra così.

Vai su Facebook e Twitter e tutto ciò che vedi sono persone che ti mostrano quanto sia bella e felice la loro vita. Sembra che ognuno di questi fotografi abbia le sue cose insieme mentre tu, povera anima, no. La cosa divertente è che di tanto in tanto tutte quelle superstar dei social media pubblicano qualcosa che rivela un'immagine diversa: a volte non sono felici, a volte sono decisamente depresse.

Vedi, ecco quello che nessuno ti dice; sentendosi giù di sé, il tuo lavoro è parte integrante del processo creativo.

"Non sono un pittore." Indovina chi l'ha scritto nel suo diario? Michelangelo. No, non la Tartaruga Ninja, ma uno dei migliori pittori mai vissuti. È assurdo pensare che un artista così abile abbia così tanti dubbi su se stesso, no? Cosa devi FARE se ti senti così insicuro o inadeguato da voler semplicemente abbandonare la tua fotocamera? Scopriamolo.

La sindrome dell'impostore

Ti sei mai sentito come se stessi tirando una truffa a tutti definendoti un fotografo? Paura di essere "scoperto" un giorno? Ti senti come una frode totale? Tutti questi sono sintomi di una cosa chiamata sindrome dell'impostore. È l'incapacità di accettare i tuoi risultati. E la parte pazza? Tanti soffrono di quella specifica sindrome:

A volte mi sveglio la mattina prima di andare alle riprese e penso di non poterlo fare. Sono un imbroglione. - Kate Winslett (attrice Titanic)

Ho scritto undici libri, ma ogni volta penso: "uh oh, lo scopriranno ora. Ho fatto un gioco a tutti e loro mi scopriranno. " - Maya Angelou (famosa autrice)

Come vinci quei sentimenti di essere un imbroglione? Personalmente ho una lista scritta dei miei successi e anche dei bei commenti che le persone hanno fatto. Quando mi sento giù, li leggo tutti ei sintomi della sindrome dell'impostore di solito svaniscono. MA, ti sento dire: "Non ho molti risultati!"

Probabilmente non è vero, imparare cose come Aperture, velocità dell'otturatore, ISO e altro sono risultati. Fare una foto migliore di quella che hai fatto ieri è un risultato. Devi tagliarti un po 'di allentamento e darti credito dove è dovuto. Ricorda sempre che quando ti senti un impostore, è una sindrome, non significa che sia vero.

La cosa sui sentimenti

Questo ci porta alla "cosa" dei sentimenti. Vedi, i sentimenti non sono verità, ma opinioni. Solo perché non ti SENTI come un fotografo non significa che non lo sei. Non puoi controllare i sentimenti, vanno e vengono per capriccio. Ma ciò che PUOI controllare è accettarli o rifiutarli. Il buon libro dice: "Proteggi il tuo cuore con tutta la diligenza perché da esso scaturiscono tutte le questioni della vita". Significa, guarda quello che dici a te stesso, è ciò che accetti come vero che farà la differenza.

Hai appena soffiato qualcosa. I sentimenti che ti definiscono un perdente iniziano a spuntare. Puoi accettare quei sentimenti o scegliere di rifiutarli. O sei uno schiavo o un maestro dei tuoi sentimenti. Se inizi a sentirti come se non fossi un fotografo, scegli di ignorarli.

Il cuore della fotografia

Una cosa che potrebbe farti sentire davvero male con te stesso è il successo percepito di altri fotografi. Basta guardarli. Migliaia di Mi piace e popolarità. Voi? Due Mi piace, incluso uno del tuo familiare. Tu Facebook e tu twitti per ottenere solo il silenzio in cambio. E allora?

Quando ti senti giù di morale, ricorda che ciò che conta veramente nella fotografia non sono i like, la popolarità, i riconoscimenti o l'attrezzatura che possiedi. Sono le immagini. Sono ciò che conta di più. Niente lo illustra più di una citazione dal film Amadeus. Salieri, quando ha sentito un brano di Mozart ha detto: "Stavo fissando attraverso la gabbia di quei meticolosi tratti di inchiostro una bellezza assoluta".

Niente lo illustra più di una citazione dal film Amadeus. Salieri, quando ha sentito un brano di Mozart ha detto: "Stavo fissando attraverso la gabbia di quei meticolosi tratti di inchiostro una bellezza assoluta". Salieri godette di un successo finanziario e di uno status elevato mentre Mozart era spesso in povertà e rifiutato … ma la sua musica, la sua musica era prodigiosa! Aveva fama e fortuna … ma quello che non aveva era ciò che contava di più, le abilità di Mozart.

Senti, non sto dicendo che tu o io siamo come i Mozart della fotografia, ma devi decidere cosa ti interessa veramente della fotografia. Se questo è un successo in termini di riconoscimenti, allora vai a cercarlo. Ma se è un successo nel creare grandi immagini che ti interessano, allora non sentirti male se non ottieni la risposta che cerchi. Essere un buon fotografo ed essere popolare sono due bestie diverse. Uno deriva dalla conoscenza della fotografia, l'altro dal modo in cui commercializzarti. È abbastanza noto che Van Gogh è morto da artista sconosciuto, ma è stato comunque un grande artista.

Cambia le cose

A volte sentirsi giù per il proprio lavoro è una funzione della ridondanza. È la stessa vecchia stessa vecchia, ogni giorno. Potrebbe essere un buon momento per cambiare un po 'le cose. Se scatti a colori, prova in bianco e nero. Se scatti su pellicola, prova il digitale. Un modo vero e provato in cui scuotono le cose alla scuola d'arte è che ti danno un soggetto da disegnare. Ma vogliono che tu lo disegni sottosopra in modo che ti scuota il cervello.

Inoltre, prova a cambiare il tuo argomento. Se scatti cose di famiglia, prova la fotografia di strada. Se fai sport, prova i paesaggi. Questa è una di quelle cose in cui non puoi sapere dove porta finché non provi. Potresti renderti conto che quello che hai girato fino ad allora non era qualcosa che ti piaceva davvero!

Mettiti d'impegno

Il cervello va in overdrive quando lo limiti in un certo modo. Quindi, impegnati in certe cose per un determinato periodo di tempo. Supponiamo che tu abbia un obiettivo da 15 mm che sta raccogliendo polvere. Impegnati a utilizzare solo quell'obiettivo per un mese.

Oppure puoi impegnarti in un altro modo semplicemente avviando un progetto. Un progetto ti costringe a inventare schemi e collegamenti tra le immagini. Inoltre ha l'effetto aggiuntivo di aumentare la tua autostima perché un progetto completo sembra più sostanziale delle immagini una tantum. Inoltre, se realizzi un progetto tematicamente vicino a te, sarai più connesso ad esso, rendendo ancora più probabile che tu realizzi immagini migliori.

Conclusione

Quando Michelangelo scrisse: "Non sono un pittore". nel suo diario, aveva due scelte: abbandonare il pennello o andare avanti. Il mondo conosce il suo lavoro semplicemente perché ha scelto di andare avanti. È andato oltre quei sentimenti di inadeguatezza e ha finito per essere più forte.

In ogni cosa ci sono sempre ostacoli all'insicurezza. Mentre molti li vedono come negativi, io li vedo come test. È come un tutore che ti fissa in faccia e ti chiede: "Sei SICURO di voler continuare? Vuoi VERAMENTE essere un fotografo? "

Quindi … lascia che ti chieda, quanto lo vuoi TU? Sii te stesso, resta concentrato e continua a scattare. Condividi i tuoi suggerimenti per superare i tuoi sentimenti di inadeguatezza nei commenti qui sotto.

Articoli interessanti...